2017 week 7 – Chiefs 30 – Raiders 31

I Raiders avevano bisogno di una vittoria per interrompere una striscia di quattro sconfitte consecutive e soprattutto per cercare di salvare una stagione che, partita con grandi entusiasmi, stava velocemente diventando disastrosa. Certamente una sfida in notturna, in diretta nazionale e contro una rivale storica, era l’occasione giusta per rialzare la testa.

2017_w07_Chiefs-Raiders_Khalil_Mack-Derek_Carr - Copia

Khalil Mack (52) e Derek Carr (4) festeggiano la vittoria contro i Chiefs. (Foto: Raiders.com)

I Raiders hanno lottato, non si sono arresi fino all’ultimo, ed alla fine – anzi, ben oltre la fine – Derek Carr e Michael Crabtree hanno confezionato un comeback che resterà negli annali

INATTIVI

Raiders: CB Gareon Conley, QB Connor Cook, LB Cory James, LB Marquel Lee, T Marshall Newhouse, DE Jihad Ward, T Jylan Ware

Chiefs: QB Tyler Bray, OL Laurent Duvernay-Tardif, DL Roy Miller, OL Mitch Morse, RB Charcandrick West, DB D.J. White, LB Ramik Wilson

I Raiders hanno acquisito il LB NaVorro Bowman, 3 volte Pro Bowler e 4 volte All-Pro tagliato dai 49ers; il suo arrivo è doppiamente importante visto che sono costretti a saltare la partita contro i Chiefs sia Cory James che Marquel Lee. Bowman ha avuto tre giorni per imparare il playbook, e già parte titolare. Il RT Marshall Newhouse viene sostituito da Vadal Alexander nella starting lineup.

I Chiefs devono sostituire il C Mitch Morse e la RG Laurent Duvernay-Tardif, entrambi fuori per infortunio.

DIVISE COLOR RUSH E ANNIVERSARIO AFL CHAMPIONSHIP

Giovedì notte è ormai sinonimo di Color Rush. I Chiefs scendono in campo in all-red mentre i Raiders indossano delle nuove divise all-white. Rispetto alla versione 2016, la Color Rush di quest’anno presenta una banda argento anziché nera sul lato dei pantaloni.

I Raiders aggiungono anche una patch commemorativa per onorare la squadra che nel 1967 ha vinto il titolo nella American Football League.

Presenti allo stadio ci sono infatti diversi campioni che 50 anni fa hanno contribuito ai successi della squadra.

LA PARTITA

Alex Smith e l’attacco di Kansas City muovono la catena con corse di Hunt e passaggi medio corti. Quando i Chiefs arrivano sulle 35 di Oakland la difesa riesce ad aumentare leggermente la pressione sul QB. Mack si libera del RT Mitchell Schwartz e Smith, per evitare il sack, affretta un lancio che cade incompleto. Harrison Butker rompe lo stato di parità con un field goal da 53 yard.

Derek Carr coinvolge subito Amari Cooper, schierato nello slot, e il WR guadagna 12 yard e un primo down. L’attacco in bianco si mostra da subito differente rispetto alle ultime deludenti uscite. Carr in rollout trova il TE Jared Cook per un guadagno di 24 yard e subito dopo una flea flicker permette a Carr di lanciare lungo per Cooper. Terrance Mitchell inciampa e cade – i Chiefs chiedono senza successo la Offensive Pass Interference – e Cooper trova la end zone per un TD da 38 yard.

Il vantaggio per i Raiders non dura a lungo. Una difesa di burro e degli ottimi blocchi permettono a Kareem Hunt di guadagnare 34 yard.

I Silver & Black stringono i ranghi e sembrano riuscire a fermare i Chiefs corti dal primo down e a forzare un punt. Un improvvido Roughing the Passer di Denico Autry regala però 15 yard, un primo down e nuova vita al drive della squadra di Andy Reid, che ne approfitta subito. Un passaggio di Smith per Hunt porta ad un guadagno di 13 yard e poi il QB trova in end zone il suo TE Travis Kelce, bravo a liberarsi della marcatura di NaVorro Bowman.

