Offseason Program 2017 e Rookie mini-camp

Il rookie mini-camp 2017 si è concluso, e come spesso capita alcuni dei giocatori invitati per un provino hanno fatto una buona impressione sul coaching staff ed hanno ottenuto un contratto.

2017-05-05_rookie_mini-camp_Elijah_Hood

Il RB Elijah Hood (34), fotografato durante la prima giornata del rookie mini-camp 2017. (Foto: Benjamin Hager‏/ Las Vegas Review-Journal)

Facciamo un breve resoconto di quel che si è visto (o per meglio dire sentito) durante il mini-camp, esaminiamo le modifiche al roster e vediamo quali sono le prossime tappe della offseason prima della pausa estiva. 

IL ROOKIE MINI_CAMP 2017

La stampa ha avuto accesso solamente alla prima giornata del rookie mini-camp. Lo staff di Raiders.com ci permette però di dare un piccolo sguardo dietro le quinte con tre articoli (Day 1Day 2Day 3).

Ecco alcuni brevi filmati pubblicati dai Raiders.

Il DT Treyvon Hester si è sottoposto a dicembre ad un intervento alla spalla ma ha comunque preso parte agli allenamenti. Essendo una cosiddetta “late round pick” perdere un’occasione per far vedere le sue doti non sarebbe stato certamente un buon inizio quindi la notizia della sua partecipazione è molto positiva.

Gareon Conley, prima scelta del Draft dei Raiders, è stato schierato sia come CB esterno che nello slot. Del Rio ritiene che Conley possa occupare entrambe le posizioni e quindi il coaching staff lo ha provato in entrambi i ruoli.

David Sharpe dovrebbe essere il backup LT dietro a Donald Penn e quindi il primo giorno i Raiders hanno schierato la linea con Sharpe LT e Jylan Ware RT, ma dalle poche informazioni che sono filtrate dai restanti due giorni i due rookie si sono alternati a destra e a sinistra. La cosa non deve stupire visto che il posto di RT titolare è aperto ed i nuovi arrivati potranno competere con Austin Howard, Marshall Newhouse e Vadal Alexander durante il training camp estivo.

Uno dei giocatori in prova ha fatto una bella impressione nel primo giorno di camp, si tratta del RB dell’università di Washington Deontae Cooper, che nella tre giorni ha indossato la maglia bianca numero 35. Cooper non ha però alla fine ricevuto un’offerta di contratto dalla squadra.

Come scritto in un articolo precedente, i Raiders avevano invitato al mini-camp per un tryout due QB, l’ex Baylor Seth Russell e l’ex Wisconsin Bart Houston; d’altronde qualcuno che lanciasse la palla durante la tre giorni serviva. Nessuno dei due QB ha ricevuto un’offerta alla fine del mini-camp, quindi per il momento i Silver & Black terranno tre soli QB (Carr, Cook e Manuel) nel roster.

Dalle foto pubblicate su Raiders.com sembrerebbe che diversi giocatori, tra cui il RB Elijah Hood e gli UDFA WR Isaac Whitney, Ishmael Zamora e Keon Hatcher, siano stati provati come ritornatori.

TRANSAZIONI

Lo scorso anno erano stati ben cinque i rookie che avevano partecipato in prova al mini-camp ed avevano poi ottenuto un contratto. Il caso più eclatante è stato quello di Jalen Richard, che non solo ha avuto modo di partecipare al Training Camp di luglio ed alla preseason ma ha anche conquistato un posto nel 53-men roster da subito, segnando un TD da 75 yard nella sua prima corsa in una partita ufficiale. Degli altri quattro giocatori, Chris Edwards, Joe Hansley, Branden Jackson, e Torian White, solamente Jackson ha trovato posto nella practice squad ed è stato poi promosso nel 53-men roster prima della fine della stagione.

“Once they get here, it doesn’t really matter how they got here, we’re going to let these guys compete.” [Jack Del Rio]

Quest’anno i giocatori che hanno attirato l’attenzione del coaching staff sono stati tre:

Chris Casher, DE, Faulker
Najee Harris, LB, Wagner
LaTroy Lewis, LB, Tennessee

La notizia era stata anticipata dai giocatori sui propri profili Twitter ed è stata successivamente confermata dai Raiders.

Poiché il roster della offseason può essere composto solamente da 90 giocatori, per rispettare questo limite i Raiders hanno tagliato il LB Dwayne Norman e due degli undrafted rookie messi sotto contratto dopo il Draft, il S Ahmad Thomas e il DT Jordan Wade, entrambi provenienti da Oklahoma.

Al momento, con tre tagli e tre acquisizioni, il roster è composto da 89 giocatori. Chi occuperà l’ultimo posto disponibile?

CONFERENZE STAMPA

Dopo la prima giornata del rookie mini-camp si sono presentati davanti ai microfoni l’head coach Jack Del Rio e i rookie scelti al Draft.

Del Rio ha sottolineato che, indipendentemente dal fatto che si sia stati scelti al Draft, che si sia arrivati in squadra come UDFA o che si partecipasse al mini-camp in prova, quello che conta è quello che si mostra in campo… quello che conta è fare le cose per bene e dimostrare di poter aiutare la squadra a vincere.

L’head coach è contento di avere in squadra Melifonwu, lodato per la sua voglia e capacità di apprendere e, ovviamente, per le sue doti fisiche. La scelta del secondo round è veloce, ma è anche agile e sa placcare. Pe quanto riguarda il T David Sharpe, Del Rio ha confermato che verrà provato sia come LT che come RT.

