Offseason Program 2017 – La seconda settimana di OTAs

Sui campi di allenamento della sede di Alameda i Raiders hanno fatto un altro passo avanti nella preparazione prima della pausa estiva. Anche la seconda settimana di Organized Team Activities si è conclusa. Sei delle dieci giornate dedicate alle OTAs sono quindi in archivio.

2017-05-30_OTA4_Jack_Del_Rio

L’head coach Jack Del Rio parla ai giocatori durante la quarta sessione di OTAs 2017. (Foto: Raiders.com)

I reporter hanno avuto accesso solamente alla prima delle tre giornate di questa settimana, per il resto possiamo fare riferimento solo alle foto ed ai brevi video pubblicati dai Raiders. Facciamo il punto della situazione e vediamo cosa attende i nero-argento

OTAs

Ecco alcune note sparse relative all’allenamento del 30 giugno aperto ai reporter.

Gli OL Austin Howard e Jon Feliciano e il DT Darius Latham non si sono allenati. Con l’assenza di Howard è stato il nuovo arrivato Marshall Newhouse a giocare buona parte degli snap nella posizione di RT con i titolari.

Il rookie DT Eddie Vanderdoes non potrà unirsi alla squadra fino a che la sua classe a UCLA non si sarà ufficialmente diplomata, come prescrive la cosiddetta “Graduation Rule” voluta dalla NFL (ne avevamo parlato alla fine di questo articolo). Il LB Nicholas Morrow ha saltato gli allenamenti della settimana scorsa per lo stesso motivo, ma ora che l’anno accademico al Greenville College è stato ufficialmente archiviato si è potuto unire ai compagni.

Marshawn Lynch, che la scorsa settimana aveva fatto un allenamento leggero senza casco, ha partecipato ai drill di reparto con il casco in testa ma è stato tenuto a riposo durante i drill di team. Il RB si univa comunque ai compagni nell’huddle per sentire le chiamate di Derek Carr.

Il LB Ben Heeney ha fatto tutto il riscaldamento con i compagni e poi è andato ad allenarsi a parte con un trainer. Heeney sta ancora recuperando dall’infortunio che lo ha costretto a saltare gran parte del 2016.

Il LB Jelani Jenkins ha ripreso ad allenarsi senza limitazioni ma per il momento sono ancora Cory James e Tyrell Adams gli ILB che si allenano con le prime linee.

Ai Raiders piace far partire i rookie, anche quelli scelti in alto nel Draft, con le riserve, per farli ambientare e per far capire loro che il posto da titolare va conquistato. Gareon Conley, scelto al primo round del Draft, questa settimana si è allenato con i titolari nella posizione di nickel back e con le seconde linee come CB esterno, dietro a Sean Smith e David Amerson. La settimana scorsa Conley era stato la prima riserva di TJ Carrie come nickel cornerback e si era allenato con le terze linee all’esterno.

Davanti ai microfoni si sono presentati l’offensive coordinator Todd Downing, il QB Derek Carr e il TE Jared Cook.

A Downing è stato chiesto a quali allenatiori si sia ispirato ed l’OC ha risposto che il suo mentore è stato Scott Linehan. I due hanno lavorato insieme ai Vikings nel 2003 e 2004, a St. Louis dal 2006 al 2008 ed infine a Detroit dal 2009 al 2013, quando Linehan era offensive coordinator e Downing era prima offensive quality control coach, poi assistant QB coach ed infine QB coach dei Lions.

“The biggest influence on my coaching style is probably Scott Linehan. He’s really my mentor in this profession. I worked with him a long time, Minnesota, St. Louis and Detroit. So Scott and I remain very close, and it’s probably where most of my personality comes from as a coordinator. There’s certainly been a lot of guys along the way that have really influenced me. Everybody knows Mike Tice gave me my first coaching contract. He’s really helped instill certain beliefs about how an offense is run and a system is put together. I owe a lot to a lot of people along the way, and I’m very fortunate for that.” [Todd Downing]

Downing ha confermato di non avere nessuna intenzione di rivoluzionare l’attacco rispetto a quello che si faceva sotto Bill Musgrave, ma ha anche detto che un buon attacco continua ad evolversi, a migliorare sotto tanti aspetti e ad adattarsi ai giocatori a disposizione per sfruttarli al meglio.

L’OC si è poi detto molto contento di avere Marshawn Lynch in squadra. I Raiders credono molto nei giovani Washington e Richard, ma avere Lynch dà certamente un’arma importante in più alla squadra. Downing ha confermato che il RB ha fatto qualcosa in più negli allenamenti rispetto alla settimana scorsa ed ha lodato il giocatore per essersi presentato agli allenamenti della offseason (che, lo ricordiamo, sono ad adesione volontaria).

