Draft 2017 – Day 3 picks: Sharpe, Lee, Luani, Ware, Hood, Hester

Nell’ultima giornata del Draft 2017 i Raiders avevano cinque scelte a disposizione, ma grazie ad un trade con i Cardinals hanno selezionato sei giocatoriDavid Sharpe nel quarto round, Marquel Lee nel quinto e Shalom Luani, Jylan Ware, Elijah HoodTreyvon Hester nel settimo.

Raiders_Draft_2017

Il maxischermo piazzato davanti al Philadelphia Museum of Art preannuncia una scelta dei Raiders nel Draft 2017

E’ arrivato il momento di fare un recap del Draft 2017, di presentare i nuovi Silver & Black e di anticipare alcuni nomi di giocatori che potrebbero firmare con i Raiders come undrafted free agent. 

Ecco il resoconto delle scelte effettuate dai Silver & Black nella tre giorni di Filadelfia:

Round 1, Pick 24 (24) – Gareon Conley, CB, Ohio State (articolo)
Round 2, Pick 24 (56) – Obi Melifonwu, S, Connecticut (articolo)
Round 3, Pick 24 (88) – Eddie Vanderdoes, DT, UCLA (articolo)
Round 4, Pick 23 (129) – David Sharpe, OT, Florida
Round 5, Pick 24 (168) – Marquel Lee, LB, Wake Forest
Round 6, Pick 24 (208) – ceduta ai Cardinals
Round 7, Pick 3 (221)** – Shalom Luani, S, Washington State
Round 7, Pick 13 (231)** – Jylan Ware, OT, Alabama State
Round 7, Pick 24 (242) – Elijah Hood, RB, North Carolina
Round 7, Pick 26 (244)* – Treyvon Hester, DT, Toledo

* ottenuta dai Seattle Seahawks lo scorso anno in cambio del DB Dewey McDonald, ** ottenute dai Cardinals

Le prime due scelte della giornata conclusiva del Draft nero-argento sono state annunciate da Las Vegas; quella del quarto round dal Governatore del Nevada Brian Sandoval e quella del quinto round dal Commission Chair della contea di Clark Steve Sisolak.

NFL Network non ha mostrato il secondo annuncio perché Rich Eisen ha ritenuto che la scelta dei Raiders fosse uno “schiaffo” ai tifosi di Oakland, che già soffrono per il prossimo addio della squadra, alla quale la NFL ha concesso l’autorizzazione a trasferirsi nella Sin City.

Possiamo però vedere Sisolak annunciare la scelta di Marquel Lee in questo video pubblicato dai Raiders.

Chi sono i giocatori scelti nel terzo giornodel Draft?

ROUND 4 (129) – DAVID SHARPE – OT – FLORIDA

La prima scelta della giornata per i nero-argento è dedicata all’attacco. Sharpe è una montagna d’uomo (6’6″ per 343 libbre, 1.98 m per circa 155 kg) ed ha giocato LT proteggendo il lato cieco di Luke Del Rio, QB di Florida e figlio dell’head coach dei Raiders. Sharpe ha scelto di lasciare il college per diventare professionista dopo il suo anno da junior. Da matricola nel 2014 ha giocato come riserva ma già l’anno successivo è partito titolare come LT in 13 delle 14 partite giocate. Nel 2016 è partito titolare in tutte le partite.

Sharpe avrà l’occasione di lavorare con uno dei migliori OL coach della NFL, Mike Tice, e potrà affinare la sua tecnica. A quanto si legge dalla scheda di NFL.com sono tanti gli aspetti su cui deve migliorare.

Una curiosità: si è diffusa la voce che il T quasi non veda dall’occhio destro ma Sharpe ci ha tenuto a smentire categoricamente quest rumor, che si sarebbe generato durante la Scouting Combine di Indianapolis quando un reporter di NFL Network lo ha diffuso dopo aver parlato con uno scout.

Sharpe ha dichiarato che ha semplicemente subito da ragazzino un’operazione per correggere una cataratta; ha confidato che la visione con l’occhio destro è leggermente meno nitida rispetto all’altro occhio, ma che questo non influenza minimamente le sue prestazioni in campo.

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.


