2016 week 2 – Falcons 35 – Raiders 28

I Raiders (1-0) hanno ospitato gli Atlanta Falcons (0-1) al Coliseum di Oakland nella speranza di partire con due vittorie per la prima volta dal 2002, l’anno del Super Bowl. Dopo una vittoria al fotofinish contro i Saints c’era la speranza di vedere progressi in difesa dopo la brutta prestazione di New Orleans.

2016_w02_falcons-raiders_sean_smith-julio_jones

Il CB Sean Smith (21) ha avuto una brutta giornata contro il WR dei Falcons Julio Jones (11). (Foto: Raiders.com)

Come vedremo nel seguito di questo articolo la difesa ha giocato ancora peggio rispetto all’esordio stagionale e nonostante l’attacco abbia ancora una volta lottato non c’è stato modo di spuntarla. E’ stata una brutta sconfitta e c’è la necessità di correre ai ripari al più presto. 

IL COLISEUM COMPIE 50 ANNI

L’Oakland – Alameda County Coliseum è vecchio e cadente ed è una delle principali cause che stanno portando i Raiders lontano da Oakland.

1966-09-18_afl_chiefs-raiders_coliseum

Vista aerea dell’Oakland – Alameda County Coliseum il 18 settembre 1966, durante la partita inaugurale dello stadio contro i Kansas City Chiefs. (Foto: Art Frisch/San Francisco Chronicle)

Il Coliseum è stato ultimato nel 1966 e la prima partita dei Raiders nel nuovo stadio era stata una sconfitta per 32-10 ad opera dei Kansas City Chiefs nella partita della AFL giocata il 18 settembre 1966. Esattamente 50 anni dopo i Silver & Black hanno fatto l’esordio casalingo ed è stata di nuovo la squadra ospite a prevalere.

INATTIVI

Falcons: S Keanu Neal, RB Terron Ward, DE Brooks Reed, LB De’Vondre Campbell, G Mike Person, G Wes Schweitzer, TE Joshua Perkins

Raiders: QB Connor Cook, CB Antonio Hamilton, T Matt McCants, CB Dexter McDonald, TE Mychal Rivera, T Menelik Watson

LA PARTITA – PRIMO TEMPO

Con Watson fuori dai giochi è Austin Howard a partire titolare come RT mentre in difesa partono ancora titolari il DL Stacy McGee e lo SS Keith McGill.

I Falcons partono in attacco e partono forte. Nella seconda azione della partita Freeman riceve l’handoff e guadagna 8 yard dopo aver mandato a vuoto Ben Heeney; sarà solo la prima delle brutte figure per il MLB nero-argento. Il drive si conclude con un punt ma, a parte un sack di Stacy McGee e una bella penetrazione di Khalil Mack a mettere pressione a Matt Ryan e forzare un incompleto, la difesa dei Raiders sembra molle.

I Raiders rispondono con un poco ispirato drive ricco di passaggini corti e sono costretti al punt. Il bersaglio preferito di Carr in questo inizio di partita sembra essere il blocking TE Lee Smith (che finirà con 4 ricezioni per 24 yard, non certo una deep threat). Il punt di King è splendodo e viaggia per 64 yard e la squadra di copertura ferma gli ospiti dentro le 20.

A causa di una penalità i Falcons partono dalle proprie 4 ma non vanno da nessuna parte, l’unico primo down arriva perché David Amerson scivola sullo sporco del campo da baseball sul quale sono costrette nel 2016 a giocare le due squadre. Anche i Raiders non riescono a muovere la catena se non grazie ad una penalità difensiva. Derek Carr forza un lancio in corsa che per poco non viene intercettato da Trufant. King piazza un altro punt dentro le 10 avversarie davanti agli occhi del grande Ray Guy.

I Raiders iniziano a concedere spazio e a non marcare i TE avversari, situazione tristemente simile a quanto accadeva all’inizio del 2015. La red zone defense regge e i Falcons si accontentano di un FG da 21 yard di Matt Bryant per il 3-0 che rompe la monotonia.

