Draft 2016 – Day 3 picks: Cook, Washington, James, Alexander

Nel terzo e ultimo giorno del Draft i Raiders avevano 5 scelte, ma alla fine hanno selezionato quattro giocatori: il QB Connor Cook nel quarto round, il RB DeAndre Washington nel quinto round, il LB Cory James nel sesto round e la G Vadal Alexander nel settimo round.

NFL_Draft_2016_Raiders_day3_picks

Le schede dei quattro giocatori selezionati nell’ultimo giorno del Draft 2016. (Foto: Raiders.com)

Vediamo di fare il punto della situazione. Chi sono i nuovi Raiders? Che contributo potranno dare alla squadra? 

ROUND 4 (100) – CONNOR COOK – QB – MICHIGAN STATE

La mossa che non ti aspetti. I Raiders al quarto round avevano la scelta numero 114 e si supponeva che avrebbero selezionato un RB o un ILB per andare a coprire due ruoli ancora non rinforzati né in Free Agency né al Draft.

Reggie McKenzie ha però stupito un po’ tutti ed ha fatto trade up dando ai Cleveland Browns la scelta 114 (la 16 del quarto round) e la scelta 154 (la 15 del quinto round) in cambio della scelta numero 100 con la quale ha selezionato Connor Cook, il QB di Michigan State.

Non c’è dubbio che la scelta del GM abbia colto di sorpresa i più, ma dopo il comprensibile attimo di smarrimento cerchiamo di capire le ragioni di McKenzie.

Cook (6-4, 217 libbre) era considerato da diversi analisti uno dei migliori QB di questa annata e la sua discesa sembra legata più ad una presunta mancanza di leadership (non era uno dei capitani della squadra) che ad una questione di skill. Potete leggere le analisi pre-Draft di NFL.com qui e di PFF qui. In particolare gli analisti tendono a concordare sul fatto che Cook è capace di trovare i suoi ricevitori anche quando sono sotto stretta copertura e non ha paura di lanciare lungo, riuscendo anche a farlo con discreto successo visto che è risultato il più accurato tra i prospetti del Draft nei lanci da 20 o più yard.

Perché i Raiders hanno scelto un QB al quarto round pur avendo un titolare inamovibile come Derek Carr (in costante crescita e reduce dal suo primo Pro Bowl), un buon backup come Matt McGloin e necessità di coprire altri ruoli? A sentire McKenzie il giocatore, a quel punto del Draft, aveva un valore troppo alto per lasciarselo sfuggire. Per capirci: è meglio prendere al quarto round un giocatore che molti davano come scelta da secondo round anche se il ruolo al momento è ben coperto o prendere un giocatore prima di quanto davvero meriti secondo le tue valutazioni solo perché gioca in un ruolo che devi rinforzare?

Cook non è stato preso per sostituire Carr ovviamente, ma può senza dubbio competere con McGloin e con Garrett Gilbert per il ruolo di numero 2. C’è inoltre da considerare che McGloin l’anno prossimo sarà un unrestricted free agent e avere Cook in squadra è ovviamente una garanzia. Un’ultima motivazione da non trascurare è la possibilità di far crescere il giocatore ed usarlo come pedina di scambio in futuro. McKenzie viene dalla scuola di Ron Wolf e a Green Bay non era inusuale scegliere un QB al Draft pur avendo delle certezze come Favre e Rodgers come titolari. Dal 1992, anno di arrivo di Favre, i Packers hanno scelto un QB quasi ogni anno e diversi hanno avuto una lunga carriera altrove (Ty Detmer scelto nel 1992, Mark Brunell scelto nel 1993, Matt Hasselbeck scelto nel 1998 e Aaron Brooks scelto nel 1999).

“I don’t think you can win that many games and be that successful at a program without being a leader.” [Connor Cook]

Potete leggere qui la trascrizione della sua conferenza stampa e se ne avete voglia vedere su Youtube la puntata del Gruden’s QB Camp che lo vede protagonista.


ROUND 5 (143) – DeANDRE WASHINGTON – RB – TEXAS TECH

Al quinto giro, con la scelta ottenuta dai Cowboys in cambio del WR Brice Butler, i Raiders hanno finalmente selezionato il RB. La scelta è ricaduta su DeAndre Washington (5-8, 204 libbre).

