Raiders at Vikings preview

I Raiders sono volati in Minnesota per affrontare i Vikings nella seconda partita di preseason. Dopo aver concluso il training camp a Napa, i Silver & Black sono pronti a dimostrare che la buona prestazione contro i Rams non è stata un caso.

season_matchups_2015_PRE2_Raiders-Vikings

PREVISIONI METEO

Ci si aspetta pioggia e sono possibili temporali, tant’è che nell’ultimo allenamento i Raiders hanno fatto pratica con palle bagnate, tanto per essere preparati ad affrontare le condizioni meteo avverse.

INCROCI (GLI EX)

Parlando di pioggia, Christian Ponder si aspetta una pioggia di fischi dai suoi ex tifosi. Scelto nel primo round del Draft 2011 come QB del futuro, Ponder ha deluso nella sua carriera da professionista. Il suo anno migliore è stato il 2012 quando l’attuale OC dei Raiders Bill Musgrave ricopriva lo stesso ruolo in Minnesota (2011-2013).

Ponder e Musgrave non sono gli unici ex di questa partita.

L’HC Jack Del Rio ha giocato LB nei Vikings dal 1992 al 1995, conquistandosi anche la sua unica chiamata al Pro Bowl, l’OL coach Mike Tice ha giocato TE nel 1992, 1993 e 1995 ed è stato l’HC dei Vikings dal 2002 al 2005 dopo aver ricoperto il ruolo di TE coach nel 1996 e OL coach dal 1997 al 2001. Anche l’attuale defensive assistant Sam Anno ha un passato da giocatore in Minnesota, avendo giocato LB nel 1987 e 1988 in maglia viola. Il QB coach Todd Downing, infine, è stato impiegato nello staff dei Vikings con diversi ruoli dal 2001 al 2005.

Oltre a Ponder anche un altro attuale giocatore dei Silver & Black ha un passato in purple: il favorito per il posto di RG J’Marcus Webb ha giocato con i Vikings nel 2013 e in una partita nel 2014.

Sull’altra sponda, l’OC dei Vikings Norv Turner è stato HC dei Raiders nel 2004 e 2005 e il CB DeMarcus Van Dyke ha fatto il suo debutto nella NFL con i Raiders che lo avevano scelto nel terzo round del Draft 2011.

AMERICAN FOOTBALL LEAGUE

Forse non tutti lo sanno, ma i fan dei Raiders devono ringraziare i Vikings se oggi possono tifare per una delle squadre più famose della NFL.

Alla fine degli anni ’50 il petroliere Lamar Hunt aveva tentato invano di convincere la NFL ad espandere il numero di squadre in modo da poter guidare una nuova franchigia nella lega professionistica. Stufo di sentirsi dire di no, Hunt aveva convinto altri ricchi appassionati di football a fondare una lega concorrente, la American Football League (AFL).

Nel 1959 era tutto pronto per dare l’avvio alla pazza avventura di contrastare la NFL ed erano state fondate 8 squadre che avrebbero esordito nella nuova lega nel 1960: i Dallas Texans di Hunt, gli Houston Oilers di Bud Adams, i Buffalo Bills di Ralph Wilson, i Los Angeles Chargers di Barron Hilton, i Boston Patriots di Billy Sullivan, i Denver Broncos dalla famiglia Howsam, i New York Titans di Harry Wismer ed infine una franchigia di Minneapolis affidata ad una cordata capitanata da Max Winter.

Le squadre della AFL avevano già tenuto il loro primo Draft per selezionare i giocatori del college che avrebbero lottato per entrare a far parte del primo roster ufficiale della storia della nuova lega. La NFL ovviamente non vedeva di buon occhio la nascita della lega concorrente e stava tentando in tutti i modi di farla fallire sul nascere.

Tra i più attivi sabotatori della AFL c’era l’head coach e presidente dei Bears George Halas. Lavorando sottobanco, Halas alla fine riuscì a convincere la cordata di Minneapolis a ritirarsi e ad abbandonare i soci fondatori della American Football League, con la promessa che avrebbe ricevuto il consenso dei proprietari NFL di giudare una nuova squadra che avrebbe fatto l’ingresso nella vecchia e affermata lega a partire dal 1961.

Il giornalista dello Star Tribune Sid Hartman ricorda in un articolo uscito venerdì il suo ruolo nel “complotto” per far affondare prima del varo la AFL.

Colti di sorpresa dal ritiro della cordata di Minneapolis, i proprietari delle altre sette squadre iniziarono una frenetica ricerca di un nuovo gruppo di imprenditori in grado di mettere su una nuova squadra in tempi brevi. Ci furono diverse candidature e a lungo tra i proprietari ci fu indecisione tra Atlanta e Oakland.

Barron Hilton, come detto proprietario della squadra di Los Angeles, si impuntò e pretese che venisse assegnata la squadra alla città di Oakland, in modo da creare una rivalità regionale i California e il 30 gennaio 1960 finalmente fu ufficializzata l’assegnazione dell’ottava squadra AFL alla cordata di Oakland guidata da Robert Osborne, Wayne Valley e Chet Soda.

Raiders_owners

Così sono nati gli Oakland Raiders.

Annunci

One thought on “Raiders at Vikings preview

  1. Pingback: Vikings at Raiders preview | Raiders Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...