Dopo una corsa da 6 yard di Lynch Carr rischia l’intercetto. Il QB converte poi un terzo e 4 grazie ad una magia di Cordarrelle Patterson, che riceve con una sola mano un pallone non lanciato benissimo dal numero 4 nero-argento.

Dopo la spettacolare ricezione di Patterson i Raiders provano ad ammorbidire la difesa avversaria con le corse e Jalen Richard guadagna 7 yard in due tentativi (uno fermato nel backfield). L’attacco di Todd Downing converte un terzo e 3 con un passaggio per Michael Crabtree. L’offensive coordinator, criticato per questo deludente inizio di stagione, trova il modo di dare maggiore libertà a Cooper e il WR segna il suo secondo TD (questa volta da 45 yard) in un primo quarto ricchissimo di emozioni.

I Raiders forzano un three-and-out soprattutto grazie alla continua pressione sul QB applicata da un mostruoso Khalil Mack, impressionante quando manda a gambe per aria il LT Eric Fisher.

I Raiders, in attacco, rischiano di combinarla grossa. Carr subisce un sack e perde palla. Il fumble viene recuperato da Justin Houston sulle 16 della squadra di casa. Per fortuna di Carr l’azione è annullata da un dubbio Illegal Contact chiamato contro Eric Murray, che non solo restituisce palla ai Raiders, ma regala anche un prezioso primo down. I Silver & Black faticano ad avanzare e si ritrovano ad affrontare un difficile terzo e 12. Carr cerca il suo “Mr. First Down” Michael Crabtree, e il numero 15 non delude.

Arriva un altro primo down con un passaggio da 14 yard di Carr per Cooper, che porta il WR oltre le 100 yard, ma l’attacco alla fine è costretto al punt. Lo special team dei Raiders gioca il punt alla perfezione e Cordarrelle Patterson ferma la palla sulla linea di 1 iarda dei Chiefs.

Il bel lavoro viene però presto sprecato. I Chiefs percorrono in tre sole azioni le 99 yard che servono per raggiungere la end zone e tornare in vantaggio. Un passaggio di Smith per Demarcus Robinson porta ad un guadagno di 33 yard e, dopo una corsa da 2 yard di Hunt, il QB trova Tyreek Hill per un TD da 64 yard; il WR batte in velocità il CB David Amerson e l’aiuto di Reggie Nelson non arriva in tempo.

Nel drive offensivo di Oakland che segue succede un po’ di tutto. La squadra fatica ma uno screen pass ben studiato permette a Jalen Richard di convertire un importante terzo e 7. Subito dopo un passaggio veloce di Carr per Roberts permette di guadagnare altre 15 yard. Un Holding di Gabe Jackson, un lancio lungo incompleto di Carr per Cooper e una corsa da 10 yard di Richard portano ad terzo e 10 sulle 43 dei Chiefs.

A questo punto succede di tutto. Carr da una empty formation sembra intenzionato a correre personalmente ma viene fermato dopo appena una iarda. Marcus Peters arriva a gioco ormai fermo e colpisce il QB causando la reazione della OL di Oakland. Da bordo campo arriva come un treno Marshawn Lynch, intenzionato a separare Peters, suo cugino, dagli arrabbiati uomini di linea. Per fare questo Lynch spintona un arbitro meritandosi l’espulsione. Quando la polvere si posa i Raiders riprendono dalle 44 di Kansas City con un primo e 25 ma non riescono ad avanzare. Giorgio Tavecchio è chiamato a calciare un field goal da 53 yard che i Chiefs riescono a bloccare.

2017_w07_Chiefs-Raiders_Giorgio_Tavecchio

Il K dei Raiders Giorgio Tavecchio (2) prova un field goal da 53 yard che viene bloccato da Eric Murray (21). (Foto: Chiefs.com)

I Raiders cercano di concedere il meno possibile sul profondo ed allora i Chiefs avanzano piano piano con corse e passaggi corti. Alla fine Butker, da 39 yard, mette tra i pali il field goal del 20-14.

I Silver & Black hanno 1:04 per mettere qualche punto sul tabellone prima della fine del primo tempo. Carr e compagni avanzano fino alle 27 di Kansas City ma allo scadere il field goal da 45 yard di Giorgio Tavecchio esce sulla sinistra.

