Draft 2018 – Al primo round i Raiders scelgono il T Kolton Miller. Dagli Steelers arriva via trade il WR Martavis Bryant

Il Draft non è una scienza esatta; tanti giocatori sottovalutati dagli “esperti” si sono rivelati nel corso degli anni dei campioni ed altri considerati scelte sicure si sono invece dimostrati dei bidoni. Non è quindi il caso di fasciarsi la testa per il momento, ma non si può nascondere un po’ di delusione. Dopo aver fatto trade down dalla 10 alla 15 i Raiders hanno scelto l’OT di UCLA Kolton Miller.

2018-04-26_NFL_Draft_Kolton_Miller

Il T Kolton Miller (UCLA) sul palco con il commissioner Roger Goodell dopo essere stato scelto dagli Oakland Raiders nel primo round del Draft NFL 2018 al AT&T Stadium. (Foto: Tim Heitman/USA TODAY Sports)

Certamente il ruolo di T era da rinforzare, e a quanto pare i Silver & Black avevano il giocatore in grande considerazione visto che il suo nome era stato accostato alla squadra di Oakland nei giorni scorsi. La prima giornata dell’NFL Draft nero-argento era iniziata con il taglio del DT Darius Latham e si è conclusa con l’acquisizione via trade del WR degli Steelers Martavis Bryant

TRADE DOWN

Il CB di Ohio State Denzel Ward è stato scelto alla 4 dai Browns, il DE di N.C. State Bradley Chubb alla 5 dai Broncos e il LB di Georgia Roquan Smith alla 8 dai Bears. Sapere esattamente come era strutturata la Draft board dei Raiders non è possibile e molto spesso i General Manager camuffano per nascondere la delusione di non essere riusciti ad ottenere il loro giocatore preferito. Cosa sarebbe successo se Roquan Smith fosse stato ancora disponibile alla 10? I Raiders avrebbero puntato su di lui? Non lo sapremo mai. Sappiamo però per certo che rinforzare la linea d’attacco era una delle opzioni per il primo round.

Anche se non tutti concordano sul suo valore assoluto, molti davano l’OT Mike McGlinchey come miglior tackle del Draft. McGlinchey è stato scelto dai 49ers alla 9, posizione che sarebbe stata occupata dai Raiders qualora avessero vinto il lancio della monetina con i cugini del lato sbagliato della Baia.

Restavano disponibili tanti interessanti prospetti per rinforzare la difesa, come il DB di Alabama Minkah Fitzpatrick, il DT di Washington Vita Vea, il LB di Virginia Tech Tremaine Edmunds e il S di Florida State Derwin James. Tolto dai giochi il T di Notre Dame, il miglior T secondo i Raiders era a quel punto Kolton Miller. I Raiders avevano la possibilità di scegliere il miglior giocatore disponibile alla 10 o di puntare su un reparto specifico, ed hanno scelto di fare trade down e racimolare qualche scelta in più.

Con il QB Josh Rosen ancora sulla piazza i Silver & Black hanno trovato un trade partner negli Arizona Cardinals, che in cambio della scelta numero 10 hanno ceduto la loro scelta numero 15, la scelta 79 al terzo round e la scelta 152 al quinto round.

KOLTON MILLER

I Raiders hanno un grosso buco nel ruolo di RT (al momento il favorito per il posto da titolare è il nuovo acquisto Breno Giacomini) ed inoltre hanno necessità di trovare il LT del futuro, visto che Donald Penn inizia ad avere una certa età. La scelta del T di UCLA Kolton Miller non arriva quindi inaspettata, anche se l’impressione è che il giocatore potesse essere disponibile anche più avanti nel primo round (alcuni lo davano a New England alla 23, dove infatti i Patriots hanno preso l’OT di Georgia Isaiah Wynn).

Considerato da molti un prospetto da fine primo-inizio secondo round, Miller ha guadagnato gli onori della cronaca grazie ad un’ottima prestazione all’NFL Combine di Indianapolis, dove ha fatto registrare il record per il salto in lungo e si è dimostrato anche piuttosto veloce nelle 40 yard.

Le doti atletiche sono l’aspetto che gli analisti indicano come punto a suo favore, ma il giocatore ha da lavorare tanto sotto diversi punti di vista.

Alto 6′ 9″ (2.06 m) e pesante 309 lbs (140 kg), Miller è stato convertito da RT a LT nel 2017, conquistando un posto nel second-team All-Pac-12. La sua statura per certi versi è un vantaggio, ma a volte può rappresentare un ostacolo soprattutto quando affronta avversari veloci e che sanno stare bassi.

L’OL coach Tom Cable ha spinto per la scelta di Miller e Gruden si fida del suo coaching staff, come dimostrato dalle tante acquisizioni in Free Agency di giocatori che avevano un passato con uno dei coach assunti da Gruden.

DARIUS LATHAM

Ogni squadra NFL nella offseason può avere nel roster fino a 90 giocatori. Considerando che devono essere garantiti i posti per i ragazzi scelti al Draft e per quelli che verranno presi come undrafted rookie, i Raiders hanno scelto di tagliare il DT Darius Latham, sospeso senza paga dalla NFL lo scorso anno per 4 partite per aver violato la policy sul’utilizzo di sostanze vietate.

MARTAVIS BRYANT

I Raiders hanno ceduto agli Steelers la scelta 79 (terzo round) ottenuta dai Cardinals ed hanno ottenuto in cambio il WR Martavis Bryant.

Bryant (26 anni), è arrivato in NFL nel 2014, scelto dai Pittsburgh Steelers nel quarto round (118° assoluto) da Clemson. Nel suo anno da rookie il WR ha faticato a guadagnare la fiducia del coaching staff, rimanendo inattivo nelle prime 6 partite della stagione. Nel 2015 ha subito una sospensione di 4 partite da parte della NFL per aver utilizzato sostanze vietate dalla lega ed ha passato la stagione 2016 nella Reserve/Suspended list per essere ricaduto nello stesso errore.

Bryant rappresenta certamente un’arma interessante da aggiungere all’arsenale offensivo nero argento. In 36 partite giocate ha ricevuto 126 passaggi per 1917 yard (15.2 di media) e 17 TD, ed ha portato palla 14 volte per 71 yard (5.1 di media) e 1 TD.


EDIT 27 APRILE

I Raiders hanno indetto una conferenza stampa per presentare il T Kolton Miller. Sul podio insieme all’ex UCLA c’erano anche l’head coach Jon Gruden e il General Manager Reggie McKenzie. Miller vestirà la maglia numero 77, lo stesso numero che aveva al college.

2018-04-27_Raiders_Jon_Gruden-Kolton_Miller-Reggie_McKenzie

Jon Gruden, Kolton Miller e Reggie McKenzie fotografati alla fine della conferenza stampa di presentazione del nuovo OT scelto nel primo round del Draft 2018. (Foto: Raiders.com)

Gruden ha presentato il giocatore come un LT che può giocare anche a destra, facendo capire che i Raiders hanno guardato al futuro visto che Donald Penn ha compiuto proprio oggi 35 anni.

3 thoughts on “Draft 2018 – Al primo round i Raiders scelgono il T Kolton Miller. Dagli Steelers arriva via trade il WR Martavis Bryant

  1. Pingback: Draft 2018 – Al secondo round i Raiders scelgono il DT PJ Hall | Raiders Italia

  2. Pingback: Draft 2018 – Day 3 picks: Nelson, Hurst, Townsend, Victor, Ateman. Dai Cowboys arriva via trade Ryan Switzer, ceduto Jihad Ward. | Raiders Italia

  3. Pingback: Draft 2018 – Analisi della AFC West | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...