Raiders Training Camp 2016 – Day 1 e 2 e il contratto di McKenzie

Finalmente si inizia a fare sul serio: i Raiders venerdì 29 luglio sono tornati in campo per il primo allenamento del Training Camp.

2016-07-29_Khalil_Mack

Training Camp 2016 Day 1 – Khalil Mack è il nuovo leader della difesa. (Foto: Raiders.com)

Ad assistere all’allenamento c’erano tanti ex giocatori visto che è nata la tradizione di dedicare un weekend all’inizio del Training Camp ad una reunion degli ex. Alla cena organizzata dalla squadra per gli “Alumni” il proprietario Mark Davis ha comunicato l’estensione del contratto del GM Reggie McKenzie

DAY 1 – TRANSAZIONI

Pronti via c’è già una faccia nuova e un prossimo partente… non si perde tempo nella NFL.

Ma andiamo per gradi.

Il 25 luglio la squadra aveva comunicato di aver inserito la G Vadal Alexander nella Non-Football Injury list e il RB Roy Helu, Jr. e il DE Greg Townsend, Jr. nella Physically Unable to Perform list.

Prima del primo allenamento la squadra ha attivato nuovamente Alexander visto che il giocatore ha avuto l’OK dei medici per riprendere l’attività ed insieme a lui in campo si è vista anche una faccia nuova, quella del DT Derrick Lott (che vestirà il numero 60).

Lott è stato preso dai Titans come undrafted free agent nel 2015 dall’università Tennessee at Chattanooga ed ha partecipato al Training Camp e a parte della preseason. Dopo essere stato tagliato è stato chiamato nella practice squad dei Buccaneers. Quest’anno ha partecipato a parte dell’Offseason Program con i Bucs e successivamente agli OTAs con gli Eagles.

Per liberare un posto nel roster i Silver & Black hanno inserito nella IR list Roy Helu Jr. mettendo fine di fatto alla sua permanenza ad Oakland. Quando il RB si sarà ripreso dall’intervento all’anca che ha subito sicuramente si troverà un accordo economico e Helu sarà tagliato definitivamente.

L’ultima mossa dei Raiders è stato l’inserimento di Denico Autry nella Physically Unable to Perform list, visto che il giocatore a quanto pare ha subito un infortunio alla mano o al polso destro.

DAY 1 – OSSERVAZIONI

Il primo giorno del Training Camp ha dato già alcune risposte ed alcuni indizi. Le risposte: I S Reggie Nelson e Karl Joseph si sono ripresi dai rispettivi infortuni e come da programma sono scesi in campo con le prime linee. Gli indizi: i Raiders credono ancora che sia possibile salvare la carriera di DJ Hayden e il CB parte in pole position per il ruolo di slot CB.

Anche Clive Walford, Neiron Ball e Neiko Thorpe hanno recuperato e sono in campo con il resto del gruppo.

Menelik Watson per ora rimane davanti ad Austin Howard come RT e Marcel Reece si è allenato con i TE.

Joe Hansley, Jaydon Mickens, DeAndre Washington e TJ Carrie si sono cimentati come punt returner. Al momento il posto è di Carrie, ma se qualcuno degli altri saprà regalare spettacolo le cose potranno cambiare, d’altronde è da tanto che i Raiders non hanno un returner che faccia alzare gli spettatori dalla sedia.

DAY 2 – OSSERVAZIONI

A quanto pare Connor Cook non è ancora pronto a rubare il posto da backup di Carr a Matt McGloin. I reporter concordano nel dire che il rookie ha ancora molto da lavorare sia sulla meccanica di lancio che sulla precisione.

Ancora belle parole spese nei confronti del WR Joe Hansley, che a quanto pare oltre che correre belle tracce ed avere buone mani è anche molto veloce.

Neiron Ball sembrerebbe aver passato buona parte dell’allenamento a bordo campo, almeno questo è quello che ha riportato Levi Damien. E’ probabile che si tratti semplicemente di una precauzione per non rischiare ricadute.

Ben Heeney sembrerebbe essere il prescelto per portare il cosiddetto green dot sul retro del casco, l’adesivo verde che identifica il giocatore che ha il collegamento radio con il coaching staff. Questo ovviamente significa che la squadra punta sul prodotto di Kansas e che il giocatore resterà in campo per la maggior parte degli snap difensivi.

Clive Walford ha parlato con i giornalisti a fine allenamento ed ha fornito qualche dettaglio dell’incidente con l’ATV che lo ha costretto ad un intervento chirurgico al ginocchio e a saltare l’Offseason Program. Il TE ha detto che è stato sbalzato dal mezzo per via di un dosso che non aveva visto; all’inizio non credeva che fosse nulla di più di una ferita ma quando è arrivato in ospedale ha realizzato che sarebbe dovuto stare fermo a lungo.

