2016 week 5 – Chargers 31 – Raiders 34

I Raiders (3-1) ed i Chargers (1-3) sembrano vivere su due universi paralleli. I Silver & Black sembrano a tratti poter dominare le partite ma poi rischiano sistematicamente di perderle, salvo poi recuperarle in extremis con tanto carattere e altrettanta fortuna. I Chargers fanno bene per gran parte dell’incontro ma poi, alla fine, trovano sempre il modo di compromettere tutto con dei pasticci al limite del patetico. Quella dell’Oakland-Alameda County Coliseum si prospetta una partita interessante da seguire in punta di sedia dall’inizio alla fine.

2016_w05_chargers-raiders_tenny_palepoi-rodney_hudson

Il DT dei Chargers Tenny Palepoi (95) si prepara allo snap del C dei Raiders Rodney Hudson (61). (Foto: Chargers.com)

Entrambe le squadre hanno tanti giocatori in infermeria (ne abbiamo parlato approfonditamente nella preview). 

I Chargers hanno messo in IR il forte CB Jason Verrett ed hanno dichiarato out lo SS Jahleel Addae e il CB Brandon Flowers; insomma 3/4 della secondaria titolare originale è indisponibile. Prima dell’inizio della partita altri due titolari,  il LB Denzel Perryman e il RT Joe Barksdale, vengono inseriti nella lista degli inattivi.

I Raiders, dal canto loro, hanno messo in IR il TE Lee Smith e il MLB Ben Heeney ed hanno indicato come out il RT Menelik Watson, il RB Latavius Murray e lo SS Nate Allen. Tra gli inattivi c’è poi il TE Clive Walford.

INATTIVI

Chargers: LB Denzel Perryman, RT Joe Barksdale, TE Asante Cleveland, CB Brandon Flowers, S Jahleel Addae, LB Nick Dzubnar, C Max Tuerk

Raiders: QB Connor Cook, S Nate Allen, RB Taiwan Jones, RB Latavius Murray, T Menelik Watson, OL Matt McCants, TE Clive Walford

LA PARTITA

Khalil Mack prova a caricare la squadra prima della partita. Il capitano difensivo sembrava destinato ad essere costantemente sotto i riflettori nel 2016 ed invece il primo quarto di stagione ha portato un solo sack. Una cosa è certa, gli avversari lo temono (tanti gli Holding non chiamati dagli arbitri) ed i compagni lo rispettano.

La prima palla in attacco la hanno i Raiders, che si trovano di fronte una difesa rinnovata per via degli infortuni. Casey Hayward, Craig Mager e Steve Williams sono i CB e Adrian Phillips il FS mentre l’ex Korey Toomer sostituisce Perryman come ILB.

Passaggio corto per Roberts, corsa di DeAndre Washington per un primo down (con l’OL Denver Kirkland usato come blocking TE come accadrà poi in tanti altri frangenti della partita) e Carr lancia lungo per Cooper che però non riesce a regalare al pubblico del Coliseum una ricezione ad una mano. Secondo e 10 e Derek Carr combina un vero pasticcio lanciando la palla direttamente nelle mani del NT Brandon Mebane (VIDEO). E’ solo il secondo intercetto di Carr in stagione, ma è particolarmente brutto e la grande pressione portata dal rookie LB Jatavis Brown può essere usata solo come parziale scusante.

I Raiders hanno acquisito il free agent Perry Riley Jr., ex ILB dei Redskins, e il nuovo arrivato parte subito titolare visto che Malcolm Smith è attivo ma non in grado di giocare. Alla terza azione Riley è subito protagonista concedendo una facile ricezione ad Antonio Gates ma poi strappando la palla dalle mani del TE (VIDEO). Il fumble viene recuperato da Reggie Nelson e i Silver & Black possono tirare un sospiro di sollievo per lo scampato pericolo.

