Intervista con l’ex QB di Sacramento State Garrett Safron

Ci sono stati 253 giocatori scelti nell’NFL Draft 2016, ma non tutto è perduto per chi non è stato scelto. Le squadre stanno mettendo sotto contratto gli undrafted free agent ed invitando altri giocatori a partecipare in prova ai propri rookie mini-camp.

Garret_Safron_Seamen

Garrett Safron, Seamen Milano. (Foto: Dario Fumagalli)

L’anno scorso il QB Garrett Safron era uno di questi giocatori. Non è stato selezionato al Draft dopo la fine della sua carriera a Sacramento State e non appena il Draft si è concluso è stato invitato al rookie mini-camp dei Raiders. 

NFL: Oakland Raiders-Rookie MinicampGarrett si è diplomato alla Santa Monica HS nel 2010, si è allenato ma non ha giocato nel suo anno da matricola a Sacramento State ed è stato il QB titolare negli ultimi tre anni al college, durante i quali ha riscritto il libro dei record. Qui trovate le sue statistiche e qui i record su passaggio.

A Sacramento State: 833/1332 per 9,713 yard, 86 TD e 35 INT, 413 corse per 1,906 yard e 16 TD.

8 maggio 2015; Alameda, CA, USA; il QB degli Oakland Raiders Garrett Safron (5) effettua un lancio durante il rookie minicamp al campo di allenamento dei Raiders. (Foto: Kirby Lee/USA TODAY Sports)

I Raiders non gli hanno offerto un contratto e lui ha scelto di andare a giocare in Italia per i Seamen Milano, i campioni nazionali.

Gli ho mandato una email e lui è stato così gentile da rispondere ad alcune domande.

(NOTA: la versione in lingua inglese dell’intervista la trovate in questa pagina)

Raiders Italia: Ciao Garrett, grazie mille per questa opportunità di intervistarti. Quando hai iniziato a giocare a football?

Garrett Safron: All’età di 5 anni

RI: Che squadra tifi e chi è il tuo giocatore preferito?

GS: LA Rams. Tom Brady e Cam Newton

RI: L’anno scorso ti stavi preparando per una occasione nella NFL: pro day, colloqui. Cosa ci puoi dire di questo processo?

GS: E’ molto duro mentalmente e fisicamente

RI: Pensavi di avere una chance di essere scelto al Draft o ti aspettavi di diventare un rookie free agent?

GS: Mettiamola così, non ho raggiunto le mie aspettative

RI: Con quali squadre eri in contatto?

GS: Il mio agente era in contatto con i Raiders, i Bills e i Chiefs

RI: Quand’è che i Raiders ti hanno contattato?

GS: Erano in contatto con il mio agente durante il Draft. Io mi scambiavo messaggi con il QB coach dei Raiders [Todd Downing] durante il Draft. Mi dava gli scoop su cosa stesse succedendo nella loro Draft room. Non appena il Draft è finito, è a quel punto che mi hanno invitato a partecipare al rookie mini-camp

RI: Sei stato invitato al rookie mini-camp dei Raiders a maggio, dopo il Draft. Raccontami di quella esperienza.

GS: E’ stato magnifico provare la sensazione di sapere di poter giocare al massimo livello. Ma alla fine non c’è nulla di diverso, davvero, siamo tutti umani. Ci allacciamo tutti le scarpette. Alla fin fine è football


2015 Rookie Mini Camp Schedule

2015_Raiders_ROOKIE_MINI_CAMP_SCHEDULE

Garrett ci permette di sbirciare dietro le quinte di un rookie mini camp, condividendo con noi il programma della tre giorni 2015.


RI: Ti aspettavi di partecipare ad un training camp NFL l’anno scorso? Ti ha seccato che non sia accaduto?

GS: A quel livello è un business

RI: Ora stai giocando con i Seamen a Milano. Perché l’Italia? Quali erano le opzioni tra cui potevi scegliere?

GS: Avevo un sacco di alternative. Ma ormai quelle non contano. Sono venuto nella migliore squadra italiana per vincere!

RI: Come sta andando? Qual è il livello in Italia?

GS: Mi sto godendo l’esperienza. Non è stato facile. Mi sono infortunato, non sono stato in grado di allenarmi. Ma niente che valga la pena arriva senza faticare

RI: Come è il tuo italiano?

GS: Haha perfetto

RI: Se ho capito bene è la tua prima esperienza fuori dagli Stati Uniti. Come ti stai adattando al nuovo stile di vita? Cosa ti piace dell’Italia? C’è stato qualcosa a cui ti è stato difficile adattarti?

GS: Non c’è niente che mi ha particolarmente stupito. Seguo semplicemente la corrente e me la cavo bene in ogni situazione. Tutto è andato piuttosto liscio. Avere compagni come quelli che ho io rende più facile adattarsi. Mi hanno accolto a braccia aperte come se fossi già della famiglia. Adoro quei ragazzi

RI: Che piani hai per il futuro? Le ambizioni di giocare in NFL sono ancora vive?

GS: E’ tutto nelle mani di Dio. Mi sto godendo il viaggio

Grazie davvero per il tempo che ci hai dedicato Garrett, ti auguriamo il meglio per la tua carriera!

Annunci

4 thoughts on “Intervista con l’ex QB di Sacramento State Garrett Safron

  1. pero’ non ha risposta alla dmanda sul livello del football italiano…sarebbe interessante saperlo…:-)
    secondo te una buona squadra italiana o la nazionale potrebbe competere con una universita’ americana di medio livello ?

    Mi piace

    • E si… purtroppo le interviste via email spesso lasciano parzialmente l’amaro in bocca perché vorresti approfondire punti che sono stati trascurati nelle risposte.
      Avrei voluto che approfondisse anche altri 2 punti: la sua esperienza al rookie mini-camp dei Raiders (ovviamente) e come si sta ambientando in italia (mi piace sviluppare il lato umano fuori dal football e il punto di vista di un ragazzo americano in Italia sarebbe stato interessante da approfondire). Ho provato a mandargli delle altre domande, vedremo se avrà tempo e voglia di rispondermi e nel caso aggiornerò questa intervista.

      Non seguo con tanta attenzione il football italiano per una mancanza di tempo, ma credo che il livello sia troppo differente perché l’Italia possa competere con una squadra universitaria di buon livello. Magari nella singola partita puoi anche vincere, ma si tratta di mondi distanti… gli studenti americani si allenano con costanza, gli amatori italiani sono costretti a ritagliarsi del tempo libero e per quanto si impegnino la vedo dura competere a quei livelli.
      Qualche anno fa il Blue Team ha fatto una amichevole con la Siena Heights University (una università del Michigan che gioca nella Wolverine–Hoosier Athletic Conference associata alla NAIA) e ha perso 3-35.

      Mi piace

  2. Pingback: Rookie mini camp -Dietro le quinte | Raiders Italia

  3. Pingback: Interview with former Sacramento State QB Garrett Safron | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...