L’attacco dei Raiders finalmente fa qualche scintilla e Carr guida un drive da 7 giochi e 91 yard che si conclude con una corsa da 1 yard di Latavius Murray (VIDEO) che vale 6 punti. Il TD di Murray è facilitato da una Pass Interference fischiata ad Alford su Crabtree che annulla un intercetto e fa partire i Raiders da 1 yard. Ad illuminare il drive una incredibile ricezione da 25 yard di Amari Cooper (VIDEO). I Raiders passano in vantaggio per 7-3.

2016_w02_falcons-raiders_latavius_murray_td

Il RB Latavius Murray (28) segna il suo secondo TD della stagione. (Foto: Raiders.com)

Nonostante Matt Ryan sia più volte impreciso i Falcons avanzano sfruttando la pochezza della difesa avversaria. Julio Jones lascia sul posto il CB Sean Smith e i Falcons riconquistano subito il vantaggio con un TD da 21 yard (VIDEO): 10-7.

Sul kickoff dei Falcons Taiwan Jones commette un terribile errore e si fa sfuggire di mano la palla. I Raiders sono costretti a partire dalle proprie 2 e a parte una corsa da 26 yard di DeAndre Washington (VIDEO) che sfrutta uno splendido blocco di Osemele, non c’è niente di positivo nel drive di Oakland. King va al punt e poi salva, con un Horse Collar Tackle, un possibile TD di Eric Weems che ritorna il calcio per 73 yard (VIDEO).

La red zone defense dei Raiders regge ancora e da 20 yard di distanza Bryant mette altri 3 punti sul tabellone: 13-7. C’è tempo per un altro drive dei Raiders che si conclude con un errore di Janikowski da 58 yard.

TRIBUTO A KEN “SNAKE” STABLER

Nell’intervallo della partita c’è stato il bel tributo a Ken “Snake” Stabler, eletto dopo la sua morte nella Hall of Fame con la Classe 2016. Insieme alla sua famiglia c’erano sul campo tante leggende nero-argento: gli Hall of Famer John Madden, Jim Otto, Ray Guy, Ted Hendricks, Dave Casper, Willie Brown, Mike Haynes e Art Shell.

La cerimonia in onore di Ken “Snake” Stabler durante l’intervallo. (Video: Raiders.com)

The Hall of Fame does get it right, they just don’t get it on time all the time. [John Madden]

LA PARTITA – SECONDO TEMPO

I Raiders iniziano il secondo tempo con un three-and-out ma i Falcons commettono una costosa penalità sul punt di King. Del Rio lancia il fazzoletto rosso del challenge sostenendo che i Falcons avevano 12 uomini in campo e gli arbitri gli danno ragione concedendo il primo down ad Oakland. Un end around di Johnny Holton porta 14 yard, un passaggio per Lee Smith altre 12 ed una corsa di Murray altre 7. Dalle 31 Carr trova liberissimo Clive Walford. Il CB Desmond Trufant scivola e non riesce a chiudere sul TE che si trova la strada aperta verso la end zone (VIDEO) riportando i suoi avanti 14-13.

2016_w02_falcons-raiders_clive_walford_td

Il TE Clive Walford (88) segna un TD contro i Falcons. (Foto: Raiders.com)

I Falcons guadagnano terreno facilmente sfruttando l’incapacità dei Raiders di marcare i TE avversari e Matt Ryan trova Austin Hooper per un guadagno di 44 yard. Un altro problema estivo dei Silver & Black erano i tanti placcaggi mancati e questo si rende nuovamente evidente nella corsa di Freeman che porta ad un guadagno da 18 yard. Dalle 11 però Ryan rovina tutto con un passaggio impreciso in end zone che permette a David Amerson di anticipare Tamme ed intercettare la palla (VIDEO).

