Quando si imbarca acqua i topi scappano

La flotta nero-argento è in mezzo ad una tempesta e molti iniziano a mettere in dubbio che l’ammiraglio Gruden sappia cosa sta facendo. Alcune mosse dell’head coach, già dalla offseason, hanno fatto storcere il naso a diversi osservatori e tifosi ed ora che i risultati sul campo non sono in linea con le aspettative di inizio stagione è arrivato il momento di sparare a zero sul front office dei Raiders e sui pochi giocatori rappresentativi rimasti.

2018_w01_Rams-Raiders_Derek_Carr-Jon_Gruden_sideline

Il QB degli Oakland Raiders Derek Carr (4) discute con l’head coach Jon Gruden. (Foto: Kyle Terada/USA TODAY Sports)

Ho deciso di trattare in questo articolo alcune delle polemiche che ci sono state ad Oakland in questi ultimi giorni. C’è un ammutinamento sulla nave pirata? Gruden dovrà guardarsi le spalle dalla sua ciurma di veterani? E’ vero che il rapporto fra capitan Derek Carr e i compagni si è incrinato?  Continua a leggere

Annunci

Free Agency 2018 – I Raiders rinnovano il contratto a Lee Smith

Jon Gruden ha dichiarato che per correre con successo serve un fullback e un blocking TE. Nel primo giorno di Free Agency è arrivata la notizia dell’accordo triennale tra i Raiders e Lee Smith, che permetterà al TE di restare in nero-argento.

2017_PRE2_LAR-OAK_Lee_Smith_TD

Il TE Lee Smith (86) festeggia un TD durante la partita di preseason 2017 contro i Los Angeles Rams. (Foto: Raiders.com / Elaborazione grafica: RaidersITALIA)

Ancora non è arrivata la conferma ufficiale dalla squadra, ma il giocatore ha già postato una foto scattata con la moglie e i figli dopo la firma del nuovo contratto.  Continua a leggere

Free Agency 2018 – I Raiders rinnovano il contratto di Justin Ellis

Justin Ellis ed i Raiders hanno trovato un accordo triennale che toglie dal mercato il DT prima dell’inizio della Free Agency. Ellis era in scadenza di contratto ed il suo rinnovo consentirà ai nero-argento di lavorare con più tranquillità in questi primi caotici giorni in cui spesso le squadre strapagano mediocri giocatori e nella preparazione del Draft.

2016_w03_Raiders-Titans_Justin_Ellis

Il DT Justin Ellis (78) fotografato durante la partita di week 3 del 2016 contro i Titans. (Foto: Raiders.com)

Secondo indiscrezioni il contratto triennale consentirà al giocatore di mettere in banca almeno 6.25 milioni di dollari già al momento della firma. Continua a leggere

Raiders Training Camp 2017 – Caso Conley archiviato, Penn continua l’holdout

Arriva la prima pausa per i giocatori nero-argento dopo 4 giorni di Training Camp, ed è il momento di fare il punto della situazione. Dopo due allenamenti con le protezioni leggere i Raiders hanno iniziato a fare sul serio e sono passati in modalità “full pads; il tempo a disposizione è poco e la prima partita di preseason sarà il 12 agosto allo University of Phoenix Stadium contro gli Arizona Cardinals.

2017-07-30_TC_Jim_Otto-OL

Gli uomini della OL dei Raiders fotografati insieme alla leggenda nero-argento Jim Otto. (Foto: Raiders.com)

Nessuna novità sul fronte Donald Penn; il giocatore continua il suo holdout nella speranza di poter strappare un adeguamento del contratto che lo lega ai Raiders ancora per questa stagione. C’è però una notizia molto positiva: le accuse di stupro contro Gareon Conley sono cadute ed il giocatore è ora libero di concentrarsi esclusivamente sul football.  Continua a leggere

Lee Smith in IR, promosso Ryan O’Malley, altre modifiche alla practice squad

Continuano le operazioni di modifica del roster dei Silver & Black. Il TE Lee Smith, come previsto, è stato inserito nella Reserve/Injured list ed al suo posto i Raiders hanno promosso dalla practice squad il rookie Ryan O’Malley.

2016_w04_raiders-ravens_derek_carr-lee_smith-latavius_murray

Derek Carr (4) e Latavius Murray (28) aiutano il TE Lee Smith (86) ad uscire dal campo dopo l’infortunio subito contro i Ravens.

Con la promozione di O’Malley i posti disponibili nella practice squad erano diventati due e la squadra ha richiamato il LB Darnell Sankey ed ha aggiunto il LB Tyrell AdamsContinua a leggere

Babbo Natale non esiste – Raiders Free Agency 2015

Sono sicuro che è capitato a ciascuno di voi nel corso della vostra infanzia; che sia stato un compagnetto di scuola più scafato, un fratello maggiore dispettoso o un genitore esasperato, prima o poi qualcuno ha cancellato tutta la magia dicendovi che “Babbo Natale non esiste!” (ecco, se ancora ci credevate al buon vecchietto con la barba bianca, adesso sono stato io il cinico bastardo a rovinare la vostra ingenua fanciullezza).

I fan dei Raiders avevano spedito all’uomo di rosso vestito una lunga lettera dove avevano espresso tutti i loro desideri. Si aspettavano regali costosissimi: Ndamukong Suh, Randall Cobb o Jeremy Maclin, Julius Thomas, Orlando Franklin o Mike Iupati, Rodney Hudson e magari anche Darrelle Revis e DeMarco Murray se fosse bastato lo spazio sulla slitta.

Reggie McKenzie non è Babbo Natale, è più come la zia che ti regala un comodo e pratico pigiama e un caldo maglione quando tu desideravi l’ultimissimo videogioco per la Play Station. McKenzie ha disatteso le aspettative e molti fan chiedono a gran voce la sua testa… io vado controcorrente: il maglione non mi dispiace per nulla e attendo di vedere come mi sta il pigiama…

Per ora sono arrivati Rodney Hudson (C), Lee Smith (TE), Dan Williams (DT), Malcolm Smith (LB), Roy Helu (RB), Curtis Lofton (MLB) e Nate Allen (S).

FA_Raiders

Da sinistra: Rodney Hudson, Roy Helu Jr., Dan Williams, Lee Smith, Malcolm Smith, Curtis Lofton e Nate Allen

Certi articoli sono andati esauriti prima ancora che aprissero i negozi (Randall Cobb e il DE Jerry Hughes hanno rinnovato con le rispettive squadre), per altri c’era molta ressa e alcuni dei possibili acquirenti avevano il vantaggio di non pagare l’IVA (Suh) e infine alcuni giocattoli, per quanto all’apparenza molto belli, lasciavano qualche dubbio sul rapporto qualità-prezzo (Julius Thomas). Reggie McKenzie ha sicuramente provato a sventolare i bigliettoni da 100 dollari, ma ha deciso di non partecipare ad aste folli (i più cattivi diranno che invece lo ha fatto ma i free agent hanno rifiutato l’offerta pur di non andare ad Oakland). C’è anche un’altra cosa da apprezzare: McKenzie continua a strutturare i contratti in modo che siano il più possibile “cap-friendly”; in questa maniera i Raiders avranno una buona liquidità anche nelle prossime stagioni.

Smettiamola di frignare per i regali che non sono arrivati e vediamo cosa è stato messo sotto l’albero.  Continua a leggere