Washington (qui la scheda di NFL.com) avrà la possibilità di mettersi in evidenza questa estate per battere la concorrenza dei vari Roy Helu Jr., Taiwan Jones e George Atkinson per fare da backup a Latavius Murray. E’ un RB compatto che però non è facile da abbattere, e sembra poter dare un contributo anche nel passing game; per lui a Texas Tech 124 ricezioni per 1091 yard nelle 49 partite giocate.

“He’s the one guy that every time we watched him play, it was very difficult for the first guy to get him down. He had power, quickness and he had speed. He was the kind of the guy that can do it all. He’s tough, instinctive. We just thought he was a really good football player. We think he’s going to help our team a lot.” [Reggie McKenzie]

Il RB ha avuto un infortunio al legamento crociato anteriore nel 2012, nel suo secondo anno a Texas Tech, ma da allora si è ripreso completamente.

Qui la trascrizione della sua conferenza stampa telefonica con i reporter locali.


ROUND 6 (194) – CORY JAMES – LB – COLORADO STATE

Con la scelta ottenuta dai Colts in cambio di Sio Moore i Raiders hanno preso un LB versatile, Cory James, da Colorado State.

James (6-0, 229 libbre) ha dato il meglio di se sull’esterno ma nella stagione 2015 è stato utilizzato anche come ILB nella difesa dei Rams. Come OLB è stato produttivo anche come edge rusher, facendo registrare 22 dei suoi 24 sack nelle stagioni 2012, 2013 e 2014. Qui la scheda di NFL.com.

Ai Raiders è piaciuta la sua versatilità ma l’intenzione al momento è di vedere soprattutto se sarà in grado di giocare Weakside LB. McKenzie ha specificato che per garantirsi un posto in squadra James dovrà farsi valere negli special team.

“For the beginning, we’ll let him play off the ball and see if he can play weakside linebacker, teach him both inside linebacker spots, and nickel. But he’s definitely going to have to try to make his money on special teams. He has a lot of versatility because he’s so athletic. He can run.” [Reggie McKenzie]

Qui la trascrizione della sua conferenza stampa post-Draft.


ROUND 7 (234) – VADAL ALEXANDER – G – LSU

Con l’ultima scelta a disposizione i Silver & Black hanno scelto un offensive lineman di Louisiana State, Vadal AlexanderQui la scheda di NFL.com

Alexander (6-5, 326 libbre) era da molti considerato una delle migliori G in uscita dal college quest’anno, ma arrivato il Draft l’OL è scivolato fino al settimo round. McKenzie è stato ben felice di cogliere la palla al balzo e portarlo ad Oakland anche perché, come abbiamo ormai imparato, al GM piacciono i giocatori versatili e Alexander a LSU ha giocato sia G che T. I Raiders lo proveranno sia all’interno che all’esterno della linea anche se sembra molto probabile che il suo futuro in NFL sia come G.

I suoi limiti sembrano legati al footwork e allo scarso equilibrio. Vedremo quanto il gigante migliorerà sotto la cura di Mike Tice, uno dei migliori OL coach della lega.

Qui la trascrizione della sua conferenza stampa.


DRAFT RECAP

Raiders_Draft_2016

McKenzie ha sottolineato che lo scopo del Draft non è tappare i buchi dell’immediato ma lavorare per un progetto, con una visione proiettata al futuro. Alcune delle scelte fatte quest’anno sono state dettate da questa filosofia e dovremo attendere prima di poter giudicare se sia stato un buon Draft o meno. Ci sono state delle sorprese e delle scelte che non tutti hanno condiviso, ma tutto sommato sembra un solido gruppo di giovani. Sarà il campo, come al solito, a darci le risposte.

Riepilogando queste sono state le scelte di McKenzie:

Round 1, Pick 14 (14) – Karl Joseph, S, West Virginia (articolo)
Round 2, Pick 13 (44) – Jihad Ward, DE/DT, Illinois (articolo)
Round 3, Pick 12 (75) – Shilique Calhoun, DE/OLB, Michigan State (articolo)
Round 4, Pick 16 (100) – Connor Cook, QB, Michigan State
Round 5, Pick 4 (143) – DeAndre Washington, RB, Texas Tech
Round 6, Pick 19 (194) – Cory James, LB, Colorado State
Round 7, Pick 13 (234) – Vadal Alexander, OL, Louisiana State

Annunci

2 thoughts on “Draft 2016 – Day 3 picks: Cook, Washington, James, Alexander

  1. Pingback: Offseason Program 2016 – week 2 e 3 | Raiders Italia

  2. Pingback: Raiders 2016 – Il ritorno ai playoff | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...