Raiders Training Camp 2015 – Day 3 – Il riscaldamento è finito

Terzo giorno di training camp per i Silver & Black, e dopo due sessioni con le protezioni leggere è finalmente arrivato il momento di indossare l’equipaggiamento completo.

Nonostante l’utilizzo delle protezioni non è stata certamente una giornata particolarmente violenta (le squadre NFL non vogliono rischiare inutili infortuni quindi limitano il più possibile i placcaggi e i colpi violenti in allenamento). Si è però potuto finalmente iniziare a lavorare un po’ più seriamente sui blocchi e quindi anche sul pass rush.

Se nelle prime due giornate era stata la difesa ad avere la meglio, in questa prima padded practice chi ha avuto la meglio, anche se di misura, è stato l’attacco.

2015-08-01_Raiders_training_camp_day3

Michael Crabtree con la ricezione del giorno in chiusura di allenamento (Foto: Tony Gonzales/Raiders.com)

Non c’è dubbio che rispetto all’anno scorso Derek Carr abbia un reparto ricevitori molto più affidabile con l’acquisizione di Michael Crabtree in free agency e Amari Cooper nel Draft.

Cooper sta facendo bene ma ancora non ha lasciato il pubblico a bocca aperta, Crabtree invece sta stupendo ogni giorno di più con la sua capacità di fare ricezioni spettacolari e per le sue mani sicure.

L’ex dei 49ers deve rilanciare la sua carriera dopo due stagioni sfortunate e sotto tono dall’altra parte della baia, ed è sicuramente partito con il piede giusto.

INFORTUNI

Brice Butler è tornato ad allenarsi dopo aver saltato un giorno per un leggero e non meglio precisato infortunio. Si è fermato invece il rookie CB Dexter McDonald.

Per quanto riguarda gli altri assenti ci sono buone notizie per il TE Clive Walford e per il DT Stacy McGee; i due si sono allenati a parte e quindi probabilmente sono prossimi al rientro.

Nessuna novità invece per Trindon Holliday (Active/PUP) e per Rod Streater e Trent Richardson, che hanno invece iniziato il training camp nella Non-Football Illness list.

A fine allenamento Del Rio ancora una volta si è rifiutato di entrare nello specifico, limitandosi a dire che entrambi i giocatori sono presenti a Napa.

Per quanto riguarda Richardson, Del Rio ha aggiunto che il RB ha perso peso come richiesto dalla squadra e che ora si trova poco sopra le 220 libbre, all’incirca il peso che aveva quando faceva faville al college ad Alabama. Richardson era stato tagliato alla fine della scorsa stagione dai Colts per le sue prestazioni mediocri ma soprattutto per la sua incapacità di mantenere il peso forma.

MICHAEL DYER ALLA RISCOSSA

Con Trent Richardson ancora ai box, l’undrafted rookie Michael Dyer sta sfruttando ogni occasione per mostrare le sue capacità al coaching staff.

Il RB si è guadagnato il plauso del pubblico e le critiche positive dei giornalisti presenti in questi primi tre giorni di allenamenti. Anche l’head coach Jack Del Rio non ha potuto fare a meno di elogiarlo durante il suo incontro con i cronisti a fine allenamento.

Del Rio ha notato un continuo miglioramento di Dyer da quando è arrivato dopo il Draft ad oggi ed ha sottolineato che il RB è sempre più sicuro di sé e pronto a contribuire sia in attacco che negli special teams.

“I think Michael has done a nice job developing from what we saw in the spring to where he is now. He’s more comfortable. He’s more accountable, more dependable on special teams units, in the offense, and every now and then he’ll pop through there and show some of that speed that he has. I think he’s off to a nice start.”

L’emergere di Dyer è un ulteriore segnale che il posto in squadra per Trent Richardson è tutto tranne che sicuro. Prima del training camp Vic Tafur aveva riferito di voci interne alla squadra che riportavano l’insoddisfazione del coaching staff per le prestazioni di Richardson durante il minicamp e gli OTAs.

E’ arrivata ieri anche l’indiscrezione del sempre ben informato Ian Rapoport, il quale ha riferito che secondo le sue fonti le probabilità che Richardson conquisti un posto nel 53-men roster sono piuttosto basse visto che Latavius Murray sembra essere il RB titolare, Roy Helu Jr. è il jolly capace di ottime prove anche come ricevitore dal backfield e viste le prestazioni di Dyer in questo inizio di camp.

E’ ancora presto però per sventolare bandiera bianca, Richardson avrà l’opportunità di far ricredere tutti almeno fino a inizio settembre.

BRICE BUTLER

Brice Butler quest’anno ha molta più concorrenza e dovrà sudare molto per trovare spazio nel roster della regular season.

Come detto il WR è stato fermo per un allenamento ma è tornato per fortuna subito in campo, regalando anche questa splendida ricezione:

[embed type=”simple”]https://vine.co/v/eH1jbZHEveV[/embed]

Butler ha talento come si può vedere, deve solo dimostrare maggiore continuità.

SUL MERCATO

I Seattle Seahawks hanno tagliato per questioni economiche il lineman difensivo Tony McDaniel, DT capace di giocare DE in una difesa 3-4.

McDaniel ha 30 anni, ma potrebbe comunque essere utile in rotazione con Dan Williams e Justin Ellis vista la sua esperienza come titolare in una delle migliori difese della NFL (negli ultimi due anni 29 partite da titolare su 32 giocate).

L’interessamento dei Raiders per il DT è per ora solo una fantasia dei media, dettata dal fatto che i Silver & Black hanno la possibilità economica per pagare l’ingaggio e anche per le connessioni con l’attuale coaching staff nero-argento (McDaniel ha iniziato la sua carriera NFL a Jacksonville con Del Rio ed ha giocato le scorse due stagioni a Seattle, dove l’attuale DC Ken Norton Jr. ricopriva il ruolo di allenatore dei LB).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...