Raiders Training Camp 2015 – Il roster – ATTACCO

Il countdown sta velocemente arrivando allo zero: il training camp 2015 è alle porte. Oggi è il giorno dell’arrivo dei rookie e di qualche selezionato veterano e dal 31 luglio si inizierà a fare sul serio.

90 giocatori si giocheranno le loro chance per occupare i 53 posti nell’active roster e i 10 nella practice squad. E’ quindi ora di vedere chi sono i giocatori che si accingono a sputare sangue per conquistare una maglia per il 2015 e quali sono le battaglie interne più interessanti.

Buffalo Bills v Oakland Raiders

Derek Carr consegna la palla nelle mani di Latavius Murray durante la partita contro i Bills del 21 dicembre 2014 (Foto di Ezra Shaw/Getty Images)

IL ROSTER – ATTACCO

QB (4): Derek Carr, Christian Ponder, Matt McGloin, Cody Fajardo

Per la prima volta dal 2012 i Raiders partono con la consapevolezza di avere un QB titolare indiscusso: Derek Carr.

Dopo la partenza di Carson Palmer e qli esperimenti falliti del 2013 (Matt Flynn) e 2014 (Matt Schaub) finalmente la posizione più importante gode di un po’ di stabilità. Carr deve migliorare ancora molto, ma sono in tanti a livello nazionale a credere che il giovane Derek abbia le carte in regola per avere successo nella NFL.

Dietro l’intoccabile Carr il posto da backup sembra saldo nelle mani di Christian Ponder, che ha 36 partite da titolare nel suo curriculum da professionista e familiarità con l’Offensive Coordinator Bill Musgrave.

Matt McGloin e Cody Fajardo (undrafted free agent da Nevada) si contenderanno l’ultimo posto in squadra, sempre che i Silver & Black non decidano di iniziare la stagione con due soli QB nel roster. Il perenne underdog McGloin è probabilmente stufo di fare il terzo QB nella depth chart e sicuramente spera che qualche squadra offra un trade a McKenzie per assicurarsi i suoi servigi. Se arriverà la giusta offerta e Fajardo si dimostrerà valido durante il training camp è probabile che il GM lascerà libero McGloin di cercare fortuna altrove, altrimenti l’ex QB di Penn State terrà in mano una cartelletta a bordo campo per un’altra stagione.

RB (6): Latavius Murray, Trent Richardson, Roy Helu Jr., Michael Dyer, George Atkinson III, Taiwan Jones

Dopo le buone cose fatte vedere alla fine della scorsa stagione Latavius Murray avrà la possibilità di conquistare il posto da titolare per il 2015. Lo sfortunato RB da Central Florida ha passato la stagione 2013 nella Injured Reserve list per un infortunio al piede e nel 2014 ha faticato a convincere il coaching staff che meritava una chance. Alla fine l’interim HC Tony Sparano si è dovuto arrendere all’evidenza e ha rimpiazzato i deludenti McFadden e Jones-Drew con Murray, che è stato capace di accendere la scintilla in più di una occasione.

Almeno sulla carta il backup di Murray è Trent Richardson, ex stella di Alabama selezionato dai Brown nel primo round del Draft 2012 e ormai alla sua terza squadra in tre anni. I Browns hanno gettato presto la spugna con Richardson, ma per lo meno hanno ottenuto dai Colts una prima scelta nel Draft in cambio. La squadra di Indianapolis invece ha tagliato il giocatore dopo meno di 2 stagioni uscendo, come si dice, “cornuta e mazziata” da questa transazione. Questa è l’ultima occasione per Richardson di dimostrare di meritare un posto in una squadra NFL e, per una volta, partirà senza addosso la pressione di essere la presunta stella della squadra.

Il terzo incomodo è un giocatore molto interessante, Roy Helu Jr., recente acquisizione in free agency da Washington. Utilizzato solitamente come third-down back dai Redskins per le sue doti di ricevitore partente dal backfield, ha l’occasione per ritagliarsi un ruolo molto interessante nell’attacco costruito da Musgrave, che dovrebbe in teoria coinvolgere molto i RB come ricevitori.

Alle spalle dei tre su menzionati troviamo dei giocatori grezzi che hanno poche possibilità di trovarsi in squadra alla prima stagionale. Taiwan Jones, ritornato nell’elenco dei RB dopo essere stato sperimentato come CB da Dennis Allen, è un ottimo giocatore da special team e se sarà in squadra arrivata la stagione regolare sarà solamente per le sue doti di gunner nella formazione di copertura sui punt. George Atkinson dovrebbe fare faville in preseason come ritornatore per poter ambire ad un posto in squadra dopo i pasticci combinati nel 2014 (quando ha dimostrato di avere difficoltà a mantenere il controllo della palla); il fatto che sia il figlio di una leggenda dei Silver & Black non gli sarà di nessun aiuto quest’anno. Michael Dyer infine è un esperimento dopo una carriere al college che definire travagliata è dire poco.

FB (2): Marcel Reece, Jamize Olawale

Il beniamino del pubblico Marcel Reece, come ex ricevitore al college, potrà trovare sicuramente una posizione in un attacco che non sembra avere spazio per i full back tradizionali. I giorni di Olawale in nero-argento sembrano invece contati visto che il suo ruolo in squadra sarebbe ridottissimo.