Carr è fuori fase e rischia di farsi intercettare di nuovo, questa volta da Melvin Ingram, e subito dopo è impreciso nel lancio verso Jalen Richard. Joey Bosa mette per la prima volta piede in campo come giocatore professionista e Carr completa per Amari Cooper e guadagna un primo down. Dopo due corse corte di Richard Carr lancia dolce e lungo per Cooper che riceve per un guadagno di 26 yard (VIDEO). Carr subisce un sack da Jatavis Brown e poi una buona corsa da 7 yard di Washington viene cancellata dal primo Holding della partita dei nero-argento (Gabe Jackson il colpevole). Schierare Korey Toomer a uomo sull’agile Jalen Richard è quasi istigazione al furto e infatti Carr trova il RB che ruba facilmente il primo down (VIDEO). Jalen Richard e DeAndre Washington non fanno sentire l’assenza di Latavius Murray e poi Carr trova Crabtree sulle 3 di San Diego per un guadagno di 15 yard. I Raiders avevano la migliore percentuale NFL insieme ai Colts per TD segnati in red zone (90.9) ma in tre tentativi non riescono a segnare (Cooper non riesce a tenere in campo il secondo piede rendendo vano il bel passaggio di Carr) e Janikowski segna il FG del 3-0.

I Chargers sono in vena di regali. Rivers lancia lungo per Travis Benjamin ma Sean Smith è bravo a tagliare davanti al ricevitore ed intercetta la palla riportandola per 27 yard fino alle 32 di San Diego (VIDEO).

2016_w05_chargers-raiders_sean_smith_int

Il CB dei Raiders Sean Smith (21) festeggia dopo aver intercettato Philip Rivers. (Foto: Ezra Shaw/Getty Images)

Continua la piaga delle penalità pre-snap per i Raiders. Due False Start (Rodney Hudson e Donald Penn) mandano a carte quarantotto i piani offensivi. La solita scelta conservativa del passaggio corto su terzo e 15 porta ad un guadagno di 5 yard e Janikowski viene chiamato in causa per calciare un FG da 50 yard. Il cannone polacco chiude troppo il calcio e la palla esce lateralmente dando ai Chargers un’ottima posizione di campo.

La difesa forza un quarto e 1 e da metà campo McCoy decide di provarci. Non c’è neanche bisogno di giocare l’azione e Denico Autry commette una Neutral Zone Infraction che regala ai Chargers un nuovo set di down. La difesa nero-argento si comporta abbastanza bene contro le corse ma lascia tempo a Rivers di cercare i suoi ricevitori. Un errore in copertura di David Amerson e Reggie Nelson permette a Tyrell Williams di ricevere un TD pass da 29 yard ed i Chargers passano in vantaggio (VIDEO) ad inizio secondo quarto. Un Holding su Khalil Mack sembra evidente nell’azione del TD, ma gli arbitri non vogliono punire l’eccessiva affettuosità degli uomini di San Diego.

2016_w05_chargers-raiders_tyrell_williams_td

Il WR dei Chargers Tyrell Williams (16) batte la copertura ddel CB dei Raiders David Amerson (29) e del FS Reggie Nelson (27) e segna il TD del 7-3. (Foto: Chargers.com)

I Silver & Black provano a rispondere con un drive ragionato, senza forzare. Completi corti e corse. Olawale converte un terzo e 2 con una corsa da 17 yard. L’esordio di Joey Bosa è da incorniciare e il DE mette a segno il suo primo tackle per perdita di yard fermando Richard nel backfield (VIDEO) e per poco non atterra Carr nell’azione successiva. Il QB  bravo a evitare il sack e a trovare Amari Cooper per un guadagno di 21 yard (VIDEO). Nell’azione si fa male alla caviglia il RT Vadal Alexander. Una Defensive Pass Interference di Jatavis Brown su DeAndre Washington dà ai Raiders un primo e goal dalle 8 ma evita un potenziale TD.