Walford è però felice di essere di nuovo in campo e sfrutta ogni occasione per trovare l’affiatamento con Derek Carr. Anche l’OC Bill Musgrave è soddisfatto di avere finalmente il promettente TE a disposizione visto che anche lo scorso anno la squadra aveva dovuto aspettare che rientrasse in forma dopo l’infortunio che lo aveva tenuto fuori per tutto il Training Camp.

Il terzo giorno di Training Camp è il primo giorno in cui, per le regole dell’accordo collettivo, i giocatori possono allenarsi con le protezioni.

ALUMNI WEEKEND – ONCE A RAIDER…

… Always a Raider!

Mark Davis sta facendo un ottimo lavoro nel mantenere i rapporti con gli ex giocatori. Per il padre Al la lealtà verso chi aveva vestito il nero-argento era un punto d’orgoglio: i Raiders sono una famiglia e chi è stato leale nei confronti della squadra sarà per sempre parte della famiglia.

Mark è riuscito nel tempo a ricucire i rapporti anche con alcuni ex che non avevano lasciato la squadra nel migliore dei modi (vedi Marcus Allen), e adesso ha iniziato la tradizione dell’Alumni Weekend.

Questo weekend un centinaio di ex giocatori si è riversato su Napa per la reunion annuale. Da Jeff Hostetler a Jon Ritchie, da Ted Hendricks a Max Montoya, da Jay Schroeder a Cliff Branch, da Cotton Davidson a Fred Biletnikoff, da Doug Gabriel a James Lofton, i rappresentanti di cinquantasei anni di storia nero-argento hanno osservato da bordo campo i giovani eredi lavorare per riportare i Raiders nelle posizioni che contano.

2016-07-29_Max_Montoya-Austin_Howard-Henry_Lawrence

Max Montoya, Austin Howard e Henry Lawrence. (Foto: Alison Montoya)

“I think the organization, [Owner] Mark Davis and [Team President] Marc Badain and [General Manager] Reggie [McKenzie], I think to do that and have those guys come back for a weekend like this, I think it’s awesome. Great to see them, lot of guys I grew up cheering for and we welcome them. Super excited to have them out here.” [Jack Del Rio]

ALDON SMITH

TMZ ha scombussolato il primo giorno di Training Camp pubblicando la notizia del ricovero di Aldon Smith in un centro di riabilitazione. Il reporter Bill Williamson ha poi confermato la notizia riportando le parole di persone vicine al giocatore:

La notizia è arrivata pochi giorni dopo che il nome del LB era tornato agli onori della cronaca per un video pubblicato su un account Periscope a lui riconducibile nel quale un uomo mai inquadrato in faccia fumava una presunta canna.

Il GM Reggie McKenzie ha poi dichiarato che la squadra vuole aiutare l’uomo Aldon Smith prima che il giocatore.

“We’re going to support, our deal is to support Aldon from a standpoint of the person. Whether he comes back to us or not, it has no bearing. We told him from Day 1, we care more about you than the player. So, whatever he does to ensure his health, we’re going to stand behind him.” [Reggie McKenzie]

E’ un vero peccato che le stupide regole NFL non consentano ad un giocatore squalificato di restare in contatto con la società. Proprio nel momento in cui serve più supporto la lega fa si che il giocatore resti da solo.

ESTENSIONE DEL CONTRATTO PER REGGIE McKENZIE

Nella notte del 29 gli ex giocatori hanno fatto una cena durante la quale Mark Davis ha annunciato di aver prolungato il contratto del GM Reggie McKenzie di altri quattro anni. Il contratto di McKenzie adesso scadrà dopo il Draft 2021.

Molti avevano chiesto la testa del GM dopo i primi fallimentari anni ma Mark Davis ha deciso di avere pazienza ed ha continuato a dare fiducia a McKenzie. A quanto pare in questo caso la pazienza è stata premiata visto che i Raiders sembrano andare nella direzione giusta: i contratti sono strutturati per garantire alla squadra di poter avere sempre spazio salariale sotto il cap, negli ultimi Draft sono stati selezionati tanti giocatori che sembrano avere un gran bel futuro nella NFL e finalmente anche in Free Agency la squadra ha iniziato a muoversi in maniera molto interessante.

“It wasn’t going to be a quick fix; I’m not into quick fixes. Like I always said, it was a process, and it worked the way we kind of planned. I still haven’t had a winning season, but we feel good about the direction it’s going. We feel good about this upcoming season and it starts with the players. The ultimate goal is that we want to hold up the trophy.” [Reggie McKenzie]

McKenzie è cosciente di avere ancora tanta strada da fare, ma è contento ovviamente della rinnovata fiducia da parte della proprietà.

Per un resoconto del suo incontro con la stampa potete vedere il post di Jerry McDonald.

LETTURE CONSIGLIATE

L’undrafted rookie James Cowser sta tenendo un diario sul sito ufficiale della squadra per documentare il Training Camp: ecco il primo post.

Annunci

2 thoughts on “Raiders Training Camp 2016 – Day 1 e 2 e il contratto di McKenzie

  1. Pingback: Primo 53-men roster 2016, transazioni e commenti | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...