Con Lynch fuori dai giochi i Raiders chiamano in causa il giovane DeAndre Washington, una volta inattivo e per il resto poco produttivo nelle precedenti uscite. Il numero 33 fa la sua parte sia come portatore di palla che come valvola di sicurezza nel gioco aereo. Una difficile ricezione da 12 yard di Cooper regala un primo down e porta i Raiders sulla linea di metà campo e poco dopo è lo stesso numero 89 a provocare una Defensive Pass Interference da 47 yard di Marcus Peters che mette Oakland sulle 4 avversarie.

I Raiders pareggiano grazie ad una corsa di Washington, che si trasforma in un piccolo Beast Mode rifiutando di andare al tappeto fino a che non raggiunge la end zone.

Tavecchio commette una False Start sull’extra point ma le 5 yard addizionali non gli impediscono, al secondo tentativo, di realizzare il punto che riporta i suoi Raiders in vantaggio 21-20.

Un Offside di Khalil Mack cancella un sack di Mario Edwards Jr. e poco dopo, quando la difesa costringe i Chiefs a giocare un terzo e 12, un lancio lungo di Smith raggiunge il WR Albert Wilson, che si invola per un TD da 63 yard che riporta in vantaggio la squadra di Kansas City. Il passaggio di Smith è quasi intercettato dal DB Keith McGill, che anziché giocare per il passaggio difeso che avrebbe portato ad un punt dei Chiefs si fa comprensibilmente ingolosire dalla possibilità del turnover.

I Raiders guadagnano un primo down con un passaggio di Carr per Cook che il TE avanza per 15 yard ma poi l’attacco non riesce a produrre nulla. Marquette King va al punt ed è lui stesso a fermare il ritorno di Hill prima che il temibile WR possa diventare pericoloso.

I Chiefs consumano quasi 5 minuti alla fine del terzo quarto. Un challenge vincente di Reid permette alla sua squadra di continuare il drive su un terzo e 6 in cui gli arbitri avevano inizialmente indicato che Robinson era uscito dal campo dopo un guadagno di 5 yard. Un altro terzo down è convertito da Smith con un passaggio per il backup TE Ross Travis. Kansas City non riesce però a convertire un terzo e 8 dalle 19 di Oakland e si deve accontentare di un field goal da 37 yard di Butker per il 30-21.

Pur se non pulitissimi nell’esecuzione degli schemi i Raiders muovono la catena più volte. Un passaggio di Carr per Cooper permette al WR di mettere a statistica altre 8 yard e alla squadra di guadagnare un primo down alla fine del quarto, un passaggio da 13 yard di Carr per Cook (con la complicità di un molle Eric Murray) permette di convertire un terzo e 10 ed un jump pass per Richard porta ad un guadagno di 17 yard.

Ancora Cooper, con una ricezione da 21 yard, ed i Raiders sono sulle 12 di Kansas City. La squadra non riesce a raccogliere il bottino pieno per via di un fallo di Murray non visto in end zone su Cook, ma il field goal da 26 yard di Tavecchio porta il risultato sul 24-30 ed i Raiders ad un touchdown di distanza.

2017_w07_Chiefs-Raiders_Jared_Cook-Eric_Murray

Il TE dei Raiders Jared Cook (87) non riesce a ricevere in end zone per via del fallo di Eric Murray, non visto dagli arbitri. (Foto: Thearon W. Henderson/Getty Images)

I Chiefs riescono a guadagnare tre primi down e ad avanzare fino alle 45 avversarie. La difesa si trova ad affrontare un terzo e 4 ed è essenziale fermare Smith e compagni. NaVorro Bowman va in blitz e abbatte il QB costringendolo a lanciare un incompleto.

Dopo il punt di Colquitt e una penalità di Olawale i Raiders ripartono dalle proprie 8 e vanno three-and-out. Potrebbe essere la fine, ed invece la difesa sale in cattedra forzando a sua volta il punt dopo appena tre azioni. Un sack diviso tra Mack e Autry su un terzo e 4 cambia le sorti della partita.