Michael Crabtree dopo la vittoria contro i Ravens aveva ringraziato il WR coach Rob Moore per avergli insegnato a trascinare il piede dopo la ricezione in modo da assicurarsi di avere entrambi i piedi in campo. Moore dovrà lavorare anche con Amari Cooper visto che un altro TD svanisce perché il WR non riesce a mettere il secondo piede in end zone. Un’altra occasione sprecata dentro le 20 yard avversarie e Janikowski converte da 26 yard per il 6-7 in favore dei Chargers.

La giornata no di David Amerson diventa ancora più buia quando il CB sbaglia completamente l’angolo dando a Travis Benjamin la possibilità di involarsi lungo la sideline per un guadagno di 54 yard (VIDEO). Concesso il big play la difesa reagisce e forza i Chargers ad andare al FG. Lambo converte da 36 yard per il 10-6.

I Raiders si ricordano che nel secondo quarto è d’obbligo un three-and-out e ci si mette anche Michael Crabtree con un inatteso drop.

I Chargers sono in vena di regali, parte seconda. Rivers lancia troppo lungo per Inman e viene intercettato da Karl Joseph sulle 35 di Oakland. E’ il primo intercetto della carriera per il rookie da West Virginia ed il suo ritorno da 21 yard offre a Carr un’ottima chance dalle 44 di San Diego (VIDEO).

Con 1:39 sul cronometro i Raiders devono sfruttare il regalo ma Carr si fa abbattere da Joey Bosa per una perdita di 12 yard che rischia di compromettere tutto (VIDEO). Gran parte del merito va al numero 91 Caraun Reid che spinge Austin Howard con una facilità disarmante contro il suo QB. Sul terzo e 19 Carr completa uno screen da 5 yard e Richard ne aggiunge altre 10 dopo la ricezione per mettere Janikowski in condizioni di provare un FG da 56 yard. Il calcio centra il bersaglio allo scadere e si va al riposto sul 10-9 Chargers (VIDEO).

2016_w05_chargers-raiders_stacy_mcgee_strip-sack

Il DL dei Raiders Stacy McGee (92) mette a segno uno strip-sack contro il QB dei Chargers Philip Rivers (17). (Foto: Raiders.com)

Stacy McGee, in giornata di grazia, mette a segno uno strip-sack su Rivers ma i Chargers sono fortunatissimi a ricoprire il fumble. Il QB sfrutta subito la seconda chance trovando il rookie TE Hunter Henry per un facile primo down ma un blackout difensivo incredibile permette al numero 86 di guadagnare 59 yard (VIDEO).

“Stop playing Santa Claus. Stop giving out presents. We gave out a couple today, a couple of 50-yard passes gift wrapped and placed them under the tree. At some point we’ll stop doing that.” [Jack Del Rio]

Del Rio ha dichiarato nella conferenza stampa post partita che la difesa dei Raiders troppo spesso impersona Babbo Natale e regala big play agli avversari. Questo, ha detto l’head coach, deve finire.

In attesa che i Raiders sistemino questo problema Rivers completa uno screen senza pretese per Melvin Gordon e il RB si proietta indisturbato in end zone per un TD da 18 yard che porta i suoi sul 17-9 (VIDEO).

Parlavamo prima della capacità di Crabtree di trascinare il secondo piede per assicurarsi che la ricezione conti, cosa che ancora manca a Cooper (ricordiamoci che nel college football basta un piede in campo per considerare valida la ricezione ed ogni tanto Cooper sembra ragionare ancora da universitario). Un magnifico esempio della concentrazione di Crabtree è la ricezione da primo down lungo la sideline che permette ai Raiders di prolungare il drive (VIDEO).

Vadal Alexander riprende il suo posto di RT. Carr mantiene la calma mentre Ingram gli viene addosso dal lato cieco come una locomotiva in corsa e lascia ad Amari Cooper il tempo di disfarsi di Adrian Phillips. Dopo la ricezione nessuno può raggiungere il numero 89, che segna un TD da 64 yard che riapre la partita (VIDEO). I Raiders tornano sotto di un punto, 16-17.

