Jets at Raiders preview

I Raiders (3-3) stanno maturando ed hanno giocato la loro migliore partita della stagione domenica scorsa a casa dei Chargers. La prossima sfida li vede contro i New York Jets (4-2) al Coliseum.

season_matchups_2015_w08_Jets-Raiders

Alla guida dei Jets c’è una “bestia nera” dei Raiders, il QB Ryan Fitzpatrick, che nella sua carriera è 3-0 contro i Silver & Black e dal 2011 ad oggi ha ottenuto le sue vittorie con tre squadre diverse (Bills nel 2011, Titans 2013, Texans 2014).

I Raiders partono sfavoriti, ma non certamente battuti in partenza. I Jets sono una squadra solida con alcune caratteristiche che la rendono ostica per i Silver & Black, non ci si potranno permettere troppi errori, ma d’altronde anche contro i Chargers c’erano tutte le condizioni per un disastro (miglior attacco aereo contro seconda peggiore difesa sui passaggi) e sappiamo tutti come è andata a finire, con la squadra di Jack Del Rio che ha dominato per tre quarti contro Rivers e compagni. Anche questa domenica quindi si dovrà avere fiducia nei propri mezzi, si dovrà rimanere concentrati fino alla fine e si dovranno mettere in pratica quegli accorgimenti che sono sicuramente stati studiati per sopperire all’assenza di Neiron Ball. 

L’angolo delle banalità lo riempiamo così… per battere i Jets servirà:

  • imbottigliare il RB Chris Ivory e non fallire placcaggi; le yard dopo il primo contatto devono essere ridotte al minimo
  • non concedere big play nel gioco aereo
  • non rinunciare alle corse anche se all’inizio si faticherà a guadagnare yard
  • ricordare a Carr e Musgrave che il numero 89 è in campo anche nel secondo tempo; anche contro i Chargers il massimo del danno Cooper lo ha fatto nel primo tempo

INFORTUNI

I Jets hanno l’infermeria piena e alcuni giocatori importanti sono stati dichiarati out o a forte rischio di dover saltare la sfida contro i Raiders. Il RB Bilal Powell, il S Calvin Pryor e il WR Devin Smith (tutti e tre con problemi alle caviglie) non giocheranno sicuramente. Oltre a questi era stato dichiarato out anche il WR Chris Owusu (commozione cerebrale), ma successivamente è stato tagliato per fare posto al RB Stevan Ridley, attivato dalla Physically Unable to Perform list. La partecipazione del centro titolare Nick Mangold (collo) è in forte dubbio, mentre qualche possibilità in più c’è per il WR Eric Decker (ginocchio), la RG Willie Colon (ginocchio) e il CB Buster Skrine (spalla e mano).

Raiders_injury_report_2015_week08_Jets

Vista l’assenza di Pryor sarà Dion Bailey a partire titolare come S accanto a Marcus Gilchrist. L’HC Todd Bowles ha detto che uno tra Ronald Martin e Rontez Miles potrebbe essere promosso all’ultimo momento dalla practice squad in caso di necessità.

Il CB Buster Skrine come detto si è infortunato alla mano e giocherà con una protezione. Per il defensive back questo non sarà un problema; a Cleveland nel 2014 aveva giocato con una protezione rigida ed aveva fatto registrare 4 intercetti.

Questa settimana la lista infortunati dei Raiders è corta. Solamente il promettente rookie LB Neiron Ball (ginocchio) è ufficialmente out. I linemen Denico Autry e Justin Ellis hanno finalmente recuperato rispettivamente dalla commozione cerebrale e dall’infortunio alla caviglia. I DB Charles Woodson (spalla/ginocchio), TJ Carrie (spalla) e Keith McGill (piede) sono tutti probabili per la partita di domenica.

Raiders_injury_report_2015_week08_Raiders

STATISTICHE

Quella contro i Jets ha tutta l’aria di essere una vera e propria prova di maturità per i Raiders. La squadra di New York ha la seconda miglior difesa nella NFL (al quarto posto contro i passaggi e al primo contro le corse) e una linea difensiva che fa paura. I sack sono solo 11, quanti quelli fatti registrare finora dai Raiders, ma le armi a disposizione del DC Kacy Rodgers hanno nomi che incutono timore: Muhammad Wilkerson (5 sack), Damon Harrison, Leonard Williams e il recentemente rientrato Sheldon Richardson (sospeso 4 partite per uso di sostanze vietate) formano una delle più forti linee difensive attualmente impiegate nella lega.

