2016 week 12 – Panthers 32 – Raiders 35

Sono da prendere sul serio questi Raiders? Con un record di 8-2 e reduci da una battaglia in territorio messicano che è valsa la quarta vittoria consecutiva i Silver & Black tornano tra le mura amiche dell’Oakland-Alameda County Coliseum per affrontare i Carolina Panthers, felini feriti e per questo molto pericolosi. Con un record di 4-6 ma con i playoff ancora alla portata gli uomini di Ron Rivera devono assolutamente vincere per rimettersi in corsa dopo un inizio di campionato da dimenticare.

2016_w12_panthers-raiders_bruce_irvin-khalil_mack-jihad_ward

Bruce Irvin (51) e Jihad Ward (95) festeggiano con Khalil Mack (52) il TD difensivo. (Foto: Raiders.com)

Una partita sulla carta facile per i Raiders ma che nasconde tante insidie, prima tra tutte la presenza in campo di un TE come Greg Olsen, arma micidiale a disposizione di Cam Newton. Viste le difficoltà della difesa dei Raiders nel contenere i TE avversari certamente un matchup da tenere d’occhio così come, dall’altro lato, la sfida tra i pass rusher Mack e Irvin contro la porosa linea offensiva della squadra di Charlotte. 

INATTIVI

Panthers: WR Brenton Bersin, CB Lou Young, RB Cameron Artis-Payne, LB Luke Kuechly, C Ryan Kalil, DT Vernon Butler, DE Mario Addison

Raiders: QB Connor Cook, CB Dexter McDonald, CB David Amerson, RB DeAndre Washington, LB Perry Riley Jr., OL Denver Kirkland, LB Shilique Calhoun

Assenze importanti da entrambe le parti. Il nome più altisonante tra gli inattivi dei Panthers è certamente quello di Kuechly ma sono pesanti anche le assenze del C Kalil e del giocatore con più sack in stagione, il DE Addison. I Raiders sono costretti a rinunciare ad Amerson e a Riley Jr., sostituiti da DJ Hayden e Cory James nella starting lineup.

LA PARTITA

Derek Carr è il leader della squadra e i suoi compagni lo seguono perché sanno che darà sempre il massimo. “Non mi interessa altro che la vittoria” ha detto il QB nel pre-partita. “Io vi guardo le spalle, voi guardatele a me”.

I Panthers iniziano in attacco ma la difesa dei Raiders forza un rapido three-and-out. Il punt di Michael Palardy, passato per Oakland nella offseason 2014, percorre 42 yard ma il CB nero-argento Antonio Hamilton fa arretrare i suoi di altre 10 yard con un Holding.

Derek Carr cerca di coinvolgere da subito Latavius Murray ma i Panthers sono pronti a limitare il RB dei Silver & Black. Il primo first down della partita lo conquista Amari Cooper con una ricezione da 9 yard (VIDEO). Dopo una corsa da 3 yard dell’impaziente rookie Richard ed un passaggio da 5 yard per Mychal Rivera Carr cerca di convertire il down con le sue gambe ma viene fermato per guadagno nullo dal sostituto di Kuechly, il LB A.J. Klein; a statistica va il sack e un fumble che esce dal campo. Anche il punter dei Raiders Marquette King è chiamato al lavoro e il suo punt da 48 yard costringe i Panthers a partire dalle proprie 11.

Il game plan dei Panthers prevede lanci lunghi e qualche corsa. Cam Newton non ha però troppo tempo per lanciare ed il risultato è che il QB è impreciso. Il TE Greg Olsen conquista l’unico primo down del drive e il QB rischia di farsi intercettare dal CB Sean Smith, che si guarda le mani incapace di spiegarsi come abbia fatto a non sfruttare l’occasione di trasformare il turnover in 6 punti. Palardy va ancora una volta al punt dopo che Nelson e Smith fermano Tolbert dopo un guadagno di 7 yard su un terzo e 8.