NFL: San Diego Chargers at Oakland Raiders

Il WR degli Oakland Raiders Amari Cooper (89) semina il DB dei San Diego Chargers Adrian Phillips (31) e segna un TD nel terzo quarto. (Foto: Kyle Terada/USA TODAY Sports)

A Rivers piace lanciare lungo, ai Raiders piace concedere big play… perché non approfittarne? Il 17 lancia lungo per Tyrell Williams, la copertura di David Amerson non è male ma il CB non riesce a difendere il passaggio ed i Chargers guadagnano in un colpo solo 50 yard (VIDEO). Il colpo è duro e mentre i Raiders tentano di digerire l’accaduto Melvin Gordon guadagna 28 yard (VIDEO) arrivando ad una yard dalla end zone. Da lì è semplice per Rivers trovare Hunter Henry solo soletto per il TD del 24-16 (VIDEO).

Un completo da 16 yard per Seth Roberts e 30 yard guadagnate tra corse e ricezioni da DeAndre Washington permettono ai Raiders di affacciarsi nella metà campo dei Chargers nonostante una False Start di Kelechi Osemele rischi di compromettere tutto. Carr viene graziato ed un apparente intercetto di Steve Williams viene dichiarato passaggio incompleto dagli arbitri. Il QB è costretto a correre e viene placcato con una evidente trattenuta della face mask che gli arbitri ignorano. Alle zebre non sfugge subito dopo la nuova False Start di Osemele. Siamo al terzo e 8, cosa c’è di meglio di un passaggio da 2 yard per Jamize Olawale? I Raiders sono costretti al FG e Janikowski lo realizza da 48 yard per il 19-24.

La palla non resta in mano ai Chargers a lungo. Melvin Gordon alla sua seconda corsa non protegge lo sferoide prolato e Stacy McGee forza il suo secondo fumble che Karl Joseph è lesto a ricoprire (VIDEO). Palla ai Raiders sulle 38 di San Diego.

I Silver & Black guadagnano un primo down (VIDEO) ma poi si bloccano. Si arriva al quarto e 3 dalle 21 dei Chargers e Jack Del Rio ancora una volta decide di osare. Carr lancia in end zone per il suo bersaglio di fiducia Michael Crabtree ed il numero 15 non delude le aspettative (VIDEO). Nella conferenza stampa post partita Carr ammetterà di aver cambiato lo schema originariamente scelto dall’OC Bill Musgrave. Del Rio decide di andare da 2 per portarsi sopra di un FG e Carr converte per Cooper per il 27-24 (VIDEO).

2016_w05_chargers-raiders_michael_crabtree_td

Il WR Michael Crabtree (15) riceve in end zone il passaggio di Derek Carr. (Foto: Raiders.com)

Il popolo nero-argento è in estasi e si carica ancora di più quando la coppia Stacy McGee – Dan Williams si divide un sack su Rivers. Alla fine del terzo quarto i Raiders costringono i Chargers al punt dopo appena 3 giochi e il rookie punter Drew Kaser manda la palla avanti di appena 16 yard. I Silver & Black riprendono le operazioni dalle 32 avversarie.

E’ il quarto periodo e chi ha seguito la stagione di Chargers e Raiders sa che può succedere di tutto. Carr è gasato e velocemente i nero-argento avanzano verso la end zone. Un apparente TD pass per Cooper viene prima negato perché il ricevitore è uscito dal campo, poi gli arbitri dopo una “brief conversation” durata minuti e minuti chiamano contro Dexter McCoil una Defensive Pass Interference per aver spinto Cooper fuori dal campo. Per gli arbitri è un incompleto e palla su 1 yard ma Del Rio chiama il challenge perché vuole il TD. Gli arbitri stabiliscono che il numero 89 non è rientrato in campo con entrambi i piedi prima della ricezione. Il TD è solo rimandato. Jamize Olawale sfonda e porta i suoi avanti di 10, 34-24 (VIDEO).