WR (12): Amari Cooper, Michael Crabtree, Rod Streater, Andre Holmes, Brice Butler, Kenbrell Thompkins, Josh Harper, Seth Roberts, Trindon Holliday, Kris Durham, Austin Willis, Milton Williams

Rispetto allo scorso anno la posizione di ricevitore si è decisamente rinforzata. Tagliato il bersaglio preferito di Carr, il “vecchio” ma affidabile James Jones, McKenzie ha portato in squadra due pedine decisamente interessanti. Selezionato con la quarta scelta assoluta nel draft di quest’anno, Amari Cooper è considerato il miglior rookie WR e molti prevedono un impatto immediato nella NFL. Sicuramente la star di Alabama ha una capacità incredibile di correre delle tracce pulitissime e di farsi trovare libero da marcatura e sarà certamente un’arma importante abbinata al braccio di Derek Carr. Michael Crabtree è arrivato con un contratto di un anno per dimostrare di essere ancora un top player dopo l’ultima deludente stagione dall’altra parte della baia. Probabilmente un ricevitore di possesso a questo punto della carriera, potrebbe formare una bella coppia con Cooper. I tifosi dei Raiders non lo amano particolarmente, quindi dovrà dare spettacolo sul campo per conquistarsi i favori della Black Hole.

Rod Streater è invece uno dei favoriti della Raider Nation. Un combattente che si è conquistato il suo ruolo con le unghie e con i denti dopo essere stato ignorato nel Draft 2012, è di nuovo al 100% dopo una sfortunata stagione 2014 durante la quale si è rotto un piede dopo sole tre partite. Darà il suo buon contributo anche quest’anno.

Andre Holmes alterna prestazioni super a partite ricche di drop, per Brice Butler è forse l’ultima occasione di ritagliarsi un suo spazio e anche Kenbrell Thompkins dovrà dimostrare di essere più continuo.

Alle spalle di questi tre ma staccato solo di mezza lunghezza si piazza l’undrafted free agent Josh Harper, compagno di squadra al college di Derek Carr a Fresno State.

Il restante gruppo di WR è composto da giocatori da training camp o personale da practice squad. L’unica eccezione è Trindon Holliday, chiamato a sostituire l’infortunato rookie Andre Debose come ritornatore. Dovrà dare una forte scossa allo special team guidato da coach Seely per avere anche la minima possibilità di trovarsi a settembre nel roster.

TE (5): Mychal Rivera, Clive Walford, Lee Smith, Brian Leonhardt, Gabe Holmes

Mychal Rivera ha fatto vedere buone cose nei suoi due anni ad Oakland, ma questo è l’anno in cui deve fare il salto di qualità se vorrà mantenere il posto da titolare. Il rookie da Miami Clive Walford si è dimostrato fenomenale durante il minicamp e gli OTAs dopo essere stato scelto al terzo giro del Draft 2015.

Lee Smith è il classico blocking TE, uno dei migliori della NFL a quanto dicono gli esperti, e darà sicuramente il suo contributo per resuscitare il gioco di corsa dei Raiders.

Difficile che Leonhardt e Holmes possano ambire ad un posto nel 53-men roster di quest’anno, a meno che qualche infortunio non apra loro una strada alternativa.

OL (15): Rodney Hudson, Donald Penn, Austin Howard, Menelik Watson, Gabe Jackson, Khalif Barnes, Jon Feliciano, J’Marcus Webb, Anthony Morris, Dan Kistler, Tony Bergstrom, Lamar Mady, Matt McCants, Quinterrius Eatmon, Mitch Bell

Sicuramente una cosa che hanno in comune molti linemen dei Raiders è la duttilità. Molti giocatori attualmente nel roster hanno esperienza infatti, almeno a livello di college, in molte posizioni della linea.

Il nuovo centro è Rodney Hudson, uno dei migliori centri della NFL. McKenzie lo ha coperto d’oro in free agency per assicurarsi i suoi servigi, ma è stata la mossa giusta da fare. Hudson è un upgrade rispetto al partente Stefen Wisniewski.

Donald Penn lo scorso anno ha resuscitato la sua carriera e proteggerà ancora una volta il lato cieco di Derek Carr nel suo ruolo di LT; dal lato destro sarà battaglia per il posto da titolare tra Austin Howard e Menelik Watson.

Howard è stato riportato nella sua posizione naturale di RT dopo l’esperimento fallito come RG dello scorso anno. Ha firmato lo scorso anno un contratto di 5 anni per 30 milioni di dollari, quindi deve dimostrare di valere quelle cifre. Warson, talentuoso ma grezzo e sfortunato, avrà un’altra occasione di competere per il posto da titolare.

Come LG, Gabe Jackson lo scorso anno ha già fatto vedere ottime cose e quest’anno sotto la guida di Mike Tice potrebbe puntare a conquistare una chiamata al Pro Bowl.

Per la posizione di RG infine sembra essere una gara a tre con il free agent J’Marcus Webb in leggero vantaggio su Khalif Barnes e sul rookie Jon Feliciano.

L’OL coach Mike Tice dovrà fare un gran lavoro con la linea d’attacco, perché proteggere Carr e soprattutto aprire qualche spiraglio per le corse di Murray e compagni sarà di estrema importanza per le sorti della stagione. Lo scorso anno abbiamo visto tutti come un attacco monodimensionale non faccia paura a nessuno, e infatti i Raiders si sono classificati negli ultimi posti in quasi tutte le categorie offensive.

Raiders_stats_2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...