Una corsa di 28 yard di Jalen Richard viene cancellata da un holding fischiato a Gabe Jackson. I Raiders guadagnano un primo down grazie ad un altro challenge di Del Rio dopo che gli arbitri avevano indicato che la ricezione di Cooper era corta ma l’attacco va in stallo e King calcia l’ennesimo punt.

I Falcons accendono i motori e sfruttano l’incapacità di Heeney di marcare il proprio uomo. Ryan guadagna 24 yard con un passaggio per Coleman (VIDEO) e 34 con uno per Hooper (VIDEO). In 5 giochi gli ospiti sono in end zone grazie alla ricezione da 14 yard di Tamme, lasciato liberissimo di ricevere e di gettarsi oltre la linea (VIDEO). Ovviamente si va da 2 e Matt Ryan fa tutto da solo per portare i suoi avanti di un TD.

I Raiders muovono bene palla sul terreno soprattutto grazie a Murray (che alla faccia dei suoi detrattori improvvisa bene quando i blocchi non sono perfetti). L’attacco sulle due yard si blocca ma Del Rio, più costretto dal fatto che la difesa non dà garanzie che dall’essere un gambler, fa giocare i quarto down alla mano e Carr trova Crabtree in end zone (VIDEO). Il risultato è 21-21 al vecchio Coliseum.

2016_w02_falcons-raiders_michael_crabtree_td

Michael Crabtree riporta in partita i suoi con una ricezione in end zone. (Foto: Raiders.com)

A dimostrazione che Del Rio ha fatto bene a rischiare nell’azione precedente Matt Ryan guida velocemente i suoi nella red zone nero-argento. Questa volta è Reggie Nelson a fare un errore su un cambio di direzione di Julio Jones (che aveva già lasciato sul posto Sean Smith) e a consentire al WR di ricevere un passaggio da 48 yard (VIDEO).

La red zone defense dei Raiders sembra riuscire nuovamente a limitare i danni ma sul terzo e 6 una botta di fortuna permette ai Falcons di mettere 7 punti sul tabellone. Il passaggio di Ryan per Coleman sarebbe stato corto rispetto alla linea del primo down ma il RB non riesce a trattenerla e sul rimbalzo è Justin Hardy a regalare ai suoi il TD del 28-21 (VIDEO).

L’attacco sembra non riuscire a reagire ma quando Carr trova Cooper il Coliseum si accende. Il numero 89 semina gli avversari ed entra in end zone per un apparente TD da 51 yard. La festa dura poco e gli arbitri segnalano che Cooper era uscito dal campo e di conseguenza essendo stato il primo a toccare palla è punito con una penalità per Illegal Touch che cancella il TD ed il sorriso dalle facce degli spettatori.E’ vero, Cooper è stato spinto fuori dal campo, ma questo non cambia la sostanza e il regolamento dà ragione agli arbitri. Sul quarto e 2 da metà campo Del Rio decide ancora una volta di provarci ma questa volta Richard è fermato corto. Impossibile prendersela con l’head coach vista la prestazione della difesa.

Buona fortuna se avevate schierato la difesa dei Raiders al Fantasy Football speranzosi che la prestazione di New Orleans fosse stata solo un caso. In 5 giochi i Falcons coprono le 50 yard che li separavano dell’end zone e Tevin Coleman porta gli ospiti avanti 35-21 con una corsa da 13 yard (VIDEO). Unendo il danno alla beffa David Amerson lascia il campo dopo aver subito una commozione cerebrale.

I Falcons giocano la più brutta delle prevent defense e i Raiders avanzano a passi di 10-15 yard. Quando Carr trova Andre Holmes in end zone per il 28-35 (VIDEO) restano ancora più di 2 minuti sul cronometro.

