Aldon Smith sospeso per un anno, modifiche alla practice squad

Alla fine la scure del boia è calata, Aldon Smith è stato sospeso per un anno dalla NFL.

Quando i Raiders hanno messo sotto contratto l’ex LB dei 49ers sapevano che su di lui pendeva la spada di Damocle della probabile sospensione, tanto che il contratto era stato strutturato con dei bonus settimanali di presenza nel roster.

Martedì sera è arrivata la notizia della sua sospensione e Smith ha salutato i compagni negli spogliatoi prima di abbandonare la struttura nella quale, per regolamento NFL, non potrà più mettere piede per tutta la durata della sospensione.

2015_w03_Raiders-Browns_Aldon_Smith

Il LB Aldon Smith è stato sospeso per un anno dalla NFL. (Foto: Raiders.com)

La NFL vieta infatti ai giocatori sospesi di avere contatti con il proprio team e con gli allenatori. Analizzeremo nel proseguo di questo articolo l’assurdità di tale divieto.

Come dicevamo, quando i Raiders hanno scelto di chiamare in squadra Smith sapevano che in qualunque momento il LB avrebbe potuto ricevere comunicazione della sospensione. Ovviamente la speranza era che una volta iniziata la stagione il Commissioner Roger Goodell avrebbe atteso la fine del campionato prima di esprimersi.

LA PREMESSA

Aldon Smith ha fatto il suo esordio nella NFL nel 2011 ed in meno di cinque anni ha collezionato 5 arresti.

Nel 2014 la NFL lo sospende per 9 partite per aver violato gli accordi sull’abuso di sostanze ed il codice di condotta personale.

Il 6 agosto 2015 Smith viene arrestato con l’accusa di guida in stato di ebbrezza, incidente con fuga e vandalismo. Secondo il verbale della polizia il LB, allora ai 49ers, sarebbe andato a sbattere contro un’auto parcheggiata ed avrebbe poi ulteriormente danneggiato il veicolo colpendolo con lo sportello della sua macchina. Smith sarebbe poi scappato dal luogo dell’incidente, per tornarvi in un secondo momento e venire fermato dagli agenti.

Per questo ennesimo arresto i 49ers sventolano bandiera bianca e tagliano Smith, che viene poi messo sotto contratto dai Raiders a due giorni dall’esordio stagionale contro i Bengals.

GLI EVENTI

Martedì i reporter che seguono la squadra segnalano che nell’aria c’è qualcosa di strano.

L’attesa dura poco e arrivano le conferme, Smith è sospeso per un anno. Non ci sono appelli, non ci si aspetta sconti, il processo decisionale è concluso e la sentenza è definitiva. Il reintegro di Smith non sarà neanche automatico a novembre del prossimo anno, il LB dovrà chiedere ed ottenere il permesso della lega per tornare a giocare. Questa domanda potrà essere presentata non prima di 60 giorni dalla data in cui finirà la sospensione, in pratica non prima di 10 mesi da oggi.

Smith è visibilmente arrabbiato e lascia la struttura senza rilasciare dichiarazioni.

Qualche ora dopo i Raiders ufficializzano la sospensione divulgando tre comunicati: quello della NFL, quello della squadra e quello del giocatore.

Aldon Smith of the Oakland Raiders has been notified that he is now suspended without pay for a minimum of one year for violating the NFL Policy and Program for Substances of Abuse. Under the terms of the policy, Smith will be eligible to apply for reinstatement no sooner than 60 days before the one-year anniversary of the suspension. [NFL]

Aldon has been a positive addition to the Raiders. He remains prominently in our long term plans and we will continue to support this member of our family as he gets the help that he needs. [Raiders]

First, I want to thank the Raiders, my teammates, the fans, our coaches and our owner for supporting me throughout all of this.
I am taking this time to work on myself and become the man I need to be, my team and organization needs me to be, and I know I can be.
I had lost my love for the game and it led me to some poor choices, but I am thankful to the Raider organization for believing in me this season and will continue to better myself and grow from my experiences. I look forward to rejoining the team next year. [Aldon Smith]

Sia i Raiders che il giocatore hanno sottolineato l’interesse a continuare a lavorare insieme dopo la fine della squalifica. Smith aveva firmato un contratto annuale, quindi quando la squalifica terminerà diventerà un free agent. Quest’anno ha rifiutato offerte più ricche pur di restare vicino alle persone che lo stanno aiutando a trovare un equilibrio fuori dal campo, e nelle sue 10 settimane che ha passato con la squadra ha conquistato i compagni e i coach.

Sono state tante le manifestazioni d’affetto da parte dei suoi compagni e dello staff dopo la diffusione della notizia.

Smith chiude la sua stagione in nero-argento con 7 partenze da titolare su 9 partite giocate, 28 placcaggi, 3 passaggi deviati e 3.5 sack.

I Raiders perdono una pedina importantissima proprio quando il giocatore stava tornando in forma. Ancora non è dato sapere chi occuperà il posto vacante nel roster, anche se è probabile che sarà un giocatore della practice squad, magari il DE Shelby Harris.

Chi sarà invece a sostituire Smith nella starting lineup? Le possibilità sono tante, dall’improbabile ritorno di Khalil Mack nel ruolo che ricopriva lo scorso anno (tutti i tifosi se lo augurano), all’inserimento di Benson Mayowa, all’utilizzo dell’agile ma decisamente poco affidabile Ray-Ray Armstrong… non resta che attendere domenica per avere le idee più chiare.