I Chargers non si arrendono e pian piano avanzano in territorio avversario. Rivers fa un toss per il RB Dexter McCluster che subito gli restituisce palla. E’ un trick play che testa la concentrazione della difesa ed ovviamente Benjamin è libero di ricevere e guadagnare 23 yard (VIDEO). Nella red zone Gordon corre come un trattore sulla difesa nero-argento e dalle 4 Rivers trova Antonio Gates e il TE sfruttando un pick play di Tyrell Williams si libera di Perry Riley ed entra in end zone (VIDEO). Chargers 31 – Raiders 34.

Ci sono ancora 6:21 da giocare ed ora ai Raiders non resta che fare un drive lungo e far scorrere l’orologio. Ovviamente la squadra risponde con un three-and-out, con tanto di sack subito da Carr ad opera di Joey Bosa.

Il tempo residuo, 4:08, è più che sufficiente per percorrere le 65 yard che separano i Chargers dal comeback. Sarà in grado la difesa di fermare Rivers e soci?

La risposta sembra essere no; dopo un primo incompleto arrivano due primi down consecutivi con passaggi da 15 yard per Benjamin (con placcaggio mancato da Amerson) e 25 per Williams. Ancora 8 yard per Benjamin e i Chargers sono sulle 19 di Oakland. Sul terzo e 2 la difesa regge e ferma Gordon corto e davanti a Mike McCoy si presenta un bivio: calciare per il pareggio e lasciare circa 2 minuti a Carr e compagni per provare a rispondere o giocare il quarto down e andare per la vittoria?

McCoy, a differenza del suo collega Del Rio, non se la sente di rischiare e manda in campo Lambo. Scelta discutibile che denota poco coraggio e che presenta un altro dettaglio interessante: l’orologio segna 2:07 e ci sono 19 secondi ancora disponibili prima che la squadra sia costretta allo snap, si potrebbe aspettare quindi tranquillamente il two-minute warning prima di calciare, in modo da dare ai Raiders qualche secondo in meno a disposizione e soprattutto un “time out” supplementare. Invece la palla viene snappata e la squadra trova un altro modo imbarazzante di farsi del male. Il punter Kaser, schierato come holder, non riesce a metter giù la palla (VIDEO).

2016_w05_chargers-raiders_fg

Il FG mancato dai Chargers sul finale di partita. (Foto: Raiders.com)

La palla torna a Carr che deve solo far passare gli ultimi due minuti. Basta un primo down per garantirsi la vittoria ed ovviamente i Raiders vanno al punt dopo tre azioni.

Ai Chargers restano però solo 11 secondi e non sono sufficienti per organizzare un ultimo attacco.

Cliccando su questo link trovate gli highlight della partita.


UPDATE

Non perdetevi il video “Sounds of the Game”!


CONCLUSIONI

La hanno vinta i Raiders o la hanno persa i Chargers? Questo è il quesito da porsi. La squadra di casa non assomiglia per niente ad una squadra da 4-1 se non per il carattere che dimostra in un numero contato di drive particolarmente importanti.

I soliti tromboni dei notiziari urlano a gran voce che l’ultima volta che i Raiders erano partiti 4-1 era il 2002 ed erano arrivati al Super Bowl. Impossibile fare paragoni fra la squadra quasi perfetta del 2002 e questo progetto interessante ma decisamente in fase embrionale.

I tifosi dei Raiders ovviamente si godono la testa della AFC West a pari merito con i Broncos, ottenuta grazie alla sconfitta di Denver contro Atlanta.

I tifosi dei Chargers invece si interrogano su quali sgarri abbiano fatto al dio del football per meritarsi delle figure da pagliacci nonostante l’impegno profuso dai giocatori.

La testa di McCoy è richiesta a gran voce dai più ed anche Philip Rivers sta iniziando a diventare impaziente. Non gli rimangono poi tanti anni ancora per provare a vincere un anello e la finestra per la squadra di San Diego sembra proprio essersi chiusa.

