Draft 2016 – Ci siamo quasi

Finalmente è arrivato il grande giorno: a partire da oggi a Chicago si terrà l’NFL Draft 2016. In questa tre giorni verrà chiamato il nome di 253 ragazzi che potranno fregiarsi del titolo di “Draft pick” anche se molto probabilmente diversi di loro non giocheranno mai neanche un down nella NFL.

Tanti altri potranno continuare a sperare di costruire una carriera NFL da undrafted, sognando di seguire l’esempio di quei fortunati che sono partiti dal fondo e sono diventati delle star.

2016-04-26_NFL_Draft_2016_Chicago

Vista del palco durante i preparativi per l’NFL Draft 2016 all’Auditorium Theatre di Chicago il 26 aprile 2016. (Foto: Ben Liebenberg/NFL)

Venticinque prospetti saranno presenti in sala speranzosi di poter salire al più presto sul palco, abbracciare il Commissioner Roger Goodell, tenere per la prima volta in mano la maglia della nuova squadra e iniziare a pianificare il modo migliore per spendere parte dei soldi del primo contratto da professionisti.

Il Draft è diventato un evento mediatico molto importante, ma come funziona? 

Lo dico sinceramente, non vedo l’ora che tutto questo finisca. Ho ben chiara l’importanza del Draft per le sorti di una squadra, ma non sopporto che sia un evento mediatico ingigantito oltre ogni misura. Odio i bla bla infiniti degli “esperti” (JaMarcus Russell sarà il nuovo Elway, vero Mel Kiper Jr.?), odio i mock Draft… quanto vorrei che ci dessero la lista delle scelte e basta!

Ma come funziona il Draft? NFL Football Operations ha proposto un bell’articolo sul dietro le quinte dell’evento più importante della offseason NFL.

Come ben sappiamo ogni squadra riunisce owner, GM, head coach, dirigenti e scout vari nella cosiddetta Draft room allestita nella propria sede. In quella stanza si valuta l’andamento del Draft, si tiene traccia dei giocatori scelti dalle altre squadre e si controlla la propria “lista della spesa” per vedere ad ogni round chi è il prospetto più adatto ad essere scelto e si ricevono e si fanno telefonate durante le quali si valutano trade.

Raiders_Draft_Room_2015

Raiders Draft Room 2015. (Foto: Raiders.com)

Quando il gruppo decide il nome del giocatore da scegliere lo comunica ai rappresentanti della squadra presenti a Chicago. Ogni squadra ha un tavolo nella sala e non appena i rappresentanti ricevono la telefonata con la scelta scrivono nome, posizione, università e posizione assoluta del prospetto sulla apposita scheda.

2015_NFL_Draft_team_tables

La scheda è poi consegnata ad un corriere e da quel momento la scelta diventa ufficiale e non può più essere modificata. Ricevuta la scheda il corriere la mostra alzando il braccio per dare il segnale al rappresentante NFL che può quindi annunciare “Club A has made its selection, Club B is on the clock”; a questo punto il conto alla rovescia ricomincia per la squadra successiva.

NFL: Pro Football Hall of Fame-Tom Benson Hall of Fame Stadium Groundbreaking

NFL Draft 2015, le schede delle prime scelte (Foto: Kirby Lee/USA TODAY Sports)

Ma cosa succede se un team non fa in tempo a consegnare la scheda al corriere prima che scada il tempo? La squadra non perde il diritto di scelta e può consegnare la sua scheda in qualunque momento, ma non ha più l’esclusiva della scelta. Un altro corriere si trova infatti accanto al tavolo della squadra che ha la scelta successiva e questa squadra, chiamiamola sempre squadra B, ha quindi la possibilità di consegnare la sua scheda e “rubare il turno” alla squadra A. Insomma, se il tempo è scaduto chi è più veloce a consegnare la scheda al corriere tra squadra A e squadra B ha la priorità sulla scelta.

Cosa succede invece se c’è un trade? La comunicazione viene trasmessa con una telefonata all’NFL Player Personnel department per l’approvazione del trade mentre il tempo continua a scorrere. Nel mentre un altro corriere viene inviato al tavolo della squadra che ha acquisito la scelta, ma la scelta non potrà essere ritenuta valida fino ad approvazione ufficiale del trade. Dopo che il trade viene approvato dalla lega la squadra che ha acquisito la scelta può sfruttare il tempo eventualmente rimanente per compilare la scheda e consegnarla al corriere.

Poniamo che la squadra A sia “on the clock” e decida di fare un trade con la squadra C che coinvolga la scelta in corso. Se il trade non viene approvato prima che il tempo per la scelta si esaurisca la squadra B ha la possibilità di approfittare della situazione e rubare il turno alle due squadre coinvolte nel trade.

Quanto tempo ha ogni squadra per fare la sua scelta? Dipende dal round. Al primo round ciascuna squadra ha 10 minuti per fare la sua scelta. I minuti scendono a 7 nel secondo round e a 5 nei round dal 3 al 6. Al settimo round si hanno solo quattro minuti a disposizione.

Solitamente i migliori prospetti, quelli con più possibilità di essere scelti al primo round, vengono invitati ad assistere al Draft dal vivo. Spesso si tratta di una piacevole serata che si conclude con la passerella sul podio, ma a volte si può trasformare in un incubo se il giocatore scivola fuori dal primo round. Ad ogni scelta le telecamere vanno a cercare la reazione dei giocatori ancora in attesa, sempre più nervosi, sempre più preoccupati non solo di “perdere la faccia” ma anche di perdere un bel mucchio di soldi.

Quest’anno saranno presenti 25 giocatori in sala.

Quando il nome di questi giocatori sarà chiamato, ognuno di loro potrà alzarsi dal suo tavolo, abbracciare la famiglia e gli amici, andare verso il palco, indossare il cappellino della nuova squadra, ritirare la maglia dalla rastrelliera ed andare ad abbracciare il Commissioner per poi fare le foto di rito.

2015 NFL Draft

NFL Draft 2015, le maglie. (Foto: Ben Liebenberg/AP Photo)

Ritirare la maglia dalla rastrelliera? Not so fast my friend! C’è un ultimo tocco da dare alla maglia per renderla unica. Da quando la Nike ha acquisito i diritti di fornitura dell’abbigliamento da gara c’è una nuova tradizione durante il Draft. La maglia dei prospetti presenti in sala viene velocemente personalizzata aggiungendo il cognome del giocatore in pochi minuti.

In questo articolo trovate la descrizione del processo. La ditta incaricata della personalizzazione prepara in anticipo i nameplate dei giocatori invitati ad assistere al Draft dal vivo nei colori e font di tutte le squadre in modo da essere pronti a tutto.

Quando il nome del giocatore viene comunicato gli operatori prendono la maglia e il nameplate nel font corretto e pressano il nome sulla maglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...