Oakland/Los Angeles Raiders 1966-2015 – Media spettatori

Nell’universo NFL si parla tanto di Los Angeles in questo periodo. Finalmente dopo 21 anni la lega ha approvato il ritorno del football professionistico nel secondo maggior mercato della nazione ed oltre ai Los Angeles Rams, già trasferitisi da St. Louis, potrebbe arrivare presto una seconda squadra. Abbiamo visto che i Chargers hanno deciso di rimanere a San Diego nel 2016 per cercare di trovare un accordo per un nuovo stadio nel loro mercato storico, mantenendo però la loro opzione su Los Angeles per un eventuale trasferimento nel 2017 nel caso a San Diego non si concretizzi nulla. Qualora i Chargers rinunciassero al trasferimento i Raiders avrebbero il diritto di unirsi ai Rams e tornare nella città che li ha accolti dal 1982 al 1994.

2015_PRE3_Cardinals-Raiders_Dr_Death

Dr. Death e i fan degli Oakland Raiders nella Black Hole durante la partita di preseason contro i Cardinals giocata all’O.co Coliseum di Oakland il 30 agosto 2015 (Foto: Scott Strazzante / San Francisco Chronicle)

Si è fatto un gran parlare del fatto che Los Angeles sia territorio nero-argento e che la squadra di Mark Davis, tornando nella California del Sud, avrebbe un enorme beneficio economico. Non c’è dubbio che dal punto di vista mediatico la squadra avrebbe una esposizione maggiore di quella che ha ora ad Oakland e che probabilmente potrebbe aumentare i suoi introiti relativi alle sponsorizzazioni, ma oggi vogliamo analizzare la questione sotto un altro punto di vista: la presenza degli spettatori allo stadio

IL PIACERE DEL CONFRONTO DI IDEE

L’idea per questo articolo è nata in seguito ad uno scambio di opinioni sulla pagina dedicata ai Raiders nel forum PlayIT USA.

Il nostro affezionato lettore Massimo, che scrive con lo pseudonimo di Fantaman su quel forum, è stufo della situazione stagnante che c’è ad Oakland e si augura che alla fine i Chargers rimangano a San Diego e i Raiders abbiano via libera per tornare a Los Angeles.

Ovviamente i tifosi italiani dei Raiders non soffrirebbero come i tifosi di Oakland qualora la squadra lasciasse la città, ma sicuramente da un punto di vista affettivo sarebbe un duro colpo anche per il resto della Raider Nation. I Raiders sono nati ad Oakland, ad Oakland sono legati da tanti momenti che sono entrati nella leggenda del football e ad Oakland hanno una delle più famose fan base degli Stati Uniti. La Black Hole è popolata da personaggi pittoreschi come Dr. Death, Gorilla Rilla, Violator, Toozak, Senor Raider, Skulls e tantissimi altri volti familiari a tutti i fan nero-argento.

Ogni volta che salta fuori l’argomento del trasferimento in un’altra città la prima cosa che si dice è “i Raiders devono restare ad Oakland, dove hanno un seguito appassionato che non troverebbero in nessuna altra città”. Massimo, visti i tanti blackout televisivi degli anni passati legati al fatto che lo stadio non faceva il tutto esaurito, cosa che aveva portato la società a chiudere un settore dello stadio (Mount Davis), ha messo in dubbio che la situazione sia davvero così.

E’ vero che siamo nati a Oakland e ovviamente non ho nulla contro la città, anzi.. Sono affezionato al lato scuro della baia, ma ODIO giocare in una latrina a cielo aperto e soprattutto ODIO giocare nello stadio più piccolo della lega che facciamo fatica a riempire, per di più chiudendo un settore da 10000 posti per poter trasmettere le partite in televisione.. Questo per me è inaccettabile e se negli anni scorsi lo si poteva scusare con la squadra che non portava risultati da anni e la crisi finanziaria, nella stagione appena conclusa no.. hai una squadra praticamente nuova e con giovani di talento, se davvero sei la fan base affezionata che noi tutti ricordiamo, quello stadio lo devi riempire senza esser costretti a chiudere un settore!

Leggevo che lo spostamento a LA negli anni 80 fece perdere buona parte del consenso che poi al ritorno si è recuperato solo in parte.. Io questo non lo so se sia vero però lo stadio vuoto è qualcosa di tristissimo e dubito fortemente che in qualsiasi altra parte della California del sud faremo meno spettatori dei 50000 circa attuali della latrina a cielo aperto..
Io sogno LA, ora che i Chargers han scoperto le carte ancora di più.

E’ verissimo, i Raiders hanno davvero faticato a riempire lo stadio negli ultimi anni tanto da non aver riaperto Mount Davis neanche nella stagione 2015, nonostante la NFL abbia temporaneamente sospeso la regola che prevede la necessità di fare il tutto esaurito allo stadio per poter trasmettere la partita in diretta TV nella regione.

Nei miei ricordi però anche al Memorial Coliseum di Los Angeles le cose non andavano benissimo e lo stadio era spesso mezzo vuoto quando ospitava le partite interne dei Raiders tra il 1982 e il 1994.

Un altro utente del forum, Platoon, ha dato una possibile spiegazione:

Però gli ultimi anni a LA il Coliseum era semivuoto anche perchè praticamente si rischiava la pelle ad andarci

“Questo si, eppure non mi pare che ci sia mai stato il pienone nei tredici anni passati in quello stadio. E’ necessario controllare” è stato il mio pensiero.

Massimo aveva fatto scoccare la scintilla e il fuoco non poteva essere più spento. Mi è venuto voglia di confrontare la media delle presenze casalinghe degli spettatori nel Coliseum di Oakland e nel Memorial Coliseum di Los Angeles.