Vediamo qualche confronto tra le due squadre:

2015_w08_preview_stats_Jets-Raiders

La difesa dei Jets impedisce all’avversario di sviluppare un gioco di corsa, ma è come detto anche capace di limitare i ricevitori avversari grazie alle qualità dei due CB, Darrelle Revis e Antonio Cromartie. Quella dei Raiders invece è terza contro le corse ma ultima contro i passaggi, tanto che viene da chiedersi se sia la sua bravura nel fermare le corse a costringere gli avversari al gioco aereo o piuttosto che sia la facilità nell’accumulare yard su passaggio a non far impegnare troppo gli OC a sviluppare un gioco di corse. Come in quasi tutte le cose è molto probabile che la verità stia nel mezzo.

2015_w08_preview_stats_Jets-Raiders_2

Ma Jets-Raiders non è solo difese. I Silver & Black dovranno spremere al massimo Latavius Murray per creare spazi per il gioco aereo e sfruttare le doti di Amari Cooper e Michael Crabtree e possibilmente coinvolgere sempre più il rookie TE Clive Walford. I Jets dal canto loro continueranno a dare palla al RB Chris Ivory e cercheranno di sfruttare le doti di Brandon Marshall e Eric Decker. Difficile prevedere invece una partita da record per il TE Jeff Cumberland (3 ricezioni per 26 yard finora) nonostante i noti problemi di marcatura dei LB nero-argento.

Una doppia statistica è stata messa in evidenza dal sempre ottimo Josh Dubow di Associated Press: più del 15% delle corse contro i Jets sono state fermate dietro la linea di scrimmage (solo Arizona ha fatto meglio), d’altro canto l’attacco via terra dei Raiders è secondo nella NFL per minor numero di corse negative, solo il 5.2%. Chi la spunterà?

Vediamo a confronto i leader offensivi delle due squadre:

2015_w08_preview_Jets-Raiders_payers_1

2015_w08_preview_Jets-Raiders_payers_3

2015_w08_preview_Jets-Raiders_payers_2

2015_w08_preview_Jets-Raiders_payers_4

Le statistiche complete per le squadre e per i giocatori le trovate qui: JetsRaiders.

INCROCI (GLI EX)

Lo special teams coordinator dei Jets Bobby April ha ricoperto lo stesso ruolo per due anno (2013-14) ad Oakland.

Il WR dei Jets Kenbrell Thompkins nel 2014 ha giocato con i Raiders dopo essere stato tagliato dai Patriots. Per lui in Silver & Black 12 partite di cui 6 da titolare, 15 ricezioni per 209 yard e nessun TD, 2 corse per 5 yard, e 3 ritorni di kickoff per 43 yard.

Il RT Austin Howard è arrivato ad Oakland lo scorso anno dopo aver giocato tre anni a New York (2011-13). In realtà nel 2011 è stato chiamato nel 53-men roster dei Jets il 23 novembre ma non è mai stato attivato per le restanti partite della stagione. Nel 2012 e 2013 ha invece giocato da titolare tutte e 32 le partite.

Il neo-acquisto dei Raiders Walter Powell, WR ma soprattutto returner, ha giocato 4 partite nel 2014 con i Jets. Per lui 8 ritorni di kickoff per 233 yard (il più lungo da 62 yard) e 12 ritorni di punt per 48 yard (il più lungo da 15 yard) e 1 fumble.

Il RB coach dei Raiders Bernie Parmalee ha giocato 30 partite con i Jets negli ultimi due anni di carriera (1999-2000), portando palla 54 volte per 220 yard e 2 TD e ricevendo 24 passaggi per 179 yard.

Anche il WR coach Rob Moore ha un passato da giocatore con i Jets, Scelto proprio da New York nel Supplemental Draft 1990, ha giocato 5 stagioni (1990-1994) prima di passare ai Cardinals. Per lui in maglia verde 76 partite, 306 ricezioni per 4258 yard e 22 TD, 5 corse per 8 yard.

Assetati di altre connessioni? Il solito articolo su Raiders.com è quello che fa per voi. Ma questa volta bisogna bacchettarli perchè non lo hanno controllato e aggiornato prima di pubblicarlo (mancano infatti Thompkins e Powell).

ALL-TIME RECORD E UN PO’ DI STORIA

I Raiders guidano la serie nella regular season 21-17-2. E’ il terzo anno di fila che le due squadre si affrontano e le ultime due partite, entrambe giocate in casa dei Jets, sono state vinte dai bianco-verdi.

In postseason c’è perfetta parità: 2 vittorie per parte, con i Raiders che hanno perso le prime due sfide per poi recuperare negli anni 2000.

