Raider Nation: intervista a Michael E. Villalobos / Fire Wolf

I fan dei Raiders sono tra i tifosi sportivi più appassionati. Sono un gruppo pittoresco. I membri della Raider Nation si contraddistinguono per il baccano che fanno quando sostengono la squadra e per l’abbigliamento nero-argento, ma alcuni tra i più entusiasti sostenitori dei Raiders vanno addirittura oltre, indossando costumi eccentrici e minacciosi il giorno della partita. Diversi irriducibili, soprattutto nella famosissima sezione dell’Oakland Coliseum nota come Black Hole, hanno creato dei veri e propri alter ego per i propri personaggi.

Raider_Nation_Michael_Villalobos-Fire_Wolf_1

Michael E. Villalobos / Fire Wolf (Foto: Christopher Hanewinckel/USA TODAY Sports – Elaborazione grafica: Raiders Italia)

Raiders Italia ha avuto l’occasione di intervistare alcuni dei più famosi fan dei Raiders. Oggi siamo lieti di presentarvi Michael E. Villalobos, noto come “Fire Wolf”

(NOTE: you can find the English version of this interview here)

Raiders Italia: Chi è Fire Wolf nella “vita reale”?

Michael E. Villalobos: Un ex pompiere volontario e un costruttore di impalcature. Mi piace passare il tempo con la mia famiglia, e non mi dispiace starmene a casa e oziare lol. Il football è la mia vita ed ogni anno non vedo l’ora di rivedere vecchi amici e farmene nuovi, sia tifosi dei Raiders che delle squadre avversarie.

RI: Quanti anni hai, dove vivi e che lavoro fai?

MEV: Ho 45 anni e sono di Danbury, Texas. Faccio impalcature.

RI: Quando hai iniziato ad impersonare Fire Wolf?

MEV: La prima volta che mi sono travestito è stato il 12 ottobre 2008 per una partita contro i New Orleans Saints.

RI: Quanto impieghi a diventare Fire Wolf?

MEV: Normalmente mi servono solo 30 minuti per prepararmi. Indossare una maschera rende tutto più semplice visto che non devo preoccuparmi di truccarmi.

RI: Data la tua grande passione per i Raiders, è mai capitato che Fire Wolf abbia preso il sopravvento su Michael nella vita reale?

MEV: No, in realtà no. Nella vita reale tengo le cose per me al contrario di Fire Wolf che è un po’ più “estroverso” di me lol.

RI: Puoi spiegarci cosa rende la Black Hole tanto speciale?

MEV: Direi perché è come una famiglia… forse una famiglia anormale, ma pur sempre una famiglia.

Kevin_M_Reitzel-Michael_E_Villalobos-James_Godley

Kevin M. Reitzel (RaiderNerd), Michael E. Villalobos (Fire Wolf) e James Godley (Destruction). (Foto: Kevin M. Reitzel, Facebook)

RI: C’è un’altra tifoseria che può essere considerata allo stesso livello della Raider Nation?

MEV: Per la dedizione la risposta è no, ma ogni tifoseria tifa per la propria squadra proprio come me, tranne il fatto che io mi travesto per le partite lol.

RI: Con il trasferimento della squadra a Las Vegas ormai ufficiale la Black Hole scomparirà?

MEV: Non credo che scomparirà, ma allo stesso tempo non credo che la Black Hole sarà la stessa che c’è ora ad Oakland.

RI: Qual è il tuo ricordo più caro legato ai Raiders?

MEV: Sono tre i ricordi più cari legati ai Raiders. Il primo risale ad una partita tra i Los Angeles Raiders e gli Houston Oilers. Alla fine della partita Tim Brown ha lanciato il suo asciugamano verso gli spalti e l’ho acchiappato io, ancora lo indosso quando mi travesto. Il secondo ricordo è legato al mio primo viaggio a Kansas City, quando ho avuto il privilegio di vedere Al Davis; anche se non sono riuscito a parlarci anche solo averlo visto dal vivo è sufficiente per me. Il terzo risale all’anno scorso a New Orleans quando ho avuto la fortuna di incontrare Derek Carr, e gli ho fatto autografare la mia maglia.

