Jim Harbaugh e i Raiders

La Battle of the Bay, la sfida di domenica tra Raiders e 49ers, è interessante per diversi motivi.

I 49ers escono da una sconfitta pesante per 19-3 contro i Seahawks, rivali di division nella NFC West, e Colin Kaepernick si ritrova al centro di polemiche per le sue prestazioni altalenanti, con critiche che provengono sia da semplici tifosi che da addetti ai lavori.

I Raiders arrivano invece da un umiliante 0-52 contro i Rams, e da una prestazione vergognosa che ha lasciato basiti anche i fan più disillusi. E’ necessario essere competitivi contro i 49ers, non tanto per salvare una stagione da dimenticare, ma almeno per dimostrare di avere un pizzico d’orgoglio.

C’è la rivalità territoriale, molto sentita tra le due città che si affacciano sulla stessa baia; quella rivalità che ha fatto dichiarare ad un normalmente pacato Justin Tuck che sarà “un bagno di sangue“.

E poi c’è Jim Harbaugh… 

Jim_Harbaugh_49ers

Jim Harbaugh l’head coach dei 49ers, il Jim Harbaugh che i media accostano sempre più insistentemente ai Raiders come candidato al ruolo di head coach per la prossima stagione. La situazione è molto più complicata di quanto possa sembrare, ma ne parleremo più avanti.

Harbaugh è diventato allenatore dei 49ers nel 2011, dopo aver riportato l’Università di Stanford ad ottenere successo a livello nazionale. Appena arrivato a San Francisco ha rivoluzionato una squadra che veniva da 8 stagioni mediocri nelle quali soltanto una volta era stato a stento raggiunto il 50% di vittorie, ha messo in piedi un progetto vincente ed ha portato i 49ers ai playoff dopo aver dominato l’NFL West con un record di 13-3. Nei due anni successivi ha guidato la squadra a giocare la finale di conference e nel 2012 è arrivato ad un passo da vincere i Super Bowl contro i Seahawks.

Non c’è dubbio alcuno che Jim Harbaugh sia un vincente; sarebbe certamente interessante vederlo all’opera per trasformare i Raiders nuovamente in una squadra da playoff, ma come detto è complicato.

Il coach è sotto contratto con i 49ers, e nonostante si facciano sempre più insistenti le voci che suggeriscono che i rapporti con la società siano ormai incrinati e difficile credere che San Francisco “regali” il suo coach ad una rivale NFL. Lo scenario più probabile è che il team metta invece il prezioso allenatore all’asta, cercando il miglior trade possibile, un po’ come aveva fatto Al Davis quando aveva spedito Jon Gruden ai Buccaneers in cambio di un piccolo tesoro composto da scelte nel draft e denaro sonante.

Ed è qui che le cose si complicano. Oakland per ricostruire una squadra vincente ha una grande necessità di giovani talenti e non può permettersi di dare via la probabile prima scelta assoluta del Draft 2015 e eventuali atre scelte per “comprare” Harbaugh.

Con cosa dovrebbe lavorare il nuovo head coach una volta attraversato il ponte sulla baia e preso possesso del suo ufficio nella sede dei Silver & Black se la squadra si è disfatta delle scelte nel Draft per ottenere i suoi servigi? La squadra attuale è carente di giocatori di talento e per quanto Harbaugh sia bravo di certo non è un mago ed ha bisogno dei mezzi per rinforzare il roster, ha bisogno del Draft.

Ma non è tempo per le speculazioni, non resta che attendere l’offseason per vedere cosa succederà e che scelte faranno le due società.

Jim_Harbaugh_RaidersJim Harbaugh e i Raiders non è solo ipotesi per il futuro, è anche ricordi del passato.

E’ stato proprio Al Davis a dare il primo lavoro da allenatore all’ex QB, assumendolo nel 2002 come QB coach, posizione che Harbaugh ha ricoperto per due stagioni prima di accettare il ruolo di capo allenatore alla Università di San Diego.

Il giornalista e insider dei 49ers Cam Inman ha recentemente intervistato il coach, e gli ha domandato del suo passato in nero-argento. Ci sono aneddoti interessanti, alcuni già noti, altri più intimi.

Harbaugh ha ricordato l’impatto che ha avuto Al Davis sulla sua vita, sia da un punto di vista professionale che da un punto di vista personale. Ha raccontato di un provino fatto nei primi anni 90 con i Silver & Black e della chiacchierata di due ore che ebbe con Al Davis in quella occasione. I Raiders optarono per mettere sotto contratto Jeff Hostetler come QB, ma Al Davis disse ad Harbaugh “Sarai un Raider un giorno. Sarai un Raider”. La prima cosa che Davis disse al neoassunto QB coach nel 2002 fu “Te lo avevo detto che saresti stato un Raider”…

A detta di Harbaugh l’esperienza nel coaching staff dei Raiders fu importantissima per la sua carriera, imparò tantissimo osservando Al Davis all’opera. L’attenzione per i dettagli, la conoscenza del football e la saggezza del proprietario dei Raiders lo hanno colpito e segnato profondamente.

Il coach ha poi ricordato un episodio già noto ai più; Davis chiede ad Harbaugh “Come va Jim?” e il coach “Va alla grande, e a lei come va Mr. Davis?”. Al che il vecchio Al sbotta indispettito dal buonumore mostrato dall’interlocutore “Come diavolo vuoi che vada? Abbiamo perso due partite di fila”. Il coach è lesto ad imparare la lezione e, dopo due settimane e altre due sconfitte, alla domanda “Come va Jim?” risponde con un più adeguato “Lottiamo per le nostre vite Mr. Davis”, sentendosi rispondere un più pacato “E tutto ciò che possiamo fare, Jim”.

Un’ultima perla raccontata da Harbaugh è legata al suo addio ai Raiders nel 2004. Quando il coach disse ad Al Davis che aveva intenzione di accettare il lavoro da capo allenatore all’Università di San Diego, Davis gli rispose “Oh, credevo volessi fare l’allenatore a livello professionistico, credevo ti avessimo assunto per far di te un allenatore a livello professionistico”. Harbaugh rispose “Beh, Mr. Davis, ho studiato la sua carriera e voglio seguire le sue orme; so che anche lei ha iniziato allenando al college”. La risposta di Davis fu lapidaria “Si, ma era USC.. non USD”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...