Così come per le ultime due partite dei Raiders, anche questa sfida vede affrontarsi due squadre della American Football League. I Jets hanno esordito nella AFL nel 1960 come New York Titans e il proprietario era Harry Wismer, un personaggio pittoresco che non aveva però grandi mezzi finanziari. La squadra tirò avanti a fatica giocando nel cadente Polo Grunds fino a che nel 1963 fu rilevata da una cordata guidata da Sonny Werblin che cambiò il nome in Jets, cambiò i colori sociali in verde e bianco e l’anno dopo si trasferì nel nuovissimo Shea Stadium e arrivò a vincere un Super Bowl con Joe Namath dietro al centro.

Avremmo potuto fare un grande salto indietro nel tempo e parlare di una memorabile partita passata alla storia come Heidi Game, ma la scelta questa volta è ricaduta sul passato recente e la partita di questa settimana è Jets-Raiders del 2 dicembre 2002, l’ultima stagione vincente dei Silver & Black.

Con 11:30 sul cronometro nel terzo Rich Gannon completò un passaggio corto per Tim Brown, la ricezione numero 1000 nella carriera dell’Hall of Famer. Il gioco venne fermato, la famiglia di Brown entrò in campo a festeggiare con lui, gli venne consegnata una palla d’argento in ricordo dell’evento e il pubblico del Coliseum non smise di applaudire neanche per un istante.

Chi volesse rivedere tutta la partita potrà farlo, fino all’intervento dei censori di Youtube, cliccando su questi tre link: parte 1, parte 2, parte 3.

John Clayton scrisse un pezzo per ESPN nel quale sostenne che il tempo extra concesso all’attacco dei Raiders durante la celebrazione della ricezione di Brown permise alla linea offensiva di riprendersi e a Gannon e all’OC Marc Trestman di studiare una strategia per far proseguire il drive. Nel gioco successivo, un terzo e 10 dalle 26 dei Jets, il QB nero-argento trovò Jerry Rice per il TD che cambiò la gara.

Fu una partita interessante e combattuta, che lanciò i Raiders nella corsa alla postseason che si concluse a San Diego, quando i Buccaneers dell’ex Jon Gruden fecero sfumare il sogno di Tim Brown e compagni di vincere il Super Bowl.

DEFENSIVE PLAYER OF THE MONTH – OTTOBRE

Il sempreverde Charles Woodson, pur limitato dal problema alla spalla, sta giocando ad altissimi livelli. Il defensive back è stato premiato come miglior difensore del mese di ottobre dalla NFL.

ROOKIE OF THE WEEK

Grazie alla sua splendida prestazione contro i Chargers, Amari Cooper è stato incoronato Rookie of the Week.

Per il prodotto di Alabama 5 ricezioni per 133 yard e 1 TD da 52 yard.

LETTURE CONSIGLIATE

Iniziamo la sezione con due pezzi nei quali si parla di Derek Carr e dei suoi progressi (il primo è stato segnalato da Everest2002 sul forum playitusa.com).

Vi suggerisco infine un pezzo di un ex agente, che analizza la situazione economica dei Raiders e le mosse di mercato di McKenzie.

VIDEO – STAY IN OAKLAND

Come forse saprete, a St. Louis, San Diego e Oakland si è tenuto un convegno nel quale i tifosi hanno potuto rivolgere delle domande ai rappresentanti NFL che si stanno occupando di studiare la possibilità di un trasferimento a Los Angeles di una o due squadre tra Rams, Chargers e Raiders.

Se siete curiosi di vedere e sentire cosa si è detto ad Oakland anche alla presenza di Mark Davis, ecco il video integrale.

Annunci

20 thoughts on “Jets at Raiders preview

  1. è sempre un piacere leggere questi articoli di presentazione..

    si,le statistiche sulle difese possono essere fuorvianti…puo’ sembrare ad esempio che una squadra abbia una difesa forte sulle corse ma potrebbe essere anche che abbia incontrato solo attacchi che giocano prevalentemente sui passaggi.
    ho fatto il mio confronto sulle 27 statistiche piu’ importanti …purtroppo 19 sono a loro favore 6 per noi e 2 pari…
    quindi si conferma il fatto che siamo sfavoriti.anche se le uniche veramente significative sono quelle relative ai punti fatti e subiti( vedi attacco chargers:era 1st nelle yards ma 15th nei punti)

    questo non vuol dire che non ce la possiamo fare…fitzpatrick è un qb esperto ma,non è un fenomeno,a mio avviso se dovessimo riuscire a limitare ivory(meat e potatoes pensateci voi !) e quindi a costringerlo a lanciare di più, potrebbe fare degli errori..(qualche intercetto se non sbaglio l’ha lanciato quest’anno)

    dovrebbe essere una partita a punteggio basso,quindi non possiamo permetterci di non sfruttare le poche occasioni che probabilmnete avremo in attacco( vedi broncos )

    powell giochera’ ?