Ho sempre ritenuto Los Angeles una scelta rischiosa, una città di gente che ti può ricoprire di soldi ma anche abbandonare da un momento all’altro se i risultati in campo non sono soddisfacenti. E’ questo che maggiormente mi spaventa della possibilità di lasciare Oakland, dove in ogni caso il pubblico ha continuato a sostenere la squadra in questi 13 anni bui. Siamo sicuri che se in questi 13 anni di fallimenti fossimo stati a Los Angeles allo stadio ci sarebbero andate tante persone quante quelle che hanno comprato il biglietto per vedere squadre di bidoni strapagati all’Oakland-Alameda County Coliseum?

Quale occasione migliore per mettere qualche dato in Excel e fare qualche calcolo?

OAKLAND vs LOS ANGELES – I RAIDERS E IL PUBBLICO ALLO STADIO

E così che grazie al confronto di idee avuto sul forum ho recuperato il numero di spettatori per ciascuna partita casalinga dei Raiders dal 1966 (anno di apertura del Coliseum di Oakland) al 2015 ed ho calcolato la media di spettatori per ogni stagione e la massima e la minima affluenza registrate ogni anno.

Prima di mostrare i risultati è bene segnalare alcune cose:

  • dal 1966 al 1969 i Raiders hanno giocato nella American Football League
  • nel periodo 1966-1977 la regular season era composta da 14 partite
  • nel 1973 i Raiders sono stati costretti a giocare la partita d’esordio a Berkeley nel Memorial Stadium, lo stadio dell’università di California, in quanto gli A’s erano impegnati nelle World Series di baseball
  • nel 1982 c’è stato un lungo sciopero dei giocatori e la squadra ha giocato in casa solamente 4 partite
  • nel 1987 c’è stato un altro sciopero che ha portato alla cancellazione di una partita (che però i Raiders avrebbero dovuto giocare a Houston). I proprietari decisero di proseguire il campionato con squadre composte da crumiri e sono quindi state giocate alcune partite (passate alla storia come replacement games) che certamente non hanno attirato allo stadio un folto pubblico

L’affluenza allo stadio è stata ricavata partita per partita dal sito The Pro Football Archive, che ho sempre ritenuto molto affidabile ed una risorsa che consiglio a tutti di salvare fra i preferiti. Non ho fatto un doppio check sui dati se non per la stagione 2015, che ha combaciato come valore medio con quello reperibile da altre fonti.

Veniamo quindi all’analisi dei dati.

1966-1981_media_spettatori_Oakland

Analisi degli spettatori al Coliseum di Oakland per le stagioni 1966-1981

1982-1994_media_spettatori_Los_Angeles

Analisi degli spettatori al Memorial Coliseum di Los Angeles per le stagioni 1982-1994

1995-2004_media_spettatori_Oakland

Analisi degli spettatori al Coliseum di Oakland per le stagioni 1995-2004

2005-2015_media_spettatori_Oakland

Analisi degli spettatori al Coliseum di Oakland per le stagioni 2005-2015

Rappresentando in un grafico, anno per anno, le affluenze medie otteniamo l’andamento raffigurato qua sotto:

1966-2015_media_spettatori_Oakland-Los_Angeles

Grafico delle presenze medie degli spettatori dal 1966 al 2015 alle partite casalinghe dei Raiders (in rosso gli anni nella AFL, in giallo quelli a Los Angeles)

Una ulteriore curiosità è il confronto dell’affluenza massima e minima durante ciascuna stagione. Il valore minimo così basso relativo alla stagione 1987 corrisponde, come detto, ad una delle due partite giocate dai replacement.

1966-2015_affluenza_max-min_Oakland-Los_Angeles

Grafico dell’affluenza massima e minima di spettatori dal 1966 al 2015 alle partite casalinghe dei Raiders

Vediamo infine le tre curve dell’affluenza massima, minima e media nello stesso grafico.

1966-2015_affluenza_max-min-media_Oakland-Los_Angeles

Grafico dell’affluenza massima (in verde), minima (in rosso) e media (in nero) di spettatori dal 1966 al 2015 alle partite casalinghe dei Raiders

Questi risultati non raccontano nessuna verità assoluta ma mostrano che lo scarto tra affluenza massima e media a Los Angeles è molto grande, sintomo del fatto che lo stadio era spesso mezzo vuoto ma ogni tanto si riempiva quasi a capienza.

Spero che questa piccola analisi possa essere spunto per altre interessanti discussioni.

Annunci

7 thoughts on “Oakland/Los Angeles Raiders 1966-2015 – Media spettatori

  1. se non ho interpretato male i grafici credo di aver capito questa cosa:
    in linea di massima la media della media 🙂 di spettatori tra gli anni di LA e quelli del ritorno ad oakland è simile.(tra 50 e 60mila)
    con la differenza che ad oakland lo stadio è piu’ piccolo per cui possiamo dire che mediamente è stato quasi pieno,ad LA è piu’ grosso quindi mediamente è stato semi vuoto.
    giusto ?

    Mi piace

  2. non essendosi sempre state giocate 16 partite a stagione credo si debba considerare il record in millesimi per poter fare un paragone
    quindi potremmo dividerle magari in 4 fasce (0/250-250/500-500/750-750/1000) e valutare la media degli spettatori raggruppando le stagioni con record simile…per vedere se c’è una differenza significativa tra gli anni bui e quelli migliori
    spero di essermi spiegato..:-)

    Mi piace

  3. Pingback: Raiders 2015 – La difficile arte di interpretare le statistiche | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...