Offseason Program 2016 week 4 e Rookie mini camp

L’Offseason Program dei Raiders è ormai arrivato alla quarta settimana, ma di sicuro le attenzioni di giornalisti e dei tifosi erano tutte per il rookie mini camp che si è tenuto durante il week end.

2016-05-14_Raiders_Draft_class

Raiders Draft Class 2016: Karl Joseph (42), Connor Cook (8), Jihad Ward (95), Vadal Alexander (74), Shilique Calhoun (91), Cory James (57), DeAndre Washington (33). (Foto: Raiders.com)

Trenta tra rookie e first year player sotto contratto e una ventina di giocatori in prova hanno affrontato la tre giorni che si è tenuta dal 13 al 15 maggio. Diamo uno sguardo a quello che è emerso. 

OFFSEASON PROGRAM WEEK 4

Gli allenamenti della offseason stanno proseguendo e siamo ormai arrivati alla quarta settimana, il che significa che siamo nel pieno della fase 2 dell’Offseason Program:

FASE 2 – tre settimane in cui è possibile fare drill individuali o di gruppo ma è vietato il contatto fisico e attacco e difesa non possono essere schierati uno contro l’altro.

Nell’articolo “Calendario 2016 e date importanti” avevamo illustrato le varie fasi dell’Offseason Program.

Come detto questi allenamenti non richiedono la partecipazione obbligatoria, ma la maggior parte dei veterani è presente al training center della squadra. Alcuni giocatori sono assenti perché ancora impegnati nella riabilitazione per infortuni subiti durante la stagione 2015, altri probabilmente hanno subito qualche infortunio di non meglio precisata entità (Jack Del Rio non parla degli infortuni in questa fase della stagione), altri ancora sono impegnati in eventi organizzati dalla lega.

Marcel Reece per esempio a partire da oggi e fino al 19 maggio parteciperà al NFL Broadcast Boot Camp, un evento organizzato dalla lega per consentire agli atleti di prepararsi ad un futuro come analisti o commentatori TV o radio.

Sappiamo che il TE Clive Walford sta recuperando da un intervento al ginocchio resosi necessario dopo un incidente con l’utilizzo di un ATV. Non sappiamo invece nulla delle condizioni di Roy Helu Jr., di Reggie Nelson, di Malcolm Smith, di Neiron Ball, di Dan Williams o di Amari Cooper, tutti assenti in quest’ultimo periodo.

Sapevamo che Austin Howard non sarebbe stato pronto per l’inizio degli allenamenti ma che era comunque vicino al rientro, ed infatti il RT si è rivisto in campo l’11 maggio.

Il DL Mario Edwards Jr. ha confermato anche in una intervista radiofonica di aver ricevuto dai medici il via libera definitivo per il ritorno al football giocato. Dovremo ovviamente attendere il training camp di luglio per avere la versione ufficiale della squadra.

Durante la settimana è stato acquisito il DE Damontre Moore. Il giocatore dovrà impegnarsi molto per conquistare un posto nel 53-men roster vista la sua carriera NFL non certo entusiasmante, ma il coaching staff ha deciso di dargli una chance visto il potenziale dimostrato al college.

L’11 e 12 maggio si sono uniti alla squadra per gli ultimi allenamenti della settimana anche i rookie scelti al Draft e gli UDFA messi sotto contratto (con l’eccezione di Karl Joseph che non sarà pronto fino al training camp).

ROOKIE MINI CAMP 2016

I rookie e i giocatori catalogati come first-year player (vi rimando all’ultimo paragrafo di questo articolo per approfondire in merito) hanno poi preso parte al Rookie mini camp dal 13 al 15 maggio.

Le regole del mini camp destinato ai rookie consentono allenamenti senza protezioni (solo il casco), drill individuali e di reparto, ma anche la possibilità di schierare l’attacco contro la difesa 11 contro 11. E’ quindi una buona occasione per mettere alla prova i giovani giocatori anche se ovviamente i contatti fisici sono vietati.

Chi ha partecipato al mini camp?.