STATISTICHE

I Raiders a piccoli passi iniziano a concedere qualche yard in meno agli avversari. Arrivati alla sfida con una media di yard totali concesse pari a 460.0 a partita, contro i Chargers ne hanno concesse 423 portando la media stagionale a 452.6 che garantisce comunque loro l’ultimo posto in classifica. Di positivo ci sono le 72 yard concesse sul terreno a San Diego.

Di contro l’attacco ha prodotto 389 yard, di cui 89 su corsa e 300 su passaggio. In stagione quindi la media li pone quarti nella NFL per yard totali, ottavi per yard su passaggio e noni per yard su corsa.

Con l’assenza di Latavius Murray si sono alternati nel backfield DeAndre Washington (9 corse per 23 yard in 37 snap), Jalen Richard (8 per 31 in 23 snap) e Jamize Olawale (6 per 22 e 1 TD in 22 snap).

Per i Chargers c’è stato praticamente solo Melvin Gordon come RB, con 16 corse per 69 yard.

Amari Cooper (6 ricezioni per 138 yard) ha segnato il suo primo TD della stagione.

Lato San Diego ci sono stati due ricevitori che hanno fatto registrare oltre 100 yard, Benjamin con 7 ricezioni per 117 yard e Tyrell Williams con 5 per 117.

Perry Riley, alla sua prima partita, ha giocato 51 snap difensivi (il 98% di quelli totali), è stato il leading tackler con 7 placcaggi (6 da solo) ed ha fatto registrare 1 fumble forzato.

Turnover battle: i Chargers hanno lanciato 2 intercetti e perso 2 fumble, mentre per i Raiders c’è stato solo un intercetto lanciato da Carr.

Penalità: finalmente i fazzoletti gialli sono stati limitati (4 per 38 yard per i Chargers e 6 per 36 yard per i Raiders), ma la cosa fastidiosa è l’alto numero di penalità pre-snap commesse da Oakland.

“The pre-snap penalties, you know, don’t have a lot of patience for those. We certainly have zero tolerance for those. We’ve got to clean those up. Pre-snap penalties get me going there.” [Jack Del Rio]

I Silver & Black arrivavano alla sfida con San Diego come attacco più concreto dentro le 20 yard avversarie (10 TD su 11 tentativi), ma contro i Chargers hanno segnato un solo TD in tre apparizioni in red zone.

I Chargers (1-4) affronteranno i Broncos (4-1) mentre i Raiders (4-1) ospiteranno i Chiefs (2-2) per una doppia sfida all’interno della Division.

LA PAROLA AI PROTAGONISTI

Il discorso di Jack Del Rio negli spogliatoi dopo la vittoria

Annunci

3 thoughts on “2016 week 5 – Chargers 31 – Raiders 34

  1. che dire …sono felice…siamo 4-1…in testa alla division …addirittura secondi nella conference…

    quello che non posso negare pero’ che un po’ di fortuna l’abbiamo avuta fin’ora (serve anche quella..) 4 vittorie con una differenza di 12 punti (media 3 a partita)bravi noi a non mollare mai e coi titans e chargers c’è anche arrivato un grosso aiuto dagli avversari

    con san diego ci siamo complicati la vita non sfruttando all’inizio le occasioni per portarci avanti nel punteggio ed abbiamo rischiato,altrimenti sarebbe stato molto piu’ semplice,quindi secondo me la responsabilita’ maggiore va’ all’attacco e non alla difesa che non avrà fatto una partita eccezionale ma comunque sufficiente

    troppe penalita’ pre snap
    troppi big play concessi
    troppe occasioni per segnare TD non realizzate
    poca pressione sul QB
    bisogna risolvere questi problemi

    tuttavia anche cose molto positive:
    4 T.O
    i 2 rookie RB
    le ricezioni al limite di crabtree
    Riley e Mcgee
    il coraggio di del rio sul 4th & 2

    Mi piace

    • quindi in teoria potremmo avere aldon smith per la partita con HOU ?

      In teoria… ma solo in teoria… non sappiamo nulla di Aldon e il rientro non è automatico passato l’anno di squalifica… deve essere approvato dalla NFL

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...