Janikowski non è mai stato un maestro degli onside kick e i Raiders avendo ancora a disposizione i timeout calciano lungo sperando di forzare un veloce three-and-out ma quando la palla torna all’attacco restano solamente 2 secondi. Nell’ultima azione si gioca a rugby ma alla fine non c’è spazio neanche per credere ad un miracolo.

Cliccando su questo link trovate gli highlight della partita.


UPDATE

Non perdetevi il video “Sounds of the Game”!


CONCLUSIONI

Per fare un poco ispirato gioco di parole: la difesa non può essere difesa… sta giocando davvero troppo male ed anche giocatori con un buon curriculum come Sean Smith stanno deludendo. Jack Del Rio a fine gara ha detto di aver sostituito verso fine partita il defensive coordinator Ken Norton Jr come play caller difensivo.

2016_w02_falcons-raiders_jack_del_rio

L’head coach dei Raiders Jack Del Rio osserva la sua squadra venire battuta dai Falcons. (Foto: Raiders.com)

Per quanto Matt Ryan abbia dimostrato negli anni di essere un buon QB la prestazione difensiva è stata indegna, ben peggiore di quella brutta di New Orleans. I TE dei Falcons erano quasi sempre liberi e se sommiamo le yard ricevute da Jacob Tamme, Austin Hooper e Levine Toilolo arriviamo all’incredibile cifra di 180 yard in 10 ricezioni.

Il coaching staff credeva che Ben Heeney potesse diventare il MLB titolare e compensare con la sua agilità la mancanza di fisico, ma a quanto pare c’è da ripensare alla faccenda e trovare una alternativa. Keith McGill è partito due volte titolare come SS dopo quello che Del Rio ha definito un ottimo Camp ma anche l’ex CB ha giocato male. Sean Smith continua a deludere e questo è decisamente preoccupante visto quanto hanno investito i Raiders su di lui.

L’attacco nero-argento sta marciando, nonostante a volte le chiamate di Musgrave risultino conservative. 35 punti contro i Saints e 28 contro i Falcons sono un bel traguardo ma certamente le due difese affrontate non sono ai vertici della lega. Quello che fa piacere è vedere un running game che funziona: 25 corse per 155 yard totali e un bel 6.2 di media. Riguardando i replay si vedono ottimi blocchi (Osemele è uno spettacolo) ma i RB stanno riuscendo anche ad improvvisare. Sono già stati segnati 4 TD su corsa (2 Murray, 1 Richard e 1 Olawale) in due partite contro i 7 totali del 2015.

Derek Carr ha distribuito palla a 11 diversi ricevitori, ma la speranza è che si cerchi un po’ di più Crabtree che oltre ad avere le mani più sicure del gruppo sembra anche in ottima forma.

Non è ancora arrivato il momento di premere il panic button, sia chiaro. Sono state giocate solo 2 partite e il risultato, comunque sia arrivato, è 1 vittoria e 1 sconfitta. Se verranno fatte le giuste correzioni i playoff sono ancora alla portata della squadra e nella AFC West i Raiders sono solo una partita dietro ai campioni in carica Denver Broncos mentre Chiefs e Chargers sono 1-1 come la squadra di Del Rio.

STATISTICHE

Derek Carr ha concluso la partita con un buon 34/45 per 299 yard, 3 TD e 1 sack subito che in realtà è semplicemente una sua corsa fuori dal campo. Dopo due partite il giovane QB ha quasi il 70% di completi (58/83), 618 yard, 4 TD e 0 INT per un passer rating di 107.4.

Quel che fa male è leggere i numeri della difesa: 808 passing yard e 227 rushing yard concesse sommate danno 1035 yard guadagnate dagli avversari in due partite. I Raiders sono nelle ultime posizioni nelle più importanti categorie difensive: penultimi per punti subiti, ultimi per total yard e per passing yard concesse, ventunesimi per rushing yard concesse.

Le penalità sono state in tutto 9 per una perdita di 58 yard, un piccolo passo avanti rispetto ai numeri delle uscite precedenti.