Il drive della speranza dei Raiders non è esente da errori. Cooper guadagna 15 yard prima del Two-Minute Warning ma poi le cose si fanno difficili. Johnny Holton commette una Offensive Pass Interference che costa ai suoi 10 yard. Carr trova ancora Cooper per un guadagno di 39 yard che porta il numero 89 sopra le 200 yard su ricezione. Washington viene fermato per una perdita di 1 iarda e poi commette un brutto drop costringendo i suoi ad un terzo e 11 che la squadra non converte. I Raiders sono costretti ovviamente a giocare alla mano il quarto down e Carr trova Cook per 13 yard e un nuovo set di down.

Carr cerca Crabtree lungo in end zone ma senza successo, qualcosa non va nello schema successivo e Holton e Roberts si disturbano a vicenda; l’attacco deve affrontare un nuovo terzo down. Ancora una volta i Silver & Black mandano due uomini nello stesso fazzoletto di campo, ma questa volta Jared Cook è bravissimo a ricevere e tenere il possesso della palla. Per un istante gli arbitri indicano touchdown ma rivedendo l’azione posizionano il pallone sulla linea di 1 iarda.

Con 8 secondi sul cronometro Carr lancia velocemente per Crabtree e il numero 15 riceve in end zone. Gli arbitri annullano il TD perché il WR ha spintonato il suo marcatore prima della ricezione e ai Raiders restano 3 secondi a disposizione.

A tempo scaduto Carr lancia per Cook ma la palla cade incompleta. Gli arbitri fischiano però una penalità difensiva e per regolamento concedono un altro drive all’attacco. Carr lancia per Patterson ma il WR non riceve in campo; sembra finita ma un secondo Holding difensivo estende la partita di un ulteriore down. Ancora una volta Carr cerca Crabtree e questa volta il TD è valido.

Il risultato è 30-30 e sulle spalle di Giorgio Tavecchio pesa la responsabilità di dare ai Silver & Black la tanto agognata vittoria. Tavecchio non delude le aspettative e realizza il punto addizionale che vale il 31-30 e che completa il comeback della squadra di Jack Del Rio.

STATISTICHE

2017_w07_Chiefs-Raiders_Todd_Downing-Derek_Carr

L’offensive coordinator Todd Downing e il QB dei Raiders Derek Carr (4) discutono a bordo campo durante la partita contro i CHiefs. (Foto: Marcio Jose Sanchez/AP)

Allora i Raiders sanno ancora lanciare sul profondo… allora Cooper può ancora essere un fattore se cercato dal QB…

Todd Downing, dopo qualche partita in cui aveva fatto ampiamente rimpiangere l’ex OC Bill Musgrave, ha aperto di nuovo il playbook ed ha schierato Amari Cooper in varie posizioni (all’esterno, nello slot) in modo tale da creare mismatch con i defensive back avversari.

Il risultato è stato che Oakland ha provato tanti lanci lunghi, ha giocato qualche play action e screen in più e Cooper è stato devastante.

Come si può vedere dal grafico realizzato grazie ai chip inseriti su giocatori e pallone, 19 lanci di Carr hanno percorso 10 o più yard in aria e, di questi, 10 lanci hanno percorso almeno 20 yard in aria.

Derek Carr ha concluso la partita senza subire sack e con un 29/52 per 417 yard, 3 TD e 0 INT, per un passer rating di 101.2. Il QB nero-argento è stato fortunato in un paio di occasioni in cui i suoi lanci non proprio precisissimi hanno rischiato di essere intercettati.

Dall’altro lato, Alex Smith ha messo in archivio un’altra ottima prestazione, con un 25/36 per 342 yard, 3 TD e 0 INT, per un passer rating di 127.3. Il numero 11 di Kansas City ha subito un solo sack.

Con Marshawn Lynch, 2 corse per 9 yard, fuori dai giochi, i Raiders si sono affidati a DeAndre Washington, 9 corse per 33 yard ed 1 TD e 3 ricezioni per 7 yard, e a Jalen Richard, 9 corse per 31 yard e 4 ricezioni per 45 yard. I risultati non son stati sempre esaltanti ma i due giovani hanno fatto il massimo per aiutare la squadra. La difesa nero-argento ha limitato quanto più possibile il pericolosissimo Kareem Hunt, che ha chiuso con 18 corse per 87 yard (con una corsa lunga da 34 yard) e 4 ricezioni per 30 yard.

