Offseason Program 2017 – La prima settimana di OTAs. Firmano 6 rookie

A casa dei Raiders si è conclusa la prima settimana di Organized Team Activities (OTAs). Finalmente i veterano hanno potuto indossare i caschi, sensazione che i rookie avevano già provato in occasione del loro mini-camp di tre giorni dopo il Draft.

2017-05-23_OTA2_Khalil_Mack

Khalil Mack guida la carica dei difensori nero-argento durante la seconda giornata di OTAs 2017. (Foto: Raiders.com)

Gradito ospite ad osservare gli allenamenti dei Silver & Black è stato l’ex WR dei Detroit Lions Calvin “Megatron” Johnson, invitato ad Oakland dall’offensive coordinator Todd Downing. Al termine della prima tre giorni di OTAs i Raiders hanno messo sotto contratto sei delle loro scelte al Draft. Andiamo a fare il punto della situazione sugli allenamenti, sui contratti e su altri aspetti della vita in nero-argento. 

OTAs

Nella fase tre dell’Offseason Program ai team è concesso di organizzare 10 giorni di allenamenti in cui è possibile schierare attacco contro difesa ma è proibito il contatto fisico, si tratta delle Organized Team Activities (OTAs).

I reporter hanno avuto accesso solamente ad una delle tre giornate, la seconda, ed hanno avuto modo di intervistare coach Del Rio ed alcuni giocatori.

Marshawn Lynch, pur presente al campo d’allenamento, non ha indossato il casco e si è limitato a fare un allenamento leggero, senza partecipare ai drill di reparto. Secondo Del Rio non ci sarebbe niente di cui preoccuparsi.

“He’s doing great. He’ll continue to do the things that we’re asking him to do. He’s really soaking up the system. He’s doing a great job fitting in.” [Jack Del Rio]

Tre LB si sono allenati a parte; si tratta di Jelani Jenkins, Ben Heeney e Neiron Ball. Al momento gli ILB che stanno prendendo parte ai drill con le prime linee sono Cory James e Tyrell Adams. Heeney si sta ancora riprendendo dall’infortunio subito lo scorso anno, Jenkins ha avuto un affaticamento dopo aver preso parte regolarmente all’allenamento della prima giornata e Ball è ancora in un limbo, in attesa di capire se riuscirà a tornare a giocare dopo i problemi che lo hanno costretto a saltare quasi due stagioni complete.

“[Heeney]’s still a little bit banged. You know how I feel about the injuries this time of year. The guys that can go will go and the guys that can’t are going to work at it and he’s off working on the side. Jelani [Jenkins] was out here yesterday and then he wasn’t today. So, we’re just being smart with guys and we’ll bring them along as we think is wise and go from there.” [Jack Del Rio]

Connor Cook ha cambiato numero, passando dall’8 indossato nel 2016 al 18 che ha vestito nella sua carriera universitaria a Michigan State. Il numero lo scorso anno era di proprietà del WR Andre Holmes, ora ai Buffalo Bills.

2017-05-23_OTA2_Derek_Carr-Connor_Cook

Derek Carr (4) e Connor Cook (18) durante la seconda giornata di OTAs 2017. (Foto: Raiders.com)

Jack Del Rio ha detto che le dieci giornate di OTAs a disposizione saranno intense e serviranno a costruire le “fondamenta” della squadra in vista del Training Camp estivo. Saranno utili per far entrare in sintonia con la squadra e con il sistema di gioco i rookie e i free agent arrivati quest’anno e verranno sfruttate per spiegare le modifiche al sistema di gioco apportate rispetto allo scorso anno anche per il cambio di offensive coordinator e per l’arrivo di John Pagano a dare una mano in difesa. I giocatori potranno poi lavorare sul campo per migliorare nei fondamentali.

Come abbiamo anticipato, alla tre giorni di OTAs ha partecipato l’ex WR dei Lions Calvin Johnson. Megatron è stato invitato dall’OC Todd Downing, che aveva lavorato con lui a Detroit. La presenza di Johson è stata importante per Amari Cooper e per i giovani ricevitori, visto che il campione ormai in pensione ha dato diversi consigli ai giovani colleghi.

“Well, it’s great to have him out here. Obviously, a very accomplished player. He has a great relationship with Todd Downing. Todd invited him out. He thought it’d be a great idea for our wide receivers to just pick his brain and have him be around and give us a point here or there. Talk about some of the things that he did so well in his career and how we might be able to have some of our guys learn from that. So, he’s really here as a guest and it’s great to have him out here.” [Jack Del Rio]

Recentemente Calvin Johnson ha dichiarato al Detroit Free Press che il suo rapporto con i Lions non è finito bene, in parte per la decisione della squadra di pretendere la restituzione della porzione di bonus che il ricevitore aveva già incassato ma che non ha “guadagnato” essendosi ritirato con ancora un anno di contratto. A scanso di equivoci è bene precisare che al giornale del Michigan Johnson ha anche detto di non star minimamente pensando a tornare in campo.

“Calvin is cool, man. I saw him yesterday and asked him if Detroit still had his rights if he came out of retirement. He was like, ‘Man, they aren’t going to let me go anywhere.’ But, it’s good because I see him over there talking to Cooper and Crabtree and some of the young guys. Calvin is one of the best to do it so having him out there picking those guys’ brains and giving them advice is great.” [Donald Penn]

Amari Cooper ha sfruttato la presenza di Johnson per fargli tante domande e ricevere i suoi consigli.