Dopo un ritorno da 12 yard di Jalen Richard i Raiders ripartono dalle proprie 38. L’offensive coordinator Bill Musgrave si fa creativo e una finta di end around sbilancia la difesa e lo screen pass per Latavius Murray porta ad un guadagno di ben 32 yard (VIDEO). Un play-action pass per Seth Roberts porta i Silver & Black sulle 6 avversarie dopo un guadagno di 24 yard (VIDEO). I Panthers sono arrivati ad Oakland pronti a fermare le corse e Murray perde ben 4 yard al primo tentativo, ma gli uomini di Ron Rivera non hanno risposte contro il gioco aereo e Carr guadagna 8 yard con un passaggio corto per Olawale e poi lancia un TD pass da 2 yard per lo slot receiver Seth Roberts sul fondo della end zone (VIDEO).

2016_w12_panthers-raiders_seth_roberts_td

Il WR nero-argento Seth Roberts (10) segna il primo TD della partita. (Foto: Raiders.com)

I Raiders ultimamente sono più disciplinati, ma nel drive che segue il touchdown di Roberts due costose penalità permettono ai Panthers di pareggiare. Prima un Roughing the Passer contro Stacy McGee regala 15 yard agli avversari e cancella un incompleto di Newton, poi dopo una amnesia difensiva che permette a Jonathan Stewart di guadagnare 47 yard (VIDEO) una Pass Interference di Karl Joseph regala un primo e goal ai Panthers dalle 3. Basta un tentativo a Carolina per trovare la end zone. Ci pensa direttamente Cam Newton a pareggiare la partita sfruttando un ottimo blocco del LT Mike Remmers (VIDEO).

I Raiders sono un attacco basato sui passaggi, non c’è alcun dubbio. Latavius Murray fatica a trovare spazi mentre Carr continua a guadagnare primi down distribuendo palloni un po’ a tutti. Una ricezione da 8 yard di Mychal Rivera regala un nuovo set di down (VIDEO) e un passaggio corto per Taiwan Jones permette di guadagnare altre 15 yard (VIDEO). Un passaggio da 30 yard per Johnny Holton porta i Raiders sulle 4 (VIDEO) e da lì è Latavius Murray a mettere altri punti sul tabellone (VIDEO).

2016_w12_panthers-raiders_latavius_murray_td

Il RB dei Raiders Latavius Murray (28) segna il nono TD della sua stagione. (Foto: Raiders.com)

I Silver & Black salgono i cattedra e la difesa forza un three-and-out impreziosito da uno splendodo sack di Bruce Irvin (VIDEO).

Derek Carr riprende le operazioni dalle 46 avversarie ed una Pass Interference contro il rookie James Bradberry regala altre 11 yard. Con una serie di passaggi corti i Raiders avanzano fino alle 6 dei Panthers. Gli screen per i WR funzionano contro la difesa di Carolina (VIDEO). Nella red zone Carr e compagni non riescono a concretizzare e dopo tre tentativi falliti si accontentano del FG da 23 yard di Sebastian Janikowski per il 17-7.

I Panthers continuano a cercare lanci lunghi che non vanno a buon fine. Il lancio per Ted Ginn è ben difeso da DJ Hayden e poi la difesa mette abbastanza pressione su Newton da costringere il QB a lanciare senza precisione. Tre azioni e punt per Carolina, ma anche i Raiders sono costretti al three-and-out da una difesa che continua ad annullare il gioco di corse avversario.

Una bella corsa da 29 yard di Fozzy Whittaker è cancellata da un Holding di Devin Funchess. Sean Smith difende bene su un lancio lungo per Benjamin e i Panthers vanno ancora una volta al punt.

Charles Johnson mette a segno un sack su Carr ed i Raiders, non riuscendo a muovere la catena, sono costretti a rendere palla agli avversari che dopo il punt di King hanno un’ultima occasione dalle proprie 9 prima dell’intervallo. Lo screen pass per Whittaker viene intercettato da Khalil Mack e riportato in end zone (VIDEO). Dopo l’extra point di Janikowski i Raiders vanno al riposo sul 24-7.

2016_w12_panthers-raiders_khalil_mack_td

Il DE/LB dei Raiders Khalil Mack (52) festeggia il suo intercetto trasformato in TD difensivo. (Foto: Raiders.com)

I tifosi dei Silver & Black si chiedono se per una volta potranno fare a meno di prendere le medicine per il cuore ed invece nel secondo gioco del terzo quarto i cuori di tutti gli abitanti della Raider Nation si fermano quando dopo un fumble sullo snap recuperato da Thomas Davis il franchise QB Derek Carr esce dal campo in preda a dolori atroci per un infortunio ad un dito della mano destra (VIDEO). I tifosi nero-argento vedono già la parola fine sulla stagione fino a questo momento più che positiva della squadra.