La lista dei trenta giocatori sotto contratto ce la ha fornita Vic Tafur del SF Chronicle in un suo tweet:

Ai nomi dei rookie scelti al Draft e dei 13 UDFA annunciati nella prima ondata di firme, si sono aggiunti altri 4 UDFA: prima il DE Greg Townsend Jr. (USC) e successivamente la G Denver Kirkland (Arkansas), il WR Jaydon Mickens (Washington) e l’OL Terran Vaughn (Stephen F. Austin).

Come potete notare scorrendo la lista dei partecipanti fornita dai Raiders ai media, 6 dei giocatori indicati non sono rookie: Giorgio Tavecchio, Garrett Gilbert, SaQwan Edwards, Chris Hackett, Andrew East e Mitch Bell.

Ai 30 giocatori sotto contratto si sono aggiunti una ventina di rookie in prova. I Raiders non rendono mai pubblica la lista dei giocatori in prova.

I media hanno avuto accesso al campo d’allenamento solamente il primo dei tre giorni del mini camp. Hanno potuto testimoniare che i giovani hanno necessità di togliersi di dosso un bel po’ di ruggine (è normale in questo periodo dell’anno) e scaricare la tensione tipica di un esordio (drop, snap sbagliati e errori nello schierarsi sono tipici problemi di concentrazione facilmente correggibili) ma che c’è del materiale su cui lavorare.

Buone notizie sul fronte Jihad Ward: il rookie scelto al secondo round sembra muoversi bene e il timore che debba sottoporsi ad un intervento chirurgico al ginocchio (opzione paventata subito dopo che i Raiders lo hanno scelto al Draft) sembra decisamente remota.

“He [Ward] looked pretty good right? Don’t trust all those reports out there. We felt pretty good about our reports. He looks terrific. He’s very athletic.” [Jack Del Rio]

Per quanto riguarda Karl Joseph, ovviamente è dura non averlo in campo, ma il DB potrà comunque imparare tanto anche solamente partecipando ai meeting e con le cosiddette “mental reps“.

“The meetings that he’s involved in, we’re still able to walk it and talk it so we’re doing some of that. […] It’s definitely valuable time to have. We don’t get enough time really with these guys and we’ve got to maximize the time we do get and be really efficient with it.” [Jack Del Rio]

Forte della sua esperienza al college sia come G che come RT, l’OL Vadal Alexander è stato schierato spesso come RT venerdì. A Mike Tice e al coaching staff in generale piacciono i giocatori che possono giocare diverse posizioni e, per quanto sia ovviamente avventato trarre conclusioni da quanto visto nella prima giornata di un rookie mini camp tenuto a maggio, ha senso vedere cosa può offrire Alexander all’esterno della linea. Come guardie infatti i Raiders hanno Osemele e Jackson che sono giocatori di altissimo livello, mentre per la posizione di RT la lotta è fra Menelik Watson (purtroppo finora sfortunatissimo con gli infortuni) e Austin Howard (convalescente dopo l’infortunio al ginocchio dello scorso anno e certamente non un titolare inamovibile). Che la spunti il migliore.

A fine giornata i reporter hanno potuto intervistare l’head coach Jack Del Rio (video) e i rookie Karl Joseph (video), Jihad Ward (video), Shilique Calhoun (video) e Connor Cook (video).

Karl Joseph – il 42 e la riabilitazione. Karl Joseph non ha scelto il numero di maglia che vestirà in nero-argento, è stato Jack Del Rio ad assegnarglielo anche se il rookie ha detto che era uno dei numeri che stava puntando. Ovviamente per lui è un onore portare il numero che è stato di una leggenda del football come Ronnie Lott.

Ma quali giocatori ha ammirato e ammira di più Joseph?

“Ed Reed, Brian Dawkins, guys like that. I like the way Earl Thomas plays and Tyrann Mathieu, those guys like that. They are very versatile with what they can do. They can do it all over the field.” [Karl Joseph]

Joseph come detto non tornerà in campo prima del training camp, ma questo non gli impedisce di partecipare ai meeting e immagazzinare quante più informazioni utili.