I Raiders hanno un evidente buco nel ruolo di ILB e quindi Marquel Lee potrebbe puntare ad un posto da titolare. Del Rio ha però messo bene in chiaro che i giocatori otterranno quello che si meritano e a nessuno verrà “regalato” niente.

“The biggest thing is come in and compete. You’re going to get what you earn. You’re going to earn your way, and nothing is going to be given to any of these young men. That’s the message.” [Jack Del Rio]

Gareon Conley si è detto soddisfatto di come è andata l’incontro con la polizia di Cleveland e spera che tutto si risolva al più presto anche se non gli sono state comunicate delle tempistiche precise. L’arrivo del mini-camp gli ha permesso di distrarsi e concentrarsi sugli allenamenti anziché pensare ai problemi legali. Per quanto riguarda il football, la prima scelta di quest’anno ha confermato di sentirsi a proprio agio sia all’esterno che nello slot.

Anche Marquel Lee si è detto contento di aver potuto finalmente indossare nuovamente il casco da football. E’ consapevole che c’è molto da imparare sugli schemi difensivi della squadra, ma è fiducioso di poter dare il suo contributo.

Obi Melifonwu e Gareon Conley divideranno la stanza in questa prima stagione ad Oakland; certamente questo servirà a far legare due pedine importanti della difesa. Il S si è da subito buttato nello studio del playbook perché è consapevole che prima imparerà gli schemi e prima potrà conquistare snap in campo.

David Sharpe non è spaventato dal fatto che dovrà mettersi alla prova anche come RT. E’ felice di poter imparare da un OL coach rispettato come Mike Tice e di avere come compagni di reparto tre Pro Bowler.

Eddie Vanderdoes ha detto di pesare 301 libbre (circa 137 kg). Il DT ha avuto qualche difficoltà a mantenere il peso forma nel 2016 a UCLA, ma ora è dimagrito e a quanto pare i Raiders sono soddisfatti dell’attuale peso.

Potete leggere la trascrizione integrale delle conferenze stampa cliccando qui.

OFFSEASON PROGRAM

L’offseason program delle squadre NFL è regolato dagli articoli 21 e 22 del Collective Bargaining Agreement, l’accordo tra la NFL e l’associazione giocatori (NFLPA).

Nella prima fase, della durata di due settimane, si può fare solo la preparazione atletica e gli strength and conditioning coach sono gli unici che possono scendere in campo con i giocatori. Nella fase due, della durata di tre settimane, sono permessi drill individuali e allenamenti di squadra ma con il divieto di schierare attacco contro difesa (ad eccezione della tre giorni del rookie mini-camp). Nella fase tre, della durata di quattro settimane, ai team è concesso di organizzare 10 giorni di allenamenti in cui è possibile schierare attacco contro difesa ma è proibito il contatto fisico; si tratta delle famose Organized Team Activities (OTAs).

I Raiders hanno iniziato gli allenamenti il 17 aprile e la squadra è ormai entrata nella fase due.

Ecco le date importanti dell’offseason program:

OTAs: 22-23 maggio, 25 maggio, 30-31 maggio, 2 giugno, 5-6 giugno, 8-9 giugno
Mandatory Minicamp: 13-15 giugno

Per un approfondimento potete consultare il CBA.

ALTRE NOTE

Jack Del Rio ha fatto un intervento nella trasmissione “NFL Total Access” (VIDEO); ha parlato di Marshawn Lynch ma anche di mercato. L’head coach ha detto chiaramente che la squadra continuerà a guardarsi intorno alla ricerca di ILB, che siano free agent o giocatori che verranno tagliati dalle altre squadre nel corso dell’offseason.

Reggie McKenzie ha parlato del Draft in una intervista concessa a SiriusXM NFL Radio (qui una trascrizione parziale). La scelta che ha catturato maggiormente i favori della critica è stata quella di Melifonwu nel secondo round, e McKenzie ne ha decantato le lodi, sottolineando oltre alla sua indubbia velocità anche la sua bravura nei placcaggi e in copertura.

LETTURE CONSIGLIATE

Non di solo Draft vive il tifoso nero-argento… Chi sono gli undrafted rookie che McKenzie ha messo sotto contratto? Vi presento due articoli su due di questi ragazzi chiamati a lottare per proseguire il proprio sogno NFL.

PRIMA LA LAUREA

I rookie sono stati lasciati liberi dopo il termine del mini-camp e la maggior parte di loro tornerà ad allenarsi con la squadra in questi giorni. Alcuni giocatori non potranno però unirsi ai compagni per le OTAs.

“We’ll get them back after Mother’s Day and begin working with most of them. I think there might be two guys that won’t be able to return after Mother’s Day because of the agreement with the NFL and NCAA. I’d love to see that changed some day, but we’ll work within the rules.” [Jack Del Rio]

Nella NFL esiste infatti la cosiddetta “Graduation Rule“, che vieta ai rookie di unirsi alla squadra (ad eccezione della settimana del Rookie Mini-Camp) fino alla cerimonia di diploma. Per molti rookie questo non è un problema perché le cerimonie di laurea si tengono prima dell’inizio degli OTAs, ma per i giocatori che provengono da università, come l’università di UCLA, che utilizzano un sistema in quarti anziché i classici semestri, questa regola significa perdere alcune settimane di allenamenti.

Annunci

3 thoughts on “Offseason Program 2017 e Rookie mini-camp

  1. Pingback: Prosegue l’Offseason Program 2017 – Il rookie Marcus McWilson aggiunto al roster | Raiders Italia

  2. Pingback: Offseason Program 2017 – La prima settimana di OTAs. Firmano 6 rookie | Raiders Italia

  3. Pingback: Offseason Program 2017 – La seconda settimana di OTAs | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...