RI: Chi è il tuo giocatore preferito?

MEV: Questa è una domanda alla quale non posso rispondere perché amo allo stesso modo tutti i giocatori dei Raiders, si quelli del passato che quelli attuali.

RI: Cosa pensano la tua famiglia e i tuoi amici della tua passione?

MEV: Pensano che sia matto perché mi travesto per le partite, lol.

RI: I Raiders hanno ottenuto dalla National Football League l’autorizzazione a trasferire la squadra da Oakland a Las Vegas. Per la seconda volta Oakland perderà la sua squadra di football. Ci dispiace tantissimo per i tifosi di Oakland, capiamo le ripercussioni a livello emotivo del trasferimento, ma guardando alla questione da lontano sembra che i Raiders non avessero scelta, che fosse impossibile trovare una soluzione attuabile ad Oakland. Qual è la tua opinione al riguardo?

MEV: Nel mio cuore i Raiders saranno sempre una squadra della California. Sono allo stesso tempo triste e felice per il trasferimento. Triste perché lasceranno Oakland, ma felice perché finalmente avranno uno stadio nuovo.

RI: La squadra giocherà almeno altre due stagioni ad Oakland. Credi che faranno il tutto esaurito in ogni partita casalinga o gli spalti saranno mezzi vuoti?

MEV: Vista la devozione della Raider Nation credo che i tifosi continueranno a seguire la squadra e a riempire gli spalti ad ogni partita.

RI: Dopo che il trasferimento è stato approvato a marzo Mark Davis si è offerto di rimborsare i tifosi dei Raiders che preferissero rinunciare all’abbonamento già acquistato. Hai richiesto il rimborso del tuo abbonamento? Sai quanti nella Black Hole hanno scelto di annullarlo?

MEV: Vivendo in Texas non sono un season ticket holder, e francamente non ho idea di quanti della mia “famiglia Raiders” abbiano scelto di rinunciare all’abbonamento.

RI: Continuerai a tifare i Raiders?

MEV: Sarò un tifoso dei Raiders per tutta la vita, seguirò i miei Raiders ovunque vadano.

RI: Andrai a vedere la squadra a Las Vegas?

MEV: Ci andrò certamente.

Raider_Nation_Michael_Villalobos-Fire_Wolf_2

Il fan degli Oakland Raiders Fire Wolf fotografato prima della partita del 25 settembre 2016 contro i Tennessee Titans al Nissan Stadium. (Foto: Christopher Hanewinckel/USA TODAY Sports)

RI: Qui in Italia ci sono casi di battaglie tra i sostenitori di squadre rivali, soprattutto nel calcio. Ti è mai capitato di assistere a cose del genere nelle partite di football?

MEV: Sono stato coinvolto in alcuni episodi in cui un fan avversario ubriaco si è comportato da coglione, ma normalmente i fan avversari mi hanno mostrato rispetto.

RI: Sei soddisfatto delle scelte fatte da McKenzie nell’ultimo Draft?

MEV: Si, lo sono. Finora ha fatto un lavoro eccellente sia nel Draft che in Free Agency.

RI: Quali sono le tue aspettative per la stagione 2017? Dove può arrivare questa squadra?

MEV: Miriamo al Super Bowl ovviamente, e questa squadra può raggiungere qualunque obiettivo si prefigga di raggiungere.

RI: Quali sono, secondo te, i punti di forza e i punti deboli del team? Quali buchi i Raiders devono ancora tappare?

MEV: Il nostro punto di forza è l’attacco, la nostra difesa non è male, ma ci servirebbe aiuto nella secondaria.

RI: Marshawn Lynch è tornato dalla “pensione” per giocare con i Raiders, la squadra della sua città. Cosa ne pensi? Con lui nel backfield in gioco di corse migliorerà?

MEV: Sono davvero entusiasta riguardo a “Beast Mode” e credo che il nostro running game sarà uno dei migliori della NFL quest’anno.

RI: Pensi che Jack Del Rio sia il coach giusto per guidare i Raiders a conquistare un Super Bowl?

MEV: Si, lo è.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...