Free Agency 2018 – Il CB Shareece Wright e il QB Josh Johnson firmano per i Raiders

Nel mare dei free agent c’è ancora qualche pesce grosso da pescare, ma sono soprattutto i tanti pesciolini di piccola e media taglia a muovere il mercato in questa fase della Free Agency. I Raiders hanno ufficializzato l’acquisizione del CB Shareece Wright, che era stata anticipata dallo stesso giocatore giorni fa, e del QB Josh Johnson.

Free_Agency_2018_Josh_Johnson-Shareece_Wright

Free Agency 2018 – I nuovi Raiders Josh Johnson e Shareece Wright (Foto: Kim Klement/USA TODAY Sports e Aaron M. Sprecher/Associated Press – Elaborazione grafica: RaidersITALIA)

I Silver & Black hanno poi ufficializzato il trade con i Patriots che ha mandato alla corte di Bill Belichick il WR/KR Cordarrelle Patterson. 

SHAREECE WRIGHT

2018-03-19_Shareece_Wright_contract

Il CB Shareece Wright firma il contratto con i Raiders il 19 marzo 2018. (Foto: Raiders.com)

Shareece Wright, originario di Colton in California, compirà 31 anni l’8 aprile ed ha 7 anni di esperienza NFL. Il CB è stato scelto dai San Diego Chargers nel 3° round (89° assoluto) del Draft 2011 da USC.

Il primo anno a San Diego è stato di apprendistato e Wright ha preso parte a 7 partite, mettendo a segno appena 4 tackle. Nel 2012, dopo una buona preseason, Wright sembrava il favorito per il ruolo di nickel CB, ma un infortunio alla caviglia subito durante un tackle nel kickoff di apertura della stagione contro i Raiders lo ha costretto a saltare le successive sei partite. Superato l’infortunio, Wright ha preso parte alle ultime nove partite chiudendo la stagione con 17 tackle, 2 passaggi difesi e 1 fumble forzato.

Nel 2013 Wright ha giocato 13 partite, tutte partendo titolare ed ha realizzato 56 tackle, 9 passaggi difesi ed 1 intercetto, il primo della carriera. A fare da contraltare ai 9 passaggi difesi ci sono state 4 penalità per defensive pass interference. Le tre partite saltate (week 3-5) sono la conseguenza di un infortunio al bicipite femorale.

Nel 2014 il CB ha giocato 14 partite, tutte partendo titolare, e ne ha saltato due (week 5-6) per un problema ad un ginocchio. A fine stagione le statistiche di Wright sono state 60 tackle e 9 passaggi difesi, ma anche 7 defensive pass interference.

Diventato free agent, il CB ha firmato un contratto annuale con i San Francisco 49ers. Le cose non sono però andate bene e Wright è rimasto inattivo nelle prime cinque partite della stagione per scelta tecnica. I 49ers hanno accolto la sua richiesta e lo hanno tagliato, e Wright ha subito trovato un accordo con i Baltimore Ravens. La prima partita con la nuova maglia è stata proprio contro San Francisco. Con i Ravens nel 2015 Wright ha giocato 11 partite, 7 partendo titolare, ed ha realizzato 40 tackle e 5 passaggi difesi.

Nel 2016 Wright ha saltato nella fase centrale della stagione quattro partite per problemi al piede, alla schiena e alla coscia. Nelle 12 partite giocate, 9 partendo titolare, ha messo a segno 52 tackle e 6 passaggi difesi e 1 fumble recuperato.

Nel 2017 è passato ai Bills, con i quali è sceso in campo in 12 partite partendo titolare in 5 occasioni. Per lui 37 tackle, 5 passaggi difesi, 1 intercetto, 1 fumble forzato e 2 fumble recuperati. Diventato titolare in week 5 per via degli infortuni che avevano colpito la secondaria dei Bills, Wright non ha giocato male, ma non ha comunque conquistato il coaching staff. Delle quattro partite saltate in regular season, in tre occasioni (week 11, 12 e 13) è stato dichiarato inattivo per scelta tecnica e in una (week 17) per via di una commozione cerebrale che gli ha fatto saltare anche la partita di playoff che i Bills hanno perso a Jacksonville.

La tabella sottostante mostra l’andamento della carriera di Wright e il suo utilizzo da parte delle squadre in cui ha giocato.

Shareece_Wright_snap_counts

A conti fatti, vedendo la storia del giocatore e le sue statistiche, non sembra che questa acquisizione possa ritenersi particolarmente esaltante. Wright ha messo a segno solo due intercetti in sette anni di carriera e non ha mai giocato una stagione completa (il suo record di presenze è 14 e risale al 2014). Probabilmente il giocatore è stato portato in squadra per dare profondità al reparto, ma la sua permanenza nel roster al termine della preseason è tutt’altro che scontata.

Ancora non sono stati comunicati i dettagli del contratto, ma sembra trattarsi di un accordo di un anno.

Ad Oakland Wright ritrova il DB Marcus Gilchrist, acquisito il 15 marzo dai Silver & Black. I due hanno giocato insieme a San Diego dal 2011 al 2014.

JOSH JOHNSON

2018-03-19_Josh_Johnson_contract

Il QB Josh Johnson firma il contratto con i Raiders il 19 marzo 2018. (Foto: Raiders.com)

Ci sono operazioni che ti colgono alla sprovvista e operazioni talmente assurde che è quasi impossibile giustificare. Poi ci sono operazioni assurde, ma per le quali quasi riesci a trovare un senso logico.