    Mi piace

    • Felicissimo che l’articolo sia apprezzato!

      Fitzpatrick è un “ragioniere”, non è un elite QB ma non sbaglia molto, e in più ha la capacità di correre e il coraggio se vede spazi. Quindi se i LB non stanno attenti (ci vuole uno in spy sul QB) ci può punire con le sue gambe o comunque prolungare drive all’apparenza senza speranza…
      Ottima video-analisi del nostro mitico Lincoln Kennedy sull’argomento.

      Powell nostro o loro?
      Walter Powell, il nostro, secondo me sarà di nuovo inattivo e continueremo con Taiwan Jones KR e TJ Carrie PR, non possiamo permetterci di occupare un posto tra i 46 attivi a meno che non abbia dimostrato in allenamento di essere davvero esplosivo nei ritorni
      Bilal Powell, il loro, è out, recuperano però dalla PUP Stevan Ridley

      Mi piace

  2. fitz ha lanciato 7 int su 210 att (3.33%) ed ha un rating di 86.1
    carr 3 int su 193 att (1.5%) -rating 101.0

    per me il qb dei jets è il (relativo) punto debole della squadra…dobbiamo metterlo sotto pressione..

    Mi piace

  3. Ho fatto una veloce ricerca tra i dati di PFF a cui ho accesso senza possedere l’account a pagamento. La linea d’attacco dei Jets non ha uomini nei top 32 a parte il C Nick Mangold (che non si sa se giocherà), eppure Fitzpatrick ha subito solo 4 sack

    TOP 32 di PFF per C, G, T

    Mi piace

  4. mi fa’ piacere che invece i nostri ci siano…
    io spero che parte del successo dei jets fino ad ora sia dovuto ad un calendario (patriots a parte) piuttosto favorevole…
    se avessi tempo ( purtroppo non ce l’ho) mi andrei a vedere la loro sconfitta con gli eagles per capire cosa hanno fatto le aquile per batterli.
    tu l’hai vista quella partita?

    Mi piace

      • Mi sono andato a vedere la partita condensata… devo dire che, per quanto non perfetto, Fitzpatrick non mi è dispiaciuto per nulla. La colpa della sconfitta non è sua…
        Erano senza Ivory e senza Decker.
        Si, qualche passaggio impreciso, ma soprattutto molti drop costosi dei suoi compagni!
        Bel TD su ritorno di punt di Sproles, cappellata di Marshall con quel fumble sul lateral inspiegabile dopo una ricezione…
        Inseguire 24-0 ti costringe a passare più di quanto vorresti eppure Fitz ha mosso palla bene.
        3 INT è vero, però solo sul primo ha responsabilità… un po’ corto il lancio anche se molto bella la difesa del DB Rowe
        Sul secondo palla deviata dalla linea… sul terzo drop incredibile di Marshall…

        Ma si, intanto noi mettiamogli pressione, poi tutto può succedere… l’importante come ho detto è non andare in “over pressure” altrimenti quello corre!

        Mi piace

  5. tutto il tempo a studiarlo e poi ha fatto 3 azioni…:-)
    ho finito di vederla ora…
    son troppo contento…primi 2 quarti da favola…solita sofferenza nel finale…
    siamo virtualmente ai play off !
    non so se ci andremo,ma almeno siamo finalmente una squadra

    Mi piace

    • Partitone!
      Mi fa rabbia come è stato gestito il finale dopo il dominio nei tre quarti precedenti ma mi sento di perdonare la squadra 🙂
      Vedremo questi Steelers senza Bell… l’importante è non rilassarsi e non credere di essere “arrivati”.

      Mi piace

      • si..l’attacco si è spento…non so perchè…basterebbe cercare di trovare il modo di far passare il tempo o di fare un paio di FG ( a proposito,son preoccupato per janikowski..ne ha gia’ sbagliati 3 quest’anno)
        con gli steelers è una partita che vale triplo…
        i broncos han vinto un’altra volta…non ci credo!

        Mi piace

      • Nei minuti finali mi ha fatto schifo il playcalling… come si fa a continuare a lanciare? Mi sarebbero stati bene three-and-out… ma facendo scorrere il cronometro!!! Invece si facevano 3 giochi e si andava al punt avendo consumato solo una manciata di secondi… boh…

        Per Seabass non mi preoccuperei. Era un FG da 52… non facile… ne ha messo dentro poi un altro.

        Con gli Steelers vale triplo davvero, mamma mia!!

        Mi piace

  6. Pingback: Packers at Raiders preview | Raiders Italia

  7. Pingback: Raiders 2015 – Una stagione tra alti e bassi | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...