“He showed it’s important to him to integrate himself, not only in the offense, but just in the locker room and with the coaching staff. So, it’s been nice to have him around. He did a little bit more today and we’re excited about where he’s at. Just the type of person that he’s been so far has been outstanding. […] He’s a hard worker and he’s a football junkie. He loves football and he loves talking ball. I’ve really enjoyed the conversations we’ve had up until this point. I think he brings a veteran savvy with a fun personality behind it that makes it a really good combination.” [Todd Downing]

Downing ha lodato il QB Derek Carr per il suo atteggiamento umile e la voglia di lavorare sodo per continuare a migliorare. All’OC è poi stato chiesto come cambierà la squadra con l’arrivo del TE Jared Cook e Downing ha sottolineato la bravura dell’ex dei Packers nell’allungare il campo, nel correre le tracce e nel creare mismatch con LB e S avversari. Una cosa che ha lasciato positivamente impressionato l’OC è la capacità di Cook di essere anche un buon blocking TE, cosa che permetterà alla squadra di poter variare il fronte offensivo.

I Raiders quest’anno hanno portato in squadra il WR ex Vikings Cordarrelle Patterson. Downing è soddisfatto di quello che ha visto finora e sta studiando il modo di sfruttare le qualità del giocatore.

“He’s a fun tool. I won’t speak too much about how he was used in the past. That’s somebody else’s job, but I can tell you that we’re going to have fun looking for ways to get him involved in the offense. He’s a big strong, physical, dynamic with the ball in his hands type player, and we’re excited to see what he can do for us.” [Todd Downing]

Anche a Derek Carr è stato chiesto un parere sul TE Jared Cook ed il QB ha ancora una volta sottolineato la capacità di Cook di allungare il campo. Marcare il TE con un LB o con un S sarà difficile, ma se le difese raddoppieranno su di lui lasceranno più spazio a Cooper, Crabtree e Roberts.

“It’s exciting that we have a couple of tight ends that can stretch like that. That puts so much stress on a defense if they get a linebacker matched up on him or a safety who is more of a tackling type guy. That’s a troublesome thing for a defensive coordinator. With a guy like Jared that can stretch the field vertically like that, it’s going to lead to more single coverage outside for ‘Coop’ [Amari Cooper] and ‘Crab’ [Michael Crabtree]. It’s going to lead to more one-on-ones for Seth [Roberts]. The possibilities are endless when you add a guy at that position that has that much speed vertically. The things you can do with him really put a lot of stress on the defense.” [Derek Carr]

Ovviamente a Carr è stato chiesto anche a che punto siano le trattative per il rinnovo del contratto. Il QB ha confermato che i Raiders e il suo agente si stanno sentendo e che spera vivamente che tutto si concluda prima del Training Camp perché lui vuole concentrarsi sul football, senza distrazioni per lui e per i compagni.

“Hopefully it’ll just get done, which both sides keep saying it’s going to get done. I’m not worried about it, to let you know that. Once camp hits, I don’t want to be a distraction. I’ve made it very clear that I want to be a Raider for my entire career. I don’t want to play for anybody else. They know that. They’ve told me how bad they want me, so we’ll see.” [Derek Carr]

Davanti ai microfoni dei reporter si è presentato infine il TE Jared Cook ed ovviamente gli è stato chiesto se avesse notato tratti simili tra Carr e il suo ex QB Aaron Rodgers. Cook ha confermato che i due QB si assomigliano per la capacità di mettere la palla dove solo il ricevitore può arrivare, per la conoscenza degli schemi offensivi e la capacità di leggere quello che succede in campo mentre l’azione si sviluppa.

Raiders.com ci permette di sbirciare, con questi tre brevi video, dietro le quinte delle tre sessioni di OTAs della seconda settimana.

OFFSEASON PROGRAM

Come detto, la NFL concede ai team 10 giornate di OTAs a partecipazione volontaria e un mini-camp a partecipazione obbligatoria prima della pausa estiva e del successivo Training Camp.

Ai Raiders restano da svolgere quattro sessioni di OTAs (5-6 giugno e 8-9 giugno) e il mini-camp (13-15 giugno).

ANALISI DI PFF

Sempre più spesso nelle analisi dei top performer di PFF compaiono giocatori nero-argento. Vediamo alcuni esempi.

Annunci

One thought on “Offseason Program 2017 – La seconda settimana di OTAs

  1. Pingback: Offseason Program 2017 – La terza settimana di OTAs | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...