I Raiders hanno annunciato a sorpresa l’acquisizione del QB Josh Johnson, journeyman che ha vestito negli ultimi sette anni un numero di divise diverse maggiore del numero di partite giocate. Tanto per rincarare la dose, Johnson non effettua un passaggio in una partita ufficiale dal 2011. E allora perché prendere lui anziché, per esempio, cercare di rimettere sotto contratto il proprio free agent E.J. Manuel anche considerando che l’altro QB a roster dietro Carr è il poco esperto e ancor meno convincente Connor Cook?

Ti tocchi il mento pensieroso, ti dai una grattata alla sommità della testa ed ecco che tutto diventa chiaro. John Gruden aveva dichiarato all’NFL Scouting Combine di Indianapolis che aveva intenzione di riportare indietro l’orologio del football al 1998. I giornalisti presenti sono scoppiati in una sonora risata, ma Chucky non stava affatto scherzando. Probabilmente resosi conto che non era il caso di provare a convincere il cinquantenne Jeff George a tornare in campo – hei, però ci era riuscito Art Shell nel suo disgraziato ritorno da head coach nel 2006 – Gruden ha optato per un salto di 10 anni ed ha portato in squadra un giocatore che aveva scelto al Draft nel 2008, il suo ultimo anno a Tampa.

Vogliamo altri motivi che danno un senso a questa assurda acquisizione? Josh Johnson è nato ad Oakland il 15 maggio 1986 (compirà quindi a breve 32 anni) ed è cugino del RB nero-argento Marshawn Lynch.

Ma veniamo alla carriera di Johnson. Come abbiamo detto i Buccaneers di Jon Gruden lo hanno scelto nel quinto round del Draft 2008 dall’Università di San Diego, con la scelta numero 160 assoluta.

La stagione da rookie la passa a guardare i compagni Jeff Garcia, Brian Griese e Luke McCown prendere lo snap dalle mani del centro. L’anno successivo fa la sua prima apparizione ufficiale e gioca 6 partite, 4 da titolare, completanto 63 passaggi su 125 (50.4%) per 685 yard, 4 TD e 8 intercetti. Johnson subisce anche 11 sack e corre 22 volte, guadagnando 148 yard.

Nel 2010 fa piccole comparsate sostituendo per pochi snap il titolare Josh Freeman. Colleziona 11 presenze e completa 14 passaggi su 16 (87.5%) per 111 yard. Nessun TD pass, nessun intercetto, ma 2 sack subiti.

I Buccaneers credono ancora in Josh Freeman, e Johnson fa il backup anche nel 2011. Per lui 9 apparizioni ma una sola partita (giocata da titolare in sostituzione dell’infortunato Freeman) in cui gioca un numero significativo di azioni. Le statistiche a fine stagione dicono 19/36 (52.8%) per 246 yard, 1 TD, 2 intercetti e 3 sack subiti.

Nel 2012 firma un contratto da free agent con i San Francisco 49ers, ma Jim Harbaugh lo taglia dopo la quarta partita di preseason. Non trovando lavoro in NFL Johnson accetta l’offerta dei Sacramento Mountain Lions, una squadra della United Football League. A metà stagione la lega fallisce e Johnson si ritrova nuovamente disoccupato. Prima dell’ultima partita di regular season arriva la chiamata dei Cleveland Browns, che si ritrovano senza QB per via degli infortuni del titolare Brandon Weeden e del backup Colt McCoy. E’ il terzo QB Thad Lewis a giocare titolare, e Johnson è chiamato in causa per un solo snap; il QB californiano subisce un sack e commette fumble.

Nel 2013 Johnson finisce a Cincinnati, ma con i Bengals “assaggia” il campo solo in due occasioni e per appena 15 snap totali. Come QB non registra statistiche, mentre come portatore di palla mette a referto 7 corse per 20 yard e 1 fumble.

Nel 2014 firma nuovamente con i San Francisco 49ers ma non mette mai piede in campo in regular season. Nel 2015 torna a Cincinnati, ma i Bengals lo tagliano dopo due partite di preseason. Johnson chiude la preseason con due partite in maglia New York Jets ma non entra nel 53-men roster bianco-verde. A stagione in corso viene chiamato ad Indianapolis ma l’avventura non dura che qualche settimana. Tagliato anche dai Colts finisce ai Bills, con i quali arriva a fine stagione senza mai vedere il campo.

Nel 2016 gioca la preseason con i Ravens ma non supera i tagli finali. Finisce a New York, stavolta sponda Giants, e resta nel roster senza giocare neanche uno snap in tutta la stagione.

Nel 2017 rinnova con i Giants, ma la squadra lo taglia alla fine della preseason. Per la week 10 viene chiamato a Houston dai Texans, ma viene tagliato dopo due settimane e poi richiamato per l’ultima stagionale.

Per chiudere i conti, in 10 anni nella NFL Johnson ha vestito la maglia di 10 squadre diverse, certamente senza sudarla troppo. Per lui 29 partite in totale, 5 da titolare, 96 passaggi completati su 177 tentati (54.2%), 1042 yard, 5 TD pass, 10 intercetti e 17 sack subiti. Non prova un passaggio dal 2011 e non gioca uno snap in una partita ufficiale dal 2013.

Ancora non sono noti i termini del contratto.

ALTRE NOTIZIE DI MERCATO

Il RT Marshall Newhouse, tagliato dai Raiders prima dell’inizio della Free Agency, ha trovato una nuova squadra. Newhouse ha firmato un contratto annuale con i Buffalo Bills.

One thought on “Free Agency 2018 – Il CB Shareece Wright e il QB Josh Johnson firmano per i Raiders

  1. Pingback: Free Agency 2018 – I Raiders mettono sotto contratto il T Breno Giacomini e richiamano il QB EJ Manuel | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...