Dalle 30 di Oakland in 6 azioni i Panthers sono in end zone. Dopo una Pass Interference di DJ Hayden e un Offside di Bruce Irvin è Stewart a sfondare da 1 iarda (VIDEO). L’extra point di Gano è bloccato da Denico Atry (VIDEO) e questo stop degli special team si rivelerà importantissimo nel seguito della partita.

2016_w12_panthers-raiders_denico_autry_blocked_pat

Il DL Denico Autry (96) blocca l’extra point di Gano. (Foto: Raiders.com)

Mentre Carr è negli spogliatoi per capire se il mignolo è rotto o solo slogato il suo posto dietro al centro è preso dal backup Matt McGloin. I primi tre giochi sono corse di Murray, ma dopo una penalità per Illegal Shift che cancella il primo down il numero 14 è chiamato a lanciare e Tre Boston in blitz per poco non forza un altro fumble. Gli arbitri chiamano incompleto e Marquette King va al punt.

I Panthers ripartono dalle proprie 8 e dopo una corsa da 4 yard di Stewart e un incompleto per Benjamin il QB Cam Newton ha finalmente il tempo per lanciare lungo verso un liberissimo Ted Ginn. Il WR, dopo essersi liberato della blanda marcatura di TJ Carrie, riceve palla e si invola verso la end zone per un TD da 88 yard (VIDEO). Visto l’extra point bloccato in precedenza i Panthers provano la conversione da 2 punti ma non hanno successo. Carolina 19 – Oakland 24.

Con un boato il pubblico di Oakland accoglie il ritorno di Derek Carr. Il QB indossa un guanto nella mano destra e si schiera in shotgun per limitare il dolore al dito slogato. Il primo lancio è un bel completo per il TE Clive Walford per un guadagno di 17 yard (VIDEO). Carr completa 3 passaggi e guadagna un altro primo down, ma il quarto passaggio è intercettato da Thomas Davis (VIDEO).

Il LB riporta palla fino alle 28 di Oakland e da lì, con la difesa nero-argento ancora sotto shock, Cam Newton guida i suoi fino alla end zone. E’ ancora una volta Stewart a segnare il TD, questa volta da 3 yard (VIDEO). Olsen commette un drop sul lancio di Newton nella conversione da 2 e i Panthers, pur portandosi in vantaggio per la prima volta nella partita, hanno lasciato in tutto 3 punti per strada. Carolina 25 – Oakland 24.

I Raiders sono ancora scossi e tre incompleti consecutivi di Derek Carr costringono Marquette King al punt. I Panthers tornano in attacco e nell’ultima azione di un terzo quarto dominato perdono il C Gino Gradkowski per il resto della partita (si scoprirà poi per il resto della stagione).

Al posto di Gradkowski entra Tyler Larsen e ad inizio di ultimo periodo i Panthers segnano ancora. Un lancio lungo di Newton raggiunge in end zone Kelvin Benjamin. Sean Smith salta fuori tempo e il WR riceve il TD pass da 44 yard che sembra poter spezzare definitivamente la schiena ai Silver & Black (VIDEO). Questa volta Gano mette tra i pali l’extra point e i Panthers si portano in vantaggio 32-24.

Archiviato un terzo quarto da incubo i Raiders si rimboccano le maniche e Derek Carr guida la rimonta. Crabtree è il primo a dare il suo contributo con un guadagno di 9 yard, poi Murray chiude il down. Jalen Richard guadagna 9 yard e altre 15 le regala Klein placcandolo afferrando la maschera del casco. Carr è paziente e lancia corto: avanzare piano ma avanzare. Il QB coinvolge più del solito il TE Clive Walford  e il numero 88 non delude, prima con una ricezione da 14 yard per il primo down e subito dopo con una spettacolare ricezione in end zone per il TD da 12 yard che rimette in pista i Silver & Black (VIDEO). La conversione da 2 di Carr per Roberts va a buon fine (VIDEO) ed i Raiders pareggiano i conti a 32.