“It’s tough, just not being able to go out there and practice and learn the stuff, but I am still learning in meeting rooms. […] The language and everything is different, different plays, but it’s not too hard at all, just getting everything down pat, but I am going to get it, though. […] Just rehab and taking all the mental reps and spending as much extra time as I can with coaches and learning everything.” [Karl Joseph]

2016-05-14_rookieminicamp_Karl_Joseph-Mark_Davis

Il rookie Karl Joseph e Mark Davis durante il rookie mini camp 2016. (Foto: Raiders.com)

Figli d’arte. I Raiders hanno messo sotto contratto due figli d’arte: Max McCaffrey, WR da Duke, è il figlio dell’ex giocatore di Giants, 49ers e soprattutto Broncos Ed McCaffrey e Greg Townsend Jr. è figlio della leggenda dei Raiders Greg Townsend, che ancora detiene il record per sack in carriera per i Silver & Black con 107.5 (i sack sono una statistica ufficiale dal 1982).

Certamente non basterà il cognome che portano a garantire loro un posto nel 53-men roster. I rookie sanno che dovranno dimostrare di meritarsi uno dei 53 preziosissimi posti e contribuire negli special team è certamente una carta importante da giocare.

“I’ll do anything. I’ll go out there and play special teams. I’ll play receiver, make a catch when we need to, just go out there and give it my all, no matter what I’m doing. The game of football is not just the guys you see out there making catches, there’s a lot more to football and I’m willing to do whatever it takes to try to make this team.” [Max McCaffrey]

Uno sguardo (filtrato) dietro le quinte. Se i reporter hanno potuto assistere solo al primo giorno del mini camp, lo staff dei Raiders ha avuto libero accesso agli allenamenti.

Sul sito ufficiale della squadra sono stati pubblicati quindi brevi filmati e gallerie fotografiche della tre giorni. Eddie Paskal ha anche scritto dopo ogni giornata (Day 1, Day 2, Day 3) un breve pezzo che, pur non svelando ovviamente niente di tecnico sugli allenamenti, ci ha permesso di sbirciare dietro la tenda. Sono state spese belle parole per l’OL Vadal Alexander, per il DL Jihad Ward e per gli UDFA Jaydon Mickens e James Cowser.

Know your rookies. Ecco alcuni dei giocatori che hanno partecipato al rookie mini camp. Le foto sono prese dalle gallerie fotografiche pubblicate su Raiders.com e sono state riarrangiate da me per accoppiare due rookie in ogni foto.

Transazioni. Manca ancora l’ufficialità, ma due dei giocatori che hanno partecipato in prova al mini camp sembrerebbero aver conquistato un posto nel 90-men roster della offseason.

Si tratta di Joe Hansley, WR di Colorado State, e di Jalen Richard, RB di Southern Miss:

I Raiders avevano nel roster 88 giocatori sotto contratto all’inizio del mini camp. C’era quindi spazio per altre due acquisizioni senza che fosse necessario tagliare nessuno. Probabilmente più di due giocatori in prova hanno attirato l’attenzione del coaching staff visto che il DE Shelby Harris ha annunciato il suo addio su Twitter:

A breve i Silver & Black annunceranno ufficialmente i movimenti.

EDIT

I Raiders hanno annunciato ufficialmente le modifiche al roster. Sono ben 5 i giocatori che hanno partecipato in prova al rookie mini camp ed hanno conquistato un posto nel 90-men roster:

Chris Edwards, DB, Idaho
Joe Hansley, WR, Colorado State
Branden Jackson, DL, Texas Tech
Jalen Richard, RB, Southern Mississippi
Torian White, OL, Hampton

Come detto i posti liberi erano solo due, quindi i Silver & Black hanno dovuto tagliare tre giocatori: Shelby Harris, Tevin McDonald e Tony McRae.

Annunci

2 thoughts on “Offseason Program 2016 week 4 e Rookie mini camp

  1. Pingback: Offseason Program 2016 week 5 | Raiders Italia

  2. Pingback: Offseason Program 2017 e Rookie mini-camp | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...