Amari Cooper è stato cercato spesso e, pur commettendo un altro drop, ha fatto anche delle ricezioni difficili nel traffico. Per lui 11 ricezioni su 19 target, per 210 yard e 2 TD. Ad Oakland una prestazione da oltre 200 yard da parte di un ricevitore mancava dal 1965, quando Art Powell aveva concluso con 206 yard. Il record nero-argento è sempre di Powell ed è stato realizzato nel 1963 (10 ricezioni per 247 yard e 4 TD). Una grande importanza in questa partita l’ha avuta il TE Jared Cook, che ha ricevuto 6 lanci per 107 yard ed ha tolto dai guai la squadra in diverse occasioni (tutte e 6 le ricezioni hanno portato ad un primo down e in tre occasioni lanciando su di lui Carr ha convertito un terzo o un quarto down). I numeri messi a statistica dai ricevitori dei Chiefs sono viziati dalle prestazioni non certo esaltanti della secondaria di Oakland, in particolar modo del CB David Amerson, bruciato in più di una occasione prima della sua uscita dal campo per infortunio. Tyreek Hill ha chiuso con 6 ricezioni per 125 yard e 1 TD. Anche se ha segnato un TD, il pericolosissimo TE Travis Kelce è stato limitato dalla difesa nero-argento (4 ricezioni per 33 yard).

NaVorro Bowman, come detto, ha avuto solo tre giorni per studiare il playbook dopo essere stato messo sotto contratto dai Raiders. Il MLB non solo è partito titolare, ma è anche stato nominato signal caller difensivo. Bowman ha giocato 60 snap difensivi su 62 totali della squadra (97%) ed ha messo a segno 11 tackle (6 da solo), di cui 1 dietro la linea di scrimmage.

Non è stata una giornata esaltante per il nostro Giorgio Tavecchio, che si è visto bloccare un field goal da 53 yard, ne ha sbagliato uno da 45 yard ed è stato addirittura penalizzato per una False Start su un extra point. Giorgio ha però realizzato un field goal da 26 yard e 4 extra point, l’ultimo dei quali decisivo per la vittoria. A parte gli errori sui field goal la prestazione degli special team nero argento è stata positiva. Un punt di Marquette King è stato fermato sulla linea di 1 iarda da Cordarrelle Patterson e lo stesso numero 84 è stato molto importante per limitare il pericoloso punt returner Tyreek Hill (2 ritorni per 13 yard).

I Raiders hanno guadagnato 32 primi down contro i 19 degli avversari. Per quanto riguarda la conversione di terzi down la squadra di Oakland ha chiuso con 6/13 (46%) mentre quella di Kansas City con 8/15 (53%). I Raiders hanno convertito anche l’unico, importantissimo, quarto down giocato.

Penalità: 10 per 97 yard per i Raiders, 8 per 108 yard per i Chiefs.

FESTEGGIAMENTI E HIGHLIGHT

Ecco alcuni video da non perdere, a partire dai primi due che raccolgono la festa a bordo campo e negli spogliatoi dopo la vittoria

MARSHAWN LYNCH

Per aver lasciato la panchina ed essere corso in campo a separare Marcus Peters dagli arrabbiati OL nero-argento, ma soprattutto per aver spintonato un arbitro, Marshawn Lynch è stato sospeso senza paga per una partita. Secondo indiscrezioni, poiché la sospensione ha già un impatto economico sul giocatore, non verranno comminate le multe previste dal regolamento per le violazioni commesse da Lynch.

Il RB ha presentato ricorso e, secondo Jay Glazer di FOX Sports, Marcus Peters dovrebbe testimoniare a suo favore per cercare di convincere la NFL a cancellare la sospensione.

In una intervista post partita il LT Donald Penn ha messo a tacere le voci su possibili problemi tra la squadra e Marshawn Lynch. Inoltre Penn ha anche esaltato la prestazione di Derek Carr, comunicando che nell’ultimo drive la radio dentro al casco del QB ha funzionato male e Carr ha dovuto chiamare in autonomia alcuni degli schemi.

Annunci

One thought on “2017 week 7 – Chiefs 30 – Raiders 31

  1. Pingback: Raiders 2017 – Una stagione fallimentare | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...