2016_w12_panthers-raiders_clive_walford_td

Il TE Clive Walford (88) riceve in end zone il passaggio di Derek Carr. (Foto: Raiders.com)

Serve uno stop difensivo ai nero-argento per tentare di portare a casa una partita che sembrava già vinta e poi già persa… I Panthers cambiano strategia e lanciano più corto. Una slant di Ginn porta ad un guadagno di 11 yard e ad un nuovo primo down. Solo un Holding chiamato ad Andrew Norwell rallenta l’attacco. Sul secondo e 17 Tobert guadagna 7 yard e nell’azione successiva Newton trova Benjamin ma il numero 13 non fa molti sforzi per guadagnare la iarda che manca alla chiusura del down. Sul quarto e 1 Rivera prende una decisione che probabilmente rimpiangerà a lungo, scegliendo di andare al punt con 5:15 da giocare anziché provare il tutto per tutto.

I Raiders tornano in attacco dalle proprie 13 e dopo un inizio stentato costruiscono un lungo drive che consuma minuti e minuti. Sul terzo e 9 Crabtree si trova marcato dal LB Klein, un ghiotto matchup per Derek Carr che lancia lungo. Il WR numero 15 perde il casco ma non la palla e la ricezione da 49 yard accende gli animi dei tifosi (VIDEO). L’accoppiata Carr-Crabtree dà spettacolo (VIDEO) e Murray aggiunge il suo contributo sul terreno. Dopo il two-minute warning i Raiders non riescono però a sfruttare tre tentativi dalle 6 avversarie e si devono accontentare di un FG da 23 yard di Janikowski per riportarsi in vantaggio 35-32.

Ai Panthers restano 1:45 sul cronometro ma la squadra di Cam Newton ha un solo timeout. Il QB completa un lancio da 20 yard per il TE Olsen e poi uno da 11 yard per Devin Funchess. La pressione della difesa si fa sentire e Newton lancia due incompleti. Sul terzo e 10 dalle 44 do Oakland il numero 1 lancia leggermente troppo alto per Olsen e sul quarto e 10 Khalil Mack mette il punto esclamativo alla sua partita con uno strip-sack (VIDEO). Il numero 52 recupera anche il fumble e a Derek Carr non resta che inginocchiarsi per ufficializzare la vittoria. La victory formation dalla shotgun non è una cosa che si vede tutti i giorni, così come era da un bel po’ di tempo che non si accostava il nome dei Raiders all’espressione “stagione vincente”.

2016_w12_panthers-raiders_khalil_mack_strip-sack

Khalil Mack (52) cerca la palla dopo lo strip-sack su Cam Newton. (Foto: Raiders.com)

Cliccando su questo link trovate qualche highlight della partita.

CONCLUSIONI

Il primo tempo è stato completamente dominato dai Raiders, tanto che per un attimo si è avuta la sensazione che la partita fosse a senso unico. I Panthers hanno segnato un solo touchdown in mezzo a 5 punt (4 three-and-out) e ad un intercetto mentre i Silver & Black hanno segnato tre TD (uno difensivo) e un FG.

Nel secondo tempo è bastato l’infortunio di Carr per rimescolare le carte. Con i padroni di casa sotto shock i Panthers hanno segnato 4 touchdown consecutivi, schiacciando gli avversari sia in attacco che in difesa. Due turnover e due three-and-out sono tutto quello che sono riusciti a produrre gli uomini di Jack Del Rio nel terzo quarto.

Superato il momento di smarrimento i Raiders hanno però reagito e nel quarto periodo hanno recuperato. Un TD e un FG in attacco e un punt forzato e uno strip-sack in difesa hanno permesso di concretizzare l’ennesima rimonta da infarto.

I Raiders sono 9-2, sempre primi nella AFC West con una vittoria di vantaggio sui Chiefs, e per la prima volta dal 2002 hanno la garanzia di chiudere la stagione con un record positivo.

2016_w13_preview_afc_west_standing

STATISTICHE

Cinque giocatori in attacco (la linea offensiva) e cinque giocatori in difesa (Khalil Mack, Bruce Irvin, Malcolm Smith, Cory James e Reggie Nelson) hanno giocato tutti gli snap del loro reparto. Mack e Irvin non hanno accettato l’invito a tirare il fiato; c’era bisogno del loro contributo in campo e non potevano perdere tempo a riposarsi.