LA PAROLA AI PROTAGONISTI

Nella conferenza stampa di lunedì Jack Del Rio ha aperto la strada a due cambiamenti in difesa, indicando che Karl Joseph inizierà ad essere utilizzato in difesa dalla prossima partita (finora solo special team per lui: 9 snap contro i Saints e 7 contro i Falcons) e che il rookie Cory James potrebbe sostituire Ben Heeney come MLB. Il messaggio è semplice e diretto: se sei in campo ma non produci lasci la porta aperta perché qualche compagno ti sostituisca.

“I think if you don’t make plays and you’re in there, you leave the door open for other guys to get opportunities to play. At the end of the day, we’re just looking for production.” [Jack Del Rio]

Annunci

3 thoughts on “2016 week 2 – Falcons 35 – Raiders 28

  1. son d’accordo con te e con del rio..:-)

    heeney non mi è piaciuro per niente,james non sembra niente male…proviamo…non ci voleva l’infortunio di ball..speriamo che joseph metta la cattiveria che ci manca..
    tu daresti ancora una possibilita’ a smith ?

    comunque nel primo tempo la difesa non è stata un disastro come nel secondo,abbiamo preso 13 punti ma 3 sono da imputare allo special team…hanno tenuto bene un paio di volte in red zone…l’attacco a mio avviso doveva fare di più nei primi 2 quarti (solo 7 punti)e forse la partita avrebbe preso una piega diversa

    nel secondo la difesa è crollata e l’attacco ha giocato meglio ma non è bastato…pure sforunati su un paio di palle vaganti che son finite a loro
    non critico del rio per la scelta sul 4th e 2 ma,io mi sarei affidato ad olawale e non a richard

    prendiamo le note ,secondo me, positive:
    OL semplicemente fantastica…
    bene il running game (finalmente !)
    bene i WR e carr …
    bene,come al solito, king
    una menzione speciale ad olawale che secondo ha fatto una buonissima partita
    bene amerson

    mack che fine ha fatto ?

    coi titans dura perchè secondo me son migliorati rispetto all’anno scorso ed in preseason ci han messo in difficolta’…

    se vogliamo andare ai playoff dobbiamo per forza vincere

    Mi piace

    • tu daresti ancora una possibilita’ a smith ?
      Assolutamente si! Ho visto quello che sa fare a Kansas City… è il fantasma di se stesso ma sono fiducioso che si riprenderà… ed inoltre non abbiamo alternative migliori (Hayden lasciamolo nello slot, và 😉 )

      hanno tenuto bene un paio di volte in red zone
      Si, paradossalmente in red zone la squadra si destreggia meglio… è in campo aperto, quando ci sono spazi, che va in crisi…

      non critico del rio per la scelta sul 4th e 2 ma,io mi sarei affidato ad olawale e non a richard
      solo un cieco potrebbe criticare Del Rio per essersela giocata… la difesa non dà garanzie e allora al diavolo il manuale… proviamoci!
      Anche Jack a conti fatti si è pentito di non essersi affidato a Olawale o Murray. Anche io, come te, sarei andato con Olawale

      mack che fine ha fatto ?
      Meno fantasma di quello che può sembrare… ma come nel suo anno da rookie Mack tendi a notarlo solo se fa i sack altrimenti ti sembra non ci sia… c’è, c’è… ma gli serve aiuto dai compagni

      coi titans dura
      D’accordissimo. Avevo puntato sui Raiders a New Orleans con riserva (perché contro Brees ho sempre timori reverenziali), avevo ipotizzato una vittoria non dico agevole ma comunque non al fotofinish contro i Falcons… per i Titans invece mi aspettavo già da prima dell’inizio della stagione una partita in sofferenza… ora ancora di più… nel mio pronostico dirò però ancora una volta Raiders sperando che la difesa si svegli.

      Mi piace

  2. Pingback: 2016 week 9 – Broncos at Raiders preview | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...