Offseason Program 2016 week 6 – OTA 1 e modifiche al roster

La preparazione della stagione 2016 prosegue e i Raiders hanno raggiunto la Fase 3 dell’Offseason Program. E’ tempo di OTAs (Organized Team Activities). Sono previste tre sessioni di tre giorni l’una, e la prima si è tenuta questa settimana.

2016-05-24_OTAs_DBs

Raiders Offseason Program – OTAs week 1. (Foto: Raiders.com)

I Silver & Black hanno fatto anche qualche modifica al roster. In questo articolo un riepilogo di quanto accaduto nell’ultima settimana. 

MODIFICHE AL ROSTER

La prima sessione di OTA si è tenuta dal 24 al 26 maggio ed erano presenti due facce nuove. I Raiders hanno messo sotto contratto i WR Robert Herron e Nathan Palmer e per liberare i due posti nel roster hanno tagliato il QB Garrett Gilbert e il WR Andre Debose.

Il taglio di Gilbert certamente non sorprende visto che la squadra ha due QB con esperienza come Carr e McGloin e un rookie di talento come Cook. Per Debose la situazione è differente, visto che il WR è stato tagliato a seguito di un nuovo infortunio.

Il prodotto di Florida, considerato uno dei principali candidati al ruolo di ritornatore già nel suo anno da rookie, è decisamente sfortunato. Lo scorso anno si è rotto il tendine d’Achille nel primo allenamento dell’OTA ed ha passato tutta la stagione in IR. Quest’anno si è infortunato addirittura prima di iniziare le Organized Team Activities. Poiché nessuna squadra lo ha richiesto via waivers, dopo 24 ore in automatico è stato inserito nella IR nero-argento. Nulla si sa sulla tipologia e sull’entità dell’infortunio; i Raiders dovranno decidere se tenere Debose per tutta la stagione in IR o se trovare con lui un accordo economico che permetta alla squadra di tagliarlo definitivamente.

Chi sono i due WR chiamati a sostituire Debose e Gilbert nel roster?

2016-05-25_OTAs_Nathan_Palmer-Robert_Herron

Raiders Offseason Program – OTAs week 1 – Nathan Palmer (13) e Robert Herron (17). (Foto: Raiders.com)

Nathan Palmer, ventisettenne entrato nella NFL da Northern Illinois come UDFA nel 2012 con i 49ers, ha girato diverse squadre ma è apparso in sole 5 partite tra i professionisti. Nel 2012 per lui in maglia Colts una sola ricezione per una perdita di 4 yard.

Palmer è stato un membro della practice squad dei 49ers prima di essere chiamato nel 53-men roster dei Colts. Nel 2013 ha fatto parte della practice squad di Dolphins e Broncos e nel 2014 è stato promosso nel 53-men roster di Denver senza però vedere il campo. Lo scorso anno lo ha passato tra la practice squad dei Patriots e quella dei Bears.

Palmer, che a quanto pare è anche un cantante R&B con lo pseudonimo di Napalm, ha preso il numero 13.

Robert Herron, scelto al sesto round del Draft 2014 dai Buccaneers, ha al suo attivo 8 partite, 6 ricezioni per 58 yard e 1 TD. Tagliato dai Bucs prima della fine della preseason 2015 ha passato gran parte dell’anno nella practice squad dei Dolphins.

A Herron era stato asegnato il numero 17, ma il giocatore è stato tagliato dopo soli tre giorni.

I Raiders non hanno ancora annunciato chi prenderà il posto di Herron nel roster, quindi per ora in squadra ci sono solo 89 giocatori.

OTA WEEK 1

Durante la Fase 3 dell’Offseason Program ogni squadra ha diritto a tre sessioni di OTAs, per un totale di 10 giornate.

Il 24 maggio i reporter hanno avuto libero accesso al campo d’allenamento ed hanno poi potuto intervistare Del Rio e diversi giocatori. Cosa abbiamo appreso da questa settimana?

Il TE Clive Walford, i LB Malcolm Smith e Neiron Ball, il S Karl Joseph, il LB Jimmy Hall e il CB Neiko Thorpe hanno assistito agli allenamenti da bordo campo in attesa di recuperare dai rispettivi infortuni. Il S Reggie Nelson, il RB Roy Helu Jr. e il DE Denico Autry non si sono visti ma Del Rio ha detto che i giocatori sono presenti al centro allenamenti, quindi probabilmente stanno recuperando dai loro infortuni lavorando in palestra con i trainer.

“I would just say that the guys that aren’t working right now are doing everything they can to get back, to be back, to be a part of this. They’re all chomping at the bit. They all want to go. There’s a process that has to take place for each of them to return. They’re all different. […] I would just say that they’re all here, they’re all working hard and eager to return. I think we feel good about being able to have all those guys join us at some point in, hopefully, not too far away.” [Jack Del Rio]

Anche il WR Jaydon Mickens era assente, ma non per infortunio; ci sono delle regole che impediscono ai giocatori di partecipare alle attività della squadra fino alla cerimonia di laurea della loro classe universitaria.

Karl Joseph ha fatto un allenamento leggero a bordo campo e poi ha seguito i drill di reparto senza prendervi ovviamente parte. Anche le mental reps sono molto importanti per un rookie.

2016-05-26_OTAs_Karl_Joseph

Raiders Offseason Program – OTAs week 1 – Karl Joseph (42) osserva da bordo campo. (Foto: Raiders.com)

Nella prima giornata di OTAs i reporter hanno visto il DE Mario Edwards Jr, il RT Austin Howard e il DT Dan Williams lasciare il campo prima della sessione di allenamenti di team. I tre stanno recuperando dagli infortuni e probabilmente i Raiders preferiscono non affrettare i tempi. Ovviamente non lo sapremo mai per certo visto che Del Rio è coerente con la sua filosofia di non parlare degli infortuni in questo periodo dell’anno.

