Draft 2017 – Al terzo round i Raiders scelgono il DT Eddie Vanderdoes

La seconda giornata del Draft 2017 per i Silver & Black si conclude con la scelta, alla posizione 24 del terzo round (88a assoluta), del DT di UCLA Eddie Vanderdoes. Reggie McKenzie continua quindi a rinforzare la difesa e lo fa con un giocatore dall’alto potenziale ma che nell’ultima stagione ha mostrato tanti alti e bassi.

Eddie_Vanderdoes_UCLA

Il DT di UCLA Eddie Vanderdoes (47) festeggia un sack durante la partita contro i Texas Longhorns del 13 settembre, 2014. (Foto: Ronald Martinez/Getty Images)

Con il taglio di Dan Williams e la perdita in Free Agency di Stacy McGee i Raiders avevano necessità di rinforzare l’interno della linea difensiva ed hanno deciso di prendersi un piccolo rischio, cosa accettabile nel terzo round, e dare fiducia ad un giocatore che a tratti ha mostrato di poter essere dominante a livello collegiale. 

Vanderdoes (6’3″ per 305 libbre, circa 1.91 m per 138 kg) è stato uno dei DT più ricercati dalle università quando ha finito il liceo e nei primi due anni a UCLA ha dimostrato di poter essere un ottimo giocatore. Nella sua prima annata con i Bruins, nel 2013, ha giocato 13 partite mettendo a segno 39 placcaggi e 0.5 sack, forzando un fumble e ricoprendone uno. A fine stagione è stato nominato first-team Freshman All-America da Sporting News e dalla Football Writers Association (FWAA).

Nel 2014 il DT originario di Auburn, California (vicino a Sacramento), ha continuato a giocare ad alti livelli, chiudendo con 50 placcaggi, 2 sack, 1 fumble forzato e 1 fumble ricoperto nelle 13 partite giocate.

Una curiosità: nei primi due anni a UCLA ha segnato anche due TD su corsa ed ha ricevuto un passaggio per un guadagno di 18 yard.

Il 2015 è iniziato con 8 placcaggi, ma nella partita inaugurale Vanderdoes si è rotto il legamento crociato anteriore (ACL) del ginocchio sinistro ed ha dovuto saltare tutta la stagione.

Al suo ritorno in campo nel 2016 dopo l’infortunio Vanderdoes ha faticato, anche per via di alcuni problemi alle caviglie. Il DT non è riuscito a mantenere il suo peso forma ed ha giocato a 338-340 libbre (circa 154 kg), perdendo in esplosività.

Vanderdoes ha lavorato tanto dopo la fine della stagione, ha fatto vedere ottime cose durante il Senior Bowl ed ha perso parecchi chili in vista della Scouting Combine di Indianapolis.

Se Vanderdoes tornerà in forma e riprenderà da dove aveva lasciato prima dell’infortunio al ginocchio i Raiders potrebbero aver trovato un giocatore capace di pressare il QB partendo dall’interno della linea e di creare un muro contro le corse.

Nella conferenza stampa che ha chiuso la seconda giornata del Draft (VIDEO) l’head coach Jack Del Rio ha detto di apprezzare il fatto che Vanderdoes non sia semplicemente un giocatore che spinge il bloccatore avversario, ma uno che segue l’azione e sa dov’è la palla in ogni momento. Del Rio non ha indorato la pillola ed ha detto chiaramente che i filmati del giocatore mostrano cose buone ma anche giocate decisamente meno positive, ma si è detto fiducioso che il DT possa contribuire in vari ruoli all’interno della linea difensiva. Per quanto riguarda i problemi di peso, l’head coach ha detto che lo staff dei Raiders saprà prendersi cura del giocatore.

Vanderdoes ha ammesso di aver avuto una brutta stagione nel 2016 perché non è riuscito a controllare il suo peso e per via di ripetuti problemi alle caviglie, ma ora si sente al 100% ed è pronto a convincere gli scettici. Il DT ha dichiarato di aver perso circa 18 chilogrammi dalla fine della stagione di UCLA alla Combine ed adesso pesa 302 libbre (circa 137 kg).

Nel suo intervento Jack Del Rio ha detto di aspettarsi molto sia da Mario Edwards Jr. che da Jihad Ward, scelto nel secondo round del Draft 2016 e certamente deludente nel suo anno da rookie. L’head coach ha detto che Ward si sta allenando molto bene e si aspetta un salto di qualità nel suo secondo anno. Come detto in apertura, i Raiders hanno lasciato andar via due giocatori ed hanno bisogno del contributo dei giovani Edwards Jr., Ward e Vanderdoes per aumentare la pressione sul QB anche dall’interno della linea.


NFL DRAFT 2017

Qualora foste rimasti indietro, ecco i link agli articoli relativi ai giocatori scelti nei primi due round:

Annunci

One thought on “Draft 2017 – Al terzo round i Raiders scelgono il DT Eddie Vanderdoes

  1. Pingback: Draft 2017 – Day 3 picks: Sharpe, Lee, Luani, Ware, Hood, Hester | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...