Cardinals at Raiders preview

Venerdì si è tenuto l’ultimo allenamento della settimana al rinnovato centro sportivo di Alameda, e per molti giocatori si è trattato dell’ultimo allenamento in Silver & Black.

Domenica notte, in diretta TV nazionale, i Raiders affronteranno gli Arizona Cardinals al Coliseum e poi i coach avranno due giorni per decidere quali giocatori tagliare per portare il roster da 90 a 75 giocatori.

season_matchups_2015_PRE3_Cardinals-Raiders

TRANSAZIONI

Il coaching staff si è portato avanti con il lavoro tagliando l’offensive lineman Quinterrius Eatmon e il safety Jonathan Dowling.

L’undrafted rookie non aveva già in partenza grandi speranze di conquistare un posto in squadra per la regular season e stava lottando per convincere Mike Tice a concedergli una chance nella practice squad, ma un training camp assolutamente anonimo nel quale è rimasto nel fondo della depth chart non ha aiutato.

Per quanto riguarda Dowling, la notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Il ragazzo da Western Kentucky stava facendo bene e nella partita contro i Vikings aveva anche intercettato un passaggio di Shaun Hill. Sembrava addirittura che Dowling avesse sorpassato Brandian Ross nella depth chart. I Raiders hanno recentemente messo sotto contratto Taylor Mays, ma la storia NFL del neo-acquisto non giustifica la rinuncia a un giovane promettente. Vedremo se nei prossimi giorni si saprà di più sui veri motivi di questo taglio, intanto ci accontentiamo di indiscrezioni che evidenziano problemi caratteriali.

Vic Tafur del SF Chronicle è infatti subito andato a interrogare le sue fonti ed ha saputo che da qualche giorno i Silver & Black stavano cercando di trovare una squadra interessata ad un trade, ma alla fine non si è concretizzato nulla.

E’ un peccato che dei problemi comportamentali, se confermati, abbiano portato a liberarsi di un giocatore grezzo, immaturo, ma anche di talento.

Il LB Chase Williams, tagliato con l’etichetta “waived/injured” per fare posto a Mays, è stato inserito nella IR.

INFORTUNI

La situazione infortuni rimane immutata. Anche venerdì gli assenti sono stati i soliti Clive Walford, Jamize Olawale e Justin Tuck.

Walford sembrerebbe essere in via di recupero se stiamo interpretando correttamente il suo tweet:

Difficile dire cosa stia tenendo fuori dal campo Justin Tuck; il DE si sta allenando in palestra.

INCROCI (GLI EX)

Ad Oakland ci sono due ex Cardinals, e sono entrambi nella linea difensiva. Ricky Lumpkin ha passato parte del 2011 e 2012 nella practice squad della squadra dell’Arizona, con una comparsata nel 53-men roster alla fine del 2012, ed è stato tagliato prima dell’inizio della stagione regolare 2013 finendo poi ad Oakland. Dan Williams ha giocato cinque stagioni (2010-2014) in Arizona prima di firmare come free agent con i Raiders a marzo 2015.

I Cardinals hanno invece molti ex Raiders nel loro roster, ad incominciare dal QB Carson Palmer e dal T Jared Veldheer. Oltre ai due pezzi grossi ci sono anche il LB/DE Matt Shaughnessy e il vecchio LaMarr Woodley, delusione della free agency 2014 di Reggie McKenzie.

A proposito di Reggie McKenzie, anche il GM ha un passato nei Cardinals. Nel 1989 firmò un contratto triennale da free agent passando dai Silver & Black alla squadra di Phoenix, ma non ha mai giocato una partita ufficiale in maglia rossa. Un doppio infortunio al ginocchio sinistro costrinse il LB a saltare tutta la stagione, e il suo ritorno in campo avvenne solamente nel 1992 con i 49ers.

L’attuale WR coach dei Raiders Rob Moore ha passato gli ultimi 7 anni della sua carriera di ricevitore nella NFL con i Cardinals (1995-2001).

Infine, due degli attuali coach dei Cardinals hanno un passato da allenatori ad Oakland: il LB coach Bob Sanders ha allenato i LB nero-argento nel 2013 e 2014 e il CB coach Kevin Ross ha allenato i DB dei Raiders nel 2010 e 2011.

Annunci

3 thoughts on “Cardinals at Raiders preview

  1. perchè palmer quando è stato con noi ha giocato cosi’ cosi’ ed invece nei cardinals sta facendo bene?
    era colpa sua o del resto della squadra?
    certo che col senno di poi averlo lasciato andare per pryor..

    Mi piace

    • Nel 2011 era in “pensione” ed è stato buttato per necessità subito in campo (dopo l’infortunio di Jason Campbell il backup era Kyle Boller…), doveva imparare gli schemi, riprendere il ritmo… nel 2012 non ha giocato per niente male. Lanciare per oltre 4000 yard e 22 TD con ricevitori come Darrius Heyward-Bey non è da tutti…
      Per quanto fossi curioso di vedere cosa aveva da offrire Pryor speravo che Palmer restasse… anche perché con quello che avevamo speso per averlo dai Bengals ci sarebbe voluta “qualche altra” stagione per ammortizzare la spesa…
      McKenzie non aveva però nessuna intenzione di tenerlo con quel contratto e Palmer (giustamente) non aveva nessuna intenzione di ristrutturarlo per il secondo anno di fila per aiutare Oakland a recuperare spazio sotto il salary cap…
      La cosa peggiore è che, dato via Palmer per un tozzo di pane, McKenzie buttò una scelta al quinto round per acquisire Matt Flynn.. d’oh!

      Ma non pensiamoci più… speriamo che la questione QB sia chiusa per molti anni e che Derek Carr faccia vedere i progressi necessari per essere il QB stabile che cerchiamo da troppo tempo

      Mi piace

  2. Pingback: 75-men roster, indiscrezioni (in continuo aggiornamento) | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...