COSA SUCCEDE ADESSO?

A Smith sarà vietato avere rapporti con gli allenatori e con rappresentanti della dirigenza nero-argento. L’unico a poter avere rapporti con lui sarà Lamonte Winston (director of player engagement dei Raiders) che potrà chiamare il giocatore al telefono ogni due settimane.

Non fraintendetemi, le regole sono queste, si conoscevano e vanno rispettate… ma quando sono palesemente stupide andrebbero esaminate e cambiate.

Un giocatore sospeso per i suoi problemi fuori dal campo viene costretto a stare lontano dalle persone che, per buon cuore o per semplice interesse, vorrebbero aiutarlo. Smith si era integrato benissimo nello spogliatoio e in società, era uno dei giocatori più popolari e tutti gli volevano bene, eppure gli sarà impedito di vivere questo affetto, di sentire vicini i compagni che lo adorano. Ovviamente i compagni sono liberi di continuare a frequentare Smith lontano dalle strutture della squadra, ma durante la stagione il tempo libero di un giocatore NFL è decisamente limitato.

E allora Smith dovrà essere bravo a non cedere ai suoi demoni, dovrà lavorare per crescere come uomo, ma lo dovrà fare senza l’appoggio di una società che aveva una struttura capace di assisterlo.

Non è forse quando ci si sente soli che si combinano le più grandi cazzate? E’ davvero isolare una persona con problemi la strada giusta per recuperarla? Forse la NFL e l’associazione giocatori dovrebbero porsi qualche interrogativo e iniziare a lavorare per modificare lo status quo.

C’è un altro punto da sottolineare, anche se non è il caso di soffermarsi troppo sulla cosa. Smith è recidivo, e questo ha influito sulla punizione, ma fa comunque specie vedere che Greg Hardy è in campo nonostante sia accusato di aver pestato pesantemente la sua ex fidanzata. Soprattutto dà fastidio vedere l’atteggiamento arrogante di Hardy, che sembra non aver imparato nessuna lezione. La lega ci tiene a precisare che la sospensione (10 giornate poi ridotta a 4) per il Kraken è basata sulle vecchie regole ma bisognerà pure ammettere che c’è qualcosa di storto nel sistema, o no?

2015-11-17_George_Atkinson_III-Adam_Gettis

Due nuove aggiunte alla practice squad: il RB George Atkinson III e la G Adam Gettis. (Foto: Raiders.com)

PRACTICE SQUAD

E’ passata ovviamente in secondo piano la notizia del ritorno in Silver & Black di George Atkinson III. Il RB e il G Adam Gettis sono stati chiamati nella practice squad ed è stato tagliato dalla practice squad il RB Rajion Neal.

George Atkinson III è stato preso lo scorso anno come undrafted free agent da Notre Dame, ha passato del tempo nella practice squad ed è stato poi promosso nel 53-men roster vedendo il campo nelle ultime 5 partite della stagione negli special team. Ha fatto parte del roster per tutta la preseason 2015 ed è stato brevemente nella practice squad prima di essere tagliato.

Adam Gettis è stato scelto dai Washington Redskins al quinto round del Draft 2012 da Iowa. La sua prima partita ufficiale è avvenuta nella stagione successiva, durante la quale ha preso parte a 13 incontri. Nel 2014 è stato tagliato dai Redskins ed ha firmato con la practice squad dei Pittsburgh Steelers prima di venire chiamato nel 53-men roster dei New York Giants. Con i Giants non ha però mai giocato una partita. Quest’anno ha fatto parte della practice squad della squadra di New York, dalla quale è stato tagliato il 4 novembre.

LETTURE CONSIGLIATE

Questa sezione è tutta dedicata ad articoli riguardanti Aldon Smith.

Annunci

13 thoughts on “Aldon Smith sospeso per un anno, modifiche alla practice squad

  1. ma che senso ha ?!
    la cosa migliore sarebbe consentirgli di allenarsi con la squadra..ha sbagliato ed è giusto che venga sanzionato e quindi che non debba giocare ma che lo lascino lavorare per se stesso e per il suo rientro

    Mi piace

  2. Articolo pienamente condivisibile, c’è poco da aggiungere.. nella pena di una persona che ha sbagliato ci dovrebbe essere anche la possibilità del recupero della stessa, qui invece c’è solo la pena e l’isolamento!
    Spiace perché, soprattutto in casi come quelli di Aldon, dove la persona fa del male a se stesso più che agli altri, punizioni di questo tipo che comportano isolamenti, sono altamente deleteri e di certo non aiutano

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: Shelby Harris di nuovo nel 53-men roster, Jeremy Ross nella practice squad | Raiders Italia

  4. Pingback: Raiders at Lions preview | Raiders Italia

  5. Pingback: Raiders 2015 – Una stagione tra alti e bassi | Raiders Italia

  6. Pingback: Raiders 2016 – I free agent e i giocatori a rischio taglio | Raiders Italia

  7. Pingback: Free Agency 2016 – Aldon Smith rinnova con i Raiders | Raiders Italia

  8. Pingback: Raiders Training Camp 2016 – Il roster – DIFESA e SPECIAL TEAMS | Raiders Italia

  9. Pingback: 2016 week 8 – Raiders at Buccaneers preview | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...