Derek Carr, nonostante l’infortunio, ha messo su una prestazione da oltre 300 yard. Con un 26/38 per 315 yard, 2 TD, 1 INT e un passer rating di 100.2, il QB ha solidificato il la sua posizione nella top-10 NFL.

In una giornata nella quale Amari Cooper non è stato particolarmente coinvolto (4 ricezioni per 22 yard) ci ha pensato Michael Crabtree (8 ricezioni per 110 yard) a brillare. L’ex 49ers si sta divertendo ad Oakland, e si vede.

Il gioco di corse non ha funzionato. I Panthers sono stati bravissimi a chiudere ogni buco ai RB nero-argento che hanno finito con 26 corse per 68 yard. Latavius Murray ha segnato il TD su corsa numero 9 della sua stagione e nel momento del bisogno si è fatto quasi sempre trovare pronto nonostante abbia chiuso con una media a portata di appena 2.4.

Per una volta i Raiders hanno ottenuto un importante contributo dai TE. Clive Walford ha ricevuto un paio di passaggi per muovere la catena ed ovviamente anche un TD pass importantissimo. Per lui 3 ricezioni per 43 yard e 1 TD. Mychal Rivera ha aggiunto 2 ricezioni per 13 yard.

Cam Newton non ha certamente brillato ed è sembrato piuttosto impreciso nei lanci. Le sue statistiche recitano 14/29 per 246 yard, 2 TD e 1 INT e sono gonfiate dal lancio da 88 yard per Ted Ginn.

La difesa nero-argento ha limitato Greg Olsen a 4 ricezioni per 45 yard, ma in alcune occasioni sono stati i lanci imprecisi di Newton a impedire al compagno di ottenere statistiche più interessanti.

Jonathan Stewart ha chiuso con 17 corse per 96 yard ed una ottima media di 5.6 yard a portata; ovviamente la corsa da 47 yard pesa molto sui suoi numeri ma in ogni caso l’impressione è che il RB sia difficile da fermare e capace sempre di guadagnare qualche yard dopo il primo contatto.

I turnover sono stati 2 per parte: un intercetto e un fumble per Newton e Carr.

Per quanto riguarda le penalità i Silver & Black stanno riuscendo a limitarle ed hanno chiuso la partita con 7 penalità accettate dagli avversari per una perdita di 46 yard.

Lo special team dei Raiders ha contribuito pesantemente alla vittoria. Il PAT bloccato ha costretto i Panthers a giocare in due occasioni la conversione da 2 che hanno fallito entrambe le volte. La giocata di Denico Autry ha fatto probabilmente la differenza tra la vittoria e la sconfitta se ci ragioniamo su.

In una settimana in cui tanti difensori hanno fatto bene (Justin Houston e Von Miller, tanto per restare nella AFC West, hanno fatto registrare 3 sack ciascuno) Khalil Mack è stato nominato Defensive Player of the Week dalla NFL per la sua prestazione magnifica contro i Panthers.

Per PFF Khalil Mack è il migliore pass rusher della AFC West.

LA PAROLA AI PROTAGONISTI

Per la nona volta in stagione Jack Del Rio ha potuto tenere negli spogliatoi un discorso sulla vittoria.

Annunci

2 thoughts on “2016 week 12 – Panthers 32 – Raiders 35

  1. adoro il football perchè è lo sport piu’ incredibile ed imprevedibile che esista..in qualsiasi momento può accadere qualsiasi cosa…e paradossalmente è anche il più studiato e analizzato dagli allenatori e dagli appassionati (forse proprio nel quasi vano tentativo di ridurre al minimo la sua imprevedibilita’)

    adoro i raiders perchè è la squadra di cui mi sono innamorato quando da ragazzino seguivo le prime partite trasmesse in italia…
    ho scelto i silver and black per i loro colori ( nessun’altra squadra ha delle divise cosi’ belle) per il loro stemma,per il fatto di essere la franchigia “contro” per eccellenza,quella del lato oscuro…per la radier nation ed il black hole con i fans travestiti come personaggi dei film horror che amo…per il fatto che una loro partita, sia che vincano o che perdano non è mai banale…

    credo che il match di domenica sia stato la somma di tutto questo…

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: PFWA Defensive Player of the Year 2016: Khalil Mack | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...