Raiders at Bears preview

I Raiders vanno a Chicago con una ritrovata fiducia in sé stessi. Per la prima volta dal 2011 hanno un record positivo e per la prima volta da secoli partono favoriti. Contro i derelitti Bears la squadra di Jack Del Rio ha la possibilità di portarsi sul 3-1, ma dovrà stare molto attenta a non sottovalutare gli orsi feriti.

season_matchups_2015_w04_Raiders-Bears

Come bene sanno coloro che seguono i Silver & Black con attenzione, le prestazioni offerte nelle due vittorie contro Ravens e Browns sono state tutt’altro che perfette. La difesa ancora concede troppi big play e l’attacco in troppe occasioni non ha sfruttato delle ottime occasioni per chiudere la partita. La vittoria è sempre positiva, ma la fortuna non sarà sempre dalla parte dei Raiders, quindi bisogna evitare di mettere gli avversari in condizioni di recuperare e riaprire partite già chiuse

2015_w04_Raiders-Bears_infograficaChicago è già in “desperate mode“, con tanti giocatori infortunati e tanti che non si adattano ai nuovi schemi di gioco voluti dal coaching staff di John Fox. La rivoluzione è già iniziata nella Windy City e alcuni giocatori sono stati già “scaricati” questa settimana (Jared Allen, Jonathan Bostic, Brock Vereen) altri sono sotto stretta osservazione (Shea McClellin, Kyle Fuller) come ha scritto nel suo pezzo il nostro ospite Arturo Alto.

Tra i giocatori da tenere d’occhio c’è di sicuro Matt Forte, ottimo sia come portatore di palla (con le sue 276 yard su corsa è secondo nella NFL dietro ad Adrian Peterson) che come ricevitore dal backfield. La difesa dei Raiders sta concedendo meno di 100 yard a partita ai RB avversari, ma come total defense è ultima nella NFL con una media di 414.7 yard concesse a partita. Altri giocatori da tenere d’occhio? Sul sito ufficiale dei Bears segnalano Sam Acho (che deve sostituire Jared Allen), Martellus Bennett (che vorrà sicuramente fare bene contro una difesa che sembra incapace di fermare i TE avversari) e Kyle Fuller (come già detto sotto stretta osservazione e incaricato di marcare Amari Cooper).

INFORTUNI

Khalil Mack ha fatto la sua comparsa nell’injury report per un problemino all’anca che lo ha limitato, ma la sua presenza non è in dubbio per domenica. I Bears dovranno affrontare la temibilissima coppia di pass rusher formata da Mack e Aldon Smith senza poter contare sul LT titolare Jermon Bushrod, OUT per via di un infortunio alla spalla e ai sintomi della commozione cerebrale subita.

Raiders_injury_report_2015_week04_Bears

Al posto di Bushrod partirà molto probabilmente titolare Charles Leno Jr., alla sua seconda prtita da titolare in due anni di NFL.

Anche Jeffery quasi certamente non sarà della partita per via dell’infortunio al bicipite femorale. Jay Cutler ha fatto un allenamento ridotto per tutta la settimana; è in forte dubbio e probabilmente forzare il rientro non è la cosa più saggia da fare considerando che con un record di 0-3 difficilmente i Bears potranno puntare ai playoff. Visto che è in dubbio anche il punter Pat O’Donnell, il coaching staff è corso ai ripari facendo un tryout a due punter (Steve Weatherford e Spencer Lanning) e al long snapper Patrick Scales.

Raiders_injury_report_2015_week04

Ai Raiders mancheranno di sicuro il backup CB Keith McGill, il DE Benson Mayowa e il DL CJ Wilson. Per fortuna l’assenza di Wilson sarà più che compensata dal rientro del DT titolare Justin Ellis.

Justin Tuck e Charles Woodson sono stati tenuti a riposo mercoledì ed hanno fatto un allenamento ridotto giovedì. Tuck venerdì ha fatto l’allenamento completo mentre per Woodson, ancora dolorante per l’infortunio alla spalla, il coaching staff ha deciso di usare tutte le dovute cautele. Entrambi i veterani, a meno di sorprese, saranno in campo con i titolari.

TRAGUARDI

Con la partita di domenica il K Sebastian Janikowski raggiungerà l’Hall of Famer Tim Brown in vetta alla classifica di presenze in Silver & Black. Sarà la partita numero 240 per il polacco, scelto 17° assoluto nel primo round del Draft 2000. Janikowski sta giocando la sua 16a stagione ad Oakland ed è il leading scorer assoluto della squadra con i suoi 1597 punti.