Gli OTAs sono la prima occasione che hanno i coach di schierare l’attacco contro la difesa 11 contro 11. I contatti fisici sono vietati e i giocatori si allenano in pantaloncini e maglietta, con solamente il casco come protezione, ma schierare i due reparti uno contro l’altro permette di lavorare su tanti aspetti importantissimi del gioco.

“Yeah, I mean it’s just one step closer to real football. It’s tough, I have to tell you, it’s tough. The last couple of weeks, the Phase Two part, where you get to have meetings and you get to come out and coach, but you can’t ever line up anybody across from you. It’s pretty hard to play defense without being able to do that. The offense can run plays on air, but even they can’t adjust to what the defense is causing them to adjust to. It’s kind of an awkward time. But I love this part where we actually can practice real football and spend time developing our guys and our players and our plays and all the things we want to be good at.” [Jack Del Rio]

Avevamo anticipato che Keith McGill è stato convertito da CB a S e questo è stato confermato dallo stesso Del Rio.

“I think the biggest thing is to give him the opportunity to do what he may be best at. He played both in college. We just really felt like it was going to be hard for him at corner. We feel he has his best opportunity to contribute on special teams and as a safety. We like his length. We like a lot of things about him. It’s just a matter of how far we can bring him, in terms of developing him, but that’s largely up to him. We’re going to give him every opportunity, knowing he can do some things at corner but we feel like his long-term future would be best served with him at safety.” [Jack Del Rio]

E’ stato inoltre confermato che la linea d’attacco “titolare” (per quanto si possa parlare di titolari a maggio) è composta, da sinistra a destra, da Donald Penn, Kelechi Osemele, Rodney Hudson, Gabe Jackson e Menelik Watson.

Se volete leggere dei brevi resoconti della tre giorni potete fare riferimento ai pezzi scritti da Eddie Paskal per Raiders.com: OTA 1, OTA 2, OTA 3. Le tre gallerie fotografiche le trovate invece qui: OTA 1, OTA 2, OTA 3.

INTERVISTE

Dopo il primo giorno hanno parlato coach Jack Del Rio (video/trascrizione), il CB Sean Smith (video/trascrizione), il RB Latavius Murray (video/trascrizione) e il LB Bruce Irvin (video/trascrizione).

Del Rio è cosciente del fatto che ci sono tante aspettative per la stagione 2016 e che gli “esperti” stanno lodando le mosse di mercato della squadra (qui i giudizi di PFF), ma sa che le partite si vincono sul campo e non smette di ripetere che gli interessa solo vedere l’impegno profuso dai suoi giocatori e non le parole che arrivano dall’esterno.

“We’re gaining in confidence because of the work we’re putting in. I think that’s where it starts. There are a lot of things being said. This time of year, talk is cheap. I don’t really spend a whole lot of time worrying about what is said, but I do pay a lot of attention to what is being done and the work that’s being put in, commitment level. To me, that’s where my focus is. That’s where I want our focus to be, on how we’re driving each other, on how we’re committed to being here and doing the things we can do.” [Jack Del Rio]

Ci sono tante frasi fatte che si dicono durante le interviste, ma gli intervistati sembrano tutti concordare su una cosa: il gruppo è molto unito e tutti lavorano per la squadra.

“The one thing about this group, this is one of the tightest groups that I have ever been around. We’re all friends. We all hang out outside of here.” [Sean Smith]

“You could definitely tell it’s a tight group. […] When you get a bunch of guys believing in one thing, putting each other before they put themselves, it’s scary. You can see it in Seattle. The past three, four years, a bunch of guys playing for each other, a bunch of ‘us,’ not a bunch of ‘me’ guys.” [Bruce Irvin]

Bruce Irvin ha sottolineato che è pronto ad assumere ad Oakland il ruolo di leader. Non ha intenzione di pestare i piedi agli altri leader della squadra ma certamente non starà zitto quando ci sarà qualcosa da dire.

“They didn’t bring me here to be a follower. I’m a very outspoken guy. You guys will learn that about me. I’m coming to be a leader. I’m not stepping on any toes, but if I have something to say, I am going to say it.” [Bruce Irvin]

Latavius Murray è felice di essere arrivato al Pro Bowl nel 2015, ma ci è arrivato come riserva. Il suo obiettivo è tornarci dalla porta principale.

“I want to make sure I get there next year on my own terms and on no one else’s. It was a great experience. I had a lot of fun. I was definitely stoked that I got the chance to go. Again, I want to make it there on my own terms and what I do on the field.” [Latavius Murray]

Annunci

3 thoughts on “Offseason Program 2016 week 6 – OTA 1 e modifiche al roster

  1. certo che la curiosita’ di vedere la squadra sale di giorno in giorno..e mancano ancora piu’ di 2 mesi alla preseason !!
    è dura continuare ad aspettare..
    ma herron è cosi’ scarso che l’han tagliato subito ?

    Mi piace

    • Si, grande curiosità.

      È pieno di giocatori che nella offseason durano poco… si vede che con Herron hanno capito immediatamente che non aveva chance… e a quel punto tanto vale cambiarlo subito… vedremo chi prenderanno al suo posto

      Mi piace

  2. Pingback: Offseason Program 2016 week 7 – OTA 2 | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...