2018 week 2 – Raiders at Broncos preview

Non sarà certamente una partita facile quella che i Raiders giocheranno a Denver contro i Broncos. La squadra del Colorado ha un front seven molto temibile, con uno dei migliori difensori della lega e con un rookie molto promettente, ed in attacco è capace di impensierire chiunque se gli interpreti sono in giornata. I nero-argento sono circondati da una pesante aria negativa e le critiche, spesso esagerate o addirittura gratuite, piovono ogni giorno su Gruden, McKenzie, proprietà e giocatori.

season_matchups_2018_w02_Raiders-Broncos

Certamente la sconfitta nella partita inaugurale contro i Rams ha destato preoccupazioni soprattutto relativamente al calo di rendimento di Derek Carr, che sembra proprio necessitare di una infusione di fiducia e coraggio. Non tutto è cupo però ed è necessario affrontare questa nuova avventura targata Gruden con la consapevolezza che ci saranno alti e bassi e che la ricostruzione, perché è evidente che di questo si tratta, necessiterà di tempo. La speranza è che il coaching staff sappia cosa sta facendo e che le transazioni che stanno facendo storcere il naso a giornalisti e tifosi siano mirate a raggiungere un equilibrio che permetta alla squadra di ripartire in fretta per risalire nella “catena alimentare” della NFL.
Continua a leggere

2018 week 1 – Rams 33 – Raiders 13

Parte ufficialmente l’era Gruden 2.0. Certamente non una partita semplice per i Raiders, che ospitano i temibili Rams di coach Sean McVay, dei DT Aaron Donald e Ndamukong Suh, dei CB Aqib Talib e Marcus Peters, del RB Todd Gurley e del QB Jared Goff.

2018_w01_Rams-Raiders_Derek_Carr-Jon_Gruden

Il QB dei Raiders Derek Carr (4) parla con l’head coach Jon Gruden durante il MNF contro i Los Angeles Rams all’Oakland-Alameda County Coliseum il 10 settembre 2018. (Foto: Thearon W. Henderson/Getty Images)

I Silver & Black sono un mistero ancora da svelare. In preseason i titolari hanno giocato poco o niente e Gruden non ha mostrato le carte chiamando schemi semplici. La prima stagionale è un banco di prova durissimo e i tifosi, dopo la delusione del trade che ha mandato Khalil Mack a Chicago, sono già tesi come una corda di violino.  Continua a leggere

Khalil Mack ai Bears, il trade per A.J. McCarron e il primo 53-men roster del 2018

Sabato 1 settembre è stato un giorno intenso per i tifosi dei Raiders. C’era la curiosità di capire che scelte avrebbe fatto Jon Gruden relativamente ai tagli che dovevano portare il roster a 53 giocatori ma la giornata è incominciata con una notizia inaspettata: il DE Khalil Mack è stato mandato a Chicago a seguito di un trade con i Bears.

2017_w13_Giants-Raiders_Khalil_Mack

Il defensive end Khalil Mack (52) entra in campo prima della partita tra New York Giants e Oakland Raiders del 3 dicembre 2017. (Foto: Cary Edmondson/USA TODAY Sports)

I Silver & Black hanno poi destabilizzato ulteriormente la Raider Nation tagliando entrambi i backup QB e prendendo via trade dai Bills A.J. McCarron. Facciamo un riepilogo del pazzo sabato nero-argento.  Continua a leggere

Raiders Training Camp 2018 – L’ultima settimana a Napa e il ritorno di Donald Penn

Il Training Camp 2018 dei Raiders si è concluso il 15 agosto, con un giorno di anticipo rispetto al previsto. L’head coach Jon Gruden ha deciso di premiare i suoi ragazzi e di lasciarli riposare un giorno in più in vista della seconda partita di preseason, che vedrà i Raiders tornare al Memorial Coliseum di Los Angeles dopo 24 anni.

2018-08-15_Donald_Penn

Il T Donald Penn è tornato in campo in tempo per l’ultimo allenamento del Training Camp 2018. (Foto: Raiders.com)

Superate le visite mediche Donald Penn è tornato ad allenarsi con i compagni e, un po’ a sorpresa, è stato provato nel ruolo di right tackle. In attesa dell’inizio della partita di preseason contro i Rams (ore 22 italiane) ecco il resoconto dell’ultima settimana a Napa.  Continua a leggere

Draft 2018 – Al primo round i Raiders scelgono il T Kolton Miller. Dagli Steelers arriva via trade il WR Martavis Bryant

Il Draft non è una scienza esatta; tanti giocatori sottovalutati dagli “esperti” si sono rivelati nel corso degli anni dei campioni ed altri considerati scelte sicure si sono invece dimostrati dei bidoni. Non è quindi il caso di fasciarsi la testa per il momento, ma non si può nascondere un po’ di delusione. Dopo aver fatto trade down dalla 10 alla 15 i Raiders hanno scelto l’OT di UCLA Kolton Miller.

2018-04-26_NFL_Draft_Kolton_Miller

Il T Kolton Miller (UCLA) sul palco con il commissioner Roger Goodell dopo essere stato scelto dagli Oakland Raiders nel primo round del Draft NFL 2018 al AT&T Stadium. (Foto: Tim Heitman/USA TODAY Sports)

Certamente il ruolo di T era da rinforzare, e a quanto pare i Silver & Black avevano il giocatore in grande considerazione visto che il suo nome era stato accostato alla squadra di Oakland nei giorni scorsi. La prima giornata dell’NFL Draft nero-argento era iniziata con il taglio del DT Darius Latham e si è conclusa con l’acquisizione via trade del WR degli Steelers Martavis BryantContinua a leggere