INCROCI (GLI EX)

John Fox, l’head coach di Chicago, oltre ad aver lavorato con Del Rio ai Broncos fino allo scorso anno, è anche stato il defensive coordinator dei Los Angeles/Oakland Raiders nel 1994 e 1995.

L’OL coach dei Raiders Mike Tice e il suo assistente Tim Holt hanno lavorato insieme anche a Chicago. Tice è stato OL coach dei Bears nel 2010 e 2011 ed è stato promosso offensive coordinator nel 2012. Il suo posto come OL coach fu occupato proprio da Holt.

Il RG nero-argento J’Marcus Webb è stato lo starting LT dei Bears nel 2011 e 2012 dopo aver giocato RT titolare in 12 delle 14 partite in cui è sceso in campo nel suo anno da rookie. Webb è stato scelto al settimo round del Draft 2010 dai Bears.

Nelle fila dei Bears militano due ex Raiders, il LB Lamarr Houston (2010-13) e il CB Tracy Porter (2013).

Non è un ex, ma è comunque il caso di nominarlo. Il RT dei Bears Kyle Long è il figlio della leggenda dei Raiders e Hall of Famer Howie Long. Kyle ha tifato per il padre ovviamente, ma non è mai stato un tifoso dei Raiders; a suo dire non si è interessato al football fino a quando non è andato al liceo e quindi il suo primo amore sono stati i Rams, la squadra per cui gioca il fratello Chris.

[W]hile his kid brother grew up a Raiders fanatic, Kyle did not.

Despite having Raiders mementos around the house — from helmets to artwork — Kyle said the boys were given a “freedom to choose.” A baseball prospect, Kyle didn’t like football until high school. The first team he loved was the Rams, who took Chris No. 2 overall in 2008.

“Silver and black is something that’s been part of my upbringing,” Kyle said. “And I’m very proud of the things that my dad did with that organization.”

Per altri incroci e curiosità potete come al solito rifarvi all’articolo pubblicato sul sito ufficiale dei Raiders.

ALL-TIME RECORD E UN PO’ DI STORIA

I Raiders guidano la serie contro i Bears per 7-6. L’ultima sfida risale al 2011 ed è anche l’ultima occasione in cui i Silver & Black hanno vinto 3 partite di seguito. Raiders e Bears non si sono mai trovate l’una contro l’altra in post-season (sarebbe potuto capitare solo in un Super Bowl visto che giocano in Conference diverse).

Le due squadre si sono affrontate per la prima volta nel 1972 ad Oakland, e la squadra di casa ha vinto 28-21.

Il video che presentiamo questa settimana è il riassunto della partita giocata a Chicago il 4 novembre 1984. Una partita durissima, vinta dai Bears 17 a 6 grazie ad una prestazione difensiva eccezionale. Fu una partita dominata dalle due difese, con tanti sack (9 per i Bears, 1 per i Raiders), tante palle perse (4 fumble forzati di cui 2 recuperati dai Bears, 2 fumble forzati dai Raiders), tanti intercetti (3 dei Bears e 1 dei Raiders) e tanti infortuni. Il QB titolare dei Raiders Marc Wilson subì due infortuni nel corso della partita e fu costretto a rientrare in campo perchè anche il suo backup David Humm si infortunò. Sull’altro fronte, anche Jim McMahon fu costretto a lascare il campo per infortunio. Per un attimo i Raiders valutarono anche la possibilità di far entrare il punter Ray Guy, che era il QB d’emergenza, a guidare l’attacco; Guy non era certamente entusiasta dell’idea di vedersi arrivare contro la difesa migliore della NFL e fu decisamente sollevato quando Wilson ritornò in campo pur con una mano malconcia.

Se volete vedere l’intera partita la trovate qui.

LETTURE CONSIGLIATE

Visto che vi ho proposto il filmato della partita del 1984 non posso che suggerirvi caldamente di leggere questo articolo che ricorda quella sfida:

Un altro articolo da non perdere è il ritratto di Mark Davis fatto da ESPN.

E come al solito ripercorriamo l’ultima partita giocata con la sempre ottima analisi tecnica di Evan Ball, che ha studiato i filmati di Raiders-Browns. Austin Howard sta migliorando, e con Mack in grande spolvero anche i compagni della difesa diventano più produttivi.

Annunci

2 thoughts on “Raiders at Bears preview

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...