“I’ve just been asking him a whole bunch of questions. How does he run certain routes? What was his regiment like? And how he was so productive? He’s a really cool guy. He’s been giving me some really great feedback, so he’s nice to have around.” [Amari Cooper]

Il WR nero-argento sta lavorando duramente per essere ancora più produttivo. Ha detto che uno degli aspetti principali su cui sta lavorando è la concentrazione sui dettagli, pensare a ricevere la palla prima che a correre (nei primi due anni Cooper ha commesso qualche drop di troppo). Del Rio ha confermato che Cooper ha dimostrato di essere un giocatore che lavora sodo per migliorarsi anno dopo anno.

“It’s great when you have a young, talented player that’s really eager to be special, wants to make a mark in this league. The way he’s working at it right now is outstanding. That’s all we want of our guys. Come in every day and express themselves and be full of energy and try to work at something. Be a little bit better at something. There are a lot of different facets to him. Where his speed is really one of his greatest strengths, obviously, his route running ability was pretty doggone polished when he got here, but even that can continue to improve and the timing with Derek [Carr]. We think he’ll continue to ascend.” [Jack Del Rio]

Recentemente PFF ha mostrato i progressi fatti da Cooper dall’anno da rookie alla seconda stagione; tutti si augurano e si aspettano un altro salto in avanti nel 2017.

Uno dei giocatori su cui la squadra punta molto è il DE Mario Edwards Jr., che ha mostrato di poter essere un gran bel giocatore nel suo anno da rookie nel 2015 prima di venire frenato dagli infortuni. Finalmente recuperato al 100% fisicamente, Edwards ha dichiarato di star lavorando duramente per migliorare come pass rusher. Il DE ha già dimostrato di poter essere un muro contro le corse ma i Raiders hanno bisogno di migliorare nel mettere pressione sul QB dall’interno della linea difensiva, quindi il contributo di Edwards e del compagno Jihad Ward, deludente nel 2016, sarà molto importante.

“Really just trying to get more pass rush, get off the ball and penetrate, things of those nature. I think I play the run pretty good, but just focusing on the other side with pass rush.” [Mario Edwards Jr.]

Donald Penn è felice di poter giocare con il suo amico Marshawn Lynch ed ha parlato molto bene dei linemen che McKenzie ha portato ad Oakland.

“These guys come in and really ask a lot of questions and pick my brain. When I was a rookie, I was scared to talk to the vets. I would only talk if they talked to me. But these guys are coming in and asking a lot of questions, asking me to help them, asking me to stay after and do little things. I like that. I like that they’re taking the initiative and not waiting for me to come up and ask them. I love their energy and their excitement so far.” [Donald Penn]

Per dare un’occhiata al campo d’allenamento, ecco alcuni video pubblicati dai Raiders.

LAS VEGAS

Il 18 maggio si è riunita la commissione che gestirà il Las Vegas Stadium ed è stato approvato all’unanimità l’accordo di utilizzo dello stadio (potete scaricare qui il PDF).

Con l’OK del Las Vegas Stadium Authority board i Raiders si sono potuti presentare al meeting NFL di Chicago, dove il 23 maggio anche la NFL ha dato il suo parere positivo.

Mark Davis e i Raiders sperano di poter iniziare i lavori di costruzione dello stadio a gennaio 2018, con l’obiettivo di concluderli in tempo per trasferirsi nella Sin City per la stagione 2020. Davis ha ribadito di voler tenere la squadra ad Oakland anche nel 2019, in attesa che lo stadio di Las Vegas sia pronto.

Dopo l’approvazione del trasferimento a Las Vegas ottenuto a marzo Mark Davis si era detto disposto a rimborsare coloro che avessero voluto restituire l’abbonamento già pagato. A quanto pare sono stati un migliaio i tifosi che hanno scelto di percorrere questa strada, ma i posti non sono rimasti vacanti a lungo vista la lista d’attesa di chi aspettava l’occasione giusta per poter acquistare l’abbonamento annuale.

SEI ROOKIE FIRMANO IL CONTRATTO

Il 26 maggio sei dei nove giocatori scelti al Draft hanno messo la loro firma sul contratto offerto dai Raiders. Si tratta di David Sharpe, Marquel Lee, Shalom Luani, Jylan Ware, Elijah Hood e Treyvon Hester. Mancano all’appello solamente i giocatori scelti nei primi tre round.

2017-05-26_David_Sharpe_Raiders_contract

David Sharpe – Round 4, Pick 23 (129) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

2017-05-26_Marquel_Lee_Raiders_contract

Marquel Lee – Round 5, Pick 24 (168) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

2017-05-26_Shalom_Luani_Raiders_contract

Shalom Luani – Round 7, Pick 3 (221) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

2017-05-26_Jylan_Ware_Raiders_contract

Jylan Ware – Round 7, Pick 13 (231) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

2017-05-26_Elijah_Hood_Raiders_contract

Elijah Hood – Round 7, Pick 24 (242) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

2017-05-26_Treyvon_Hester_Raiders_contract

Treyvon Hester – Round 7, Pick 26 (244) – firma il contratto. (Foto: Raiders.com)

Annunci

2 thoughts on “Offseason Program 2017 – La prima settimana di OTAs. Firmano 6 rookie

  1. Pingback: Offseason Program 2017 – La seconda settimana di OTAs | Raiders Italia

  2. Pingback: Il Training Camp 2017 si avvicina | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...