ROUND 5 (168) – MARQUEL LEE – LB – WAKE FOREST

Finalmente, nel quinto round, è arrivato il LB che i tifosi dei Raiders aspettavano con impazienza. La scelta è ricaduta sul MLB di Wake Forest Marquel Lee, il cui punto forte è la capacità di difendere contro le corse e i suoi ridotti tempi di reazione. La scheda di NFL.com lo etichetta come carente in velocità, intesa come “football speed” non come velocità assoluta. Lui stesso ha ammesso di dover lavorare per migliorare in copertura, ma ha comunque voluto sottolineare di non essere per nulla monodimensionale.

Lee (6’3″ per 240 libbre, 1.91 m per circa 109 kg), capitano dei Demon Deacons per due anni, è stato votato First Team All-ACC dalla Associated Press ed è risultato il miglior run stopper tra i LB della sua Conference nel 2016. Da freshman nel 2013 ha fatto registrare 14 tackle in 11 partite e dal 2014 è stato inserito nella starting line-up concludendo il suo secondo anno con 101 tackle (12 per perdita di yard) e 4 sack. Nel 2015 ha fatto registrare 71 placcaggi (10 per perdita di yard) e 3 sack ed infine nel 2016 ha messo a segno 105 tackle (20 per perdita di yard) e 7.5 sack.

Lee ha raccontato ai reporter locali che i Raiders hanno tenuto i contatti con il suo agente dalla Combine fino al Draft, ed avevano anticipato il loro desiderio di sceglierlo.

“I’m a physical player at the line of scrimmage. I shed blocks really well, so I feel like I can go sideline to sideline as well. Just being a motor type guy.” [Marquel Lee]

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.

Lee è stato l’unico LB scelto dai Raiders e il coaching staff gli darà la possibilità di competere per un posto da titolare. Nella conferenza stampa di chiusura (trascrizione) il GM Reggie McKenzie ha dichiarato che Neiron Ball, nella IR lo scorso anno, sta ancora affrontando la riabilitazione e al momento non è ancora certo che possa tornare a giocare. Per quanto riguarda il free agent Perry Riley Jr., McKenzie non ha chiuso le porte ad un suo ritorno ma non si è esposto più di tanto.


ROUND 7 (221) – SHALOM LUANI – S – WASHINGTON STATE

Luani (5’11” per 202 libbre, 1.80 m per circa 92 kg) è il terzo DB selezionato nel Draft 2017 dai Raiders.

Ex giocatore di calcio originario delle Samoa Americane, prima di arrivare a Washington State è passato da un Junior College, il City College di San Francisco. Nel suo primo anno a Washington State, nel 2015, ha totalizzato 90 tackle, 4 intercetti, 6 passaggi difesi, due fumble forzati e un fumble ricoperto. Nel suo anno da senior ha chiuso con 58 tackle, 2 sack, 4 intercetti, 6 passaggi difesi e 1 fumble forzato.

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.

Nella conferenza stampa tenuta alla fine del Draft Reggie McKenzie è sembrato felice di aver potuto mettere le mani su questo giocatore.

“That guy. Is. A. Playmaker.” [Reggie McKenzie]


ROUND 7 (231) – JYLAN WARE – OT – ALABAMA STATE

I Raiders scelgono il secondo T della giornata con la seconda scelta ottenuta dai Cardinals in cambio della scelta al sesto round.

Ware (6’8″ per 295 libbre, 2.03 m per circa 134 kg) viene dalla piccola Alabama State ed è stato definito da Mike Mayock, l’analista di NFL Network, un “dancing bear”. Mayock ha ammesso che non aveva mai sentito nominare il giocatore fino ad un paio di settimane fa, quando qualcuno glielo ha segnalato come possibile sorpresa del Draft. Dal poco materiale che si trova in rete su di lui, sembrerebbe un giocatore piuttosto agile nonostante la stazza.

Ware ha detto ai reporter che ha messo su un po’ di peso su richiesta di alcuni team, e di essere a 310-315 libbre al momento.

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.


ELIJAH HOOD – RB – NORTH CAROLINA

Nonostante l’acquisizione di Marshawn Lynch e la presenza nel roster dei giovani RB Jalen Richard e DeAndre Washington, di Taiwan Jones e del FB Jamize Olawale, i Raiders hanno speso una delle scelte del settimo round per selezionare un altro RB.

Hood (5’11” per 232 libbre, 1.80 m per 105 kg) ha deciso di saltare l’ultimo anno al college per diventare professionista, ed ha chiuso la sua carriera a North Carolina con 431 corse per 2580 yard (6.0 di media) e 29 TD. Il suo anno migliore è stato il 2015, nel quale ha totalizzato 219 corse per 1463 yard (6.7 di media) e 17 TD.

Il RB ha affermato di ispirarsi a Beast Mode e quindi è felicissimo di essere stato scelto dai Raiders.

“I mean Marshawn Lynch, growing up watching him play, honestly as a runner, that’s one of the running backs I tried to model my game after the most. I mean Beast Mode. I just can’t wait to be in that running back room with him. He has so much to offer. He’s a veteran. The way he conducts business, he’s a professional. I feel like I have so many questions I need to ask him and learn from him about the game and NFL and what it takes to be successful. It’s just so much to take in. I’m about to be in a room with this guy. He’s literally the man who I wanted to become as a running back. I have nothing but blessings upon blessing coming into this situation. It’s like God selected it for me. I can’t ask for more.” [Elijah Hood]

Hood ha dichiarato, nella conferenza stampa telefonica con i reporter della Bay Area, di aver lavorato per perdere qualche chilo (ora è a 220 libbre) e quindi si aspetta di essere utilizzato come RB, anche se è disposto a fare il FB qualora gli venisse chiesto.

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.


TREYVON HESTER – DT – TOLEDO

L’ultima scelta dei Raiders nel Draft 2017 è stata il DT e capitano di Toledo Treyvon Hester (6’2″ per 300 libbre, 1.88 m per 136 kg), third-team ALL-MAC nel 2014 e second-team ALL-MAC nel 2015 e nel 2016.

Hester ha concluso i quattro anni a Toledo con 47 partite giocate, 161 placcaggi, 31.5 placcaggi dietro la linea di scrimmage, 13 sack, 4 fumble forzati e 2 fumble recuperati.

Il giocatore è stato etichettato come three-technique DT (un DL che si schiera all’altezza della spalla esterna della G, tra la G e il T per capirci – per un approfondimento cliccate qui), ma ci ha tenuto a precisare di poter ricoprire anche altre posizioni all’interno della linea.

“I’m not limiting myself to any category. I can play anywhere on the defensive front, wherever you feel like lining me up at. Wherever my best fit is for this team, to help this defense become better, I’m ready to do it.” [Treyvon Hester]

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica.


UNDRAFTED

Chiuso il Draft è iniziata la corsa per mettere sotto contratto gli undrafted rookie.

Ecco alcuni nomi che sono venuti a galla pochi minuti dopo la fine del Draft, ma sono da prendere con le pinze fino a che non ci sarà l’inchiostro sul contratto, perché capita spesso che i free agent cambino idea dopo aver dato una mezza parola ad una squadra.

Anthony Cioffi, DB, Rutgers

Jordan Wade, DT, Oklahoma

Keon Hatcher, WR, Arkansas

Ahmad Thomas, S, Oklahoma

Pharaoh Brown, TE, Oregon

Isaac Whitney, WR, USC

Fadol Brown, DL, Ole Miss

Ishmael Zamora, WR, Baylor

Nicholas Morrow, DB, Greenville College

Jordan Simmons, OL, USC

Rickey Jefferson, DB, LSU

Alcuni giocatori ricevono proposte per un contratto mentre altri devono passare per un provino. L’anno scorso Jalen Richard è stato invitato al rookie mini-camp dei Raiders per fare un provino ed ha colpito talmente i coach da guadagnarsi non solo un contratto ma addirittura un posto nel 53-men roster. Ci sarà qualcuno capace di fare altrettanto nel 2017?

Ecco chi dovrebbe essere presente per un tryout al prossimo rookie mini-camp.

Seth Russell, QB, Baylor

Garry Brown, WR, California (Pennsylvania)

Mario Yakoo, OL, Boise State

LaTroy Lewis, DL, Tennessee e Elijah Wilkinson, OL, Massachusetts

Dylan Wiesman, OL, Tennessee

Annunci

2 thoughts on “Draft 2017 – Day 3 picks: Sharpe, Lee, Luani, Ware, Hood, Hester

  1. Pingback: Draft 2017 – Analisi della AFC West | Raiders Italia

  2. Pingback: 2017 week 8 – Raiders at Bills preview | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...