In ricordo di David Humm

Un piccolo grande pezzo di storia nero-argento ci ha recentemente lasciato. Il 27 marzo è morto David Humm, a causa di complicazioni dovute alla sclerosi multipla. Oggi avrebbe compiuto 66 anni ma la terribile malattia che gli era stata diagnosticata nel 1988 non gli ha lasciato il tempo di festeggiare il suo compleanno né tantomeno di vedere i Raiders approdare nella sua Las Vegas.

David_Humm

L’ex QB dei Raiders David Humm (1952-2018)

Humm è stato per sette anni il backup QB e l’holder per i Silver & Black e dopo aver appeso le scarpette al chiodo ha continuato a stare vicino alla sua famiglia sportiva lavorando come commentatore per i Raiders. 

David Henry Humm è nato a Las Vegas il 2 aprile 1952 e dopo essere diventato una star locale alla Bishop Gorman High School ha scelto, tra le tante offerte ricevute da vari college, di andare a giocare a Nebraska. Con i Cornhuskers ha giocato QB titolare dal 1972 al 1974, vincendo l’Orange Bowl contro i forti Notre Dame Fighting Irish dopo la stagione 1972, il Cotton Bowl contro i Texas Longhorns dopo la stagione 1973 e il Sugar Bowl contro i Florida Gators dopo la stagione 1974.

Scelto dai Raiders nel quinto round (128° assoluto) del Draft 1975, Humm è diventato il backup QB di Ken Stabler e l’holder per George Blanda.

Ad Oakland è rimasto dal 1975 al 1979, passando poi un anno a Buffalo con i Bills (1980) e due anni a Baltimore con i Colts (1981-82). Gli ultimi due anni di Humm nella NFL sono stati nuovamente in nero-argento, questa volta a Los Angeles nel 1983 e 1984, come terzo QB dietro a Jim Plunkett e Marc Wilson. La sua carriera è terminata al Soldier Field di Chicago quando Humm, entrato in campo a sostituire l’infortunato Wilson, fu colpito da due Bears perdendo un paio di denti e subendo la rottura della cartilagine di entrambe le ginocchia.

Con i Raiders ha vinto i Super Bowl XI e XVIII.

“I wasn’t that big-gun guy, but I was a guy that you want on your team.” [David Humm]

In carriera ha giocato 95 partite, completando 63 passaggi su 137 per 753 yard, 3 TD e 8 intercetti.

L’unica sua partita da titolare la ha giocata in maglia Colts, il 6 dicembre 1981 contro i Dallas Cowboys. Questa partita si è ritagliata un piccolo posto nella storia della NFL perché è l’unica partita che ha visto affrontarsi due squadre guidate da due QB alla prima e unica partita da titolare della propria carriera. Il QB dei Cowboys per quella partita era Glenn Carano, nato in California ma cresciuto come Humm in Nevada; i due erano amici e lo sono rimasti anche dopo aver lasciato il football giocato. NFL Films ha dedicato a questo evento un bel documentario chiamato “My One and Only“.

Ad Humm è stata diagnosticata la sclerosi multipla nel 1988. Nel 1995 ha iniziato la sua carriera da analista per la radio durante le partite dei Raiders ma quando nel 1997 è stato costretto su una sedia a rotelle dalla mallattia ha chiamato Al Davis per rassegnare le sue dimissioni. Humm ha raccontato in più di una occasione che Davis gli ha semplicemente chiuso il telefono in faccia e, per rendergli più agevole il lavoro, gli ha costruito uno studio radiofonico nella sua casa di Las Vegas in modo che non fosse costretto a viaggiare e potesse continuare a commentare i suoi amati Raiders. The Hummer era parte della famiglia nero-argento ed era benvoluto da tutti.

Tom_Osborne-David_Humm-Al_Davis_1997

L’head coach di Nebraska Tom Osborne, il QB David Humm e il proprietario dei Raiders Al Davis fotografati durante la cena organizzata dalla Southern Nevada Sports Hall of Fame nel 1997 (Foto: Craig L Moran/Las Vegas Review-Journal)

Nel 1997 Humm è stato il primo ad essere inserito nella Southern Nevada Sports Hall of Fame.

“I know that being part of the Raiders organization is, I believe, one of the reasons he did live and fight and was as strong as he was for as long as he was being part of such a great organization and a family like the Raiders. If you just mentioned football, he would bring up the Raiders and he would light up. I honestly believe the Raiders organization gave him the will to live.” [Courtney Humm]

Una delle ultime apparizioni pubbliche di Humm è stata alla cerimonia di apertura del cantiere del nuovo stadio dei Raiders a Las Vegas il 13 novembre 2017. Purtroppo per lui non potrà mai vedere all’opera i suoi Raiders nella sua amata città.

David_Humm_Las_Vegas_Stadium_groundbreaking_ceremony_2017-11-13

David Humm fotografato il 13 novembre 2017 alla cerimonia di apertura del cantiere del Las Vegas Stadium insieme alla figlia Courtney e al politico Steve Sisolak. (Foto: Raiders.com)

2 thoughts on “In ricordo di David Humm

  1. Pingback: Intervista a Bob Mischak Jr. | Raiders Italia

  2. Pingback: